The Pedigree #326 – REGAL ARSE

O alla WWE sono tremendamente sfortunati, oppure è davvero ora che qualcuno si svegli.

La prima volta, ad onor del vero, è giunta inaspettata e ci sono rimasti tutti un po' dentro.
Proprio quando, infatti, sembrava prossimo il push definitivo per Mr. Kennedy, esplode in tutti gli Stati Uniti lo scandalo della Signature Pharmacy e la WWE, sulla bocca di tutti e da sempre nemica dei media, si vede immediatamente costretta a sospendere il talento del Wisconsin ed a trovare una nuova (e risibile) soluzione al mistero dei figlio di Vince McMahon. Con la tragedia di Benoit ancora in testa, la WWE ha dovuto chiaramente cambiare direzione e prendere una posizione forte su quanto successo e così Kennedy, che sembrava pronto per il grande salto, è stato rispedito indietro ed ancora oggi cerca di riaffermarsi agli occhi del pubblico.

La seconda volta, invece, è stata un po' meno facile da digerire.
Jeff Hardy è nel mezzo del push che vale una carriera, ha già assaporato alla Royal Rumble il main event e tutti lo danno come primo candidato per il Money In The Bank di Wrestlemania, fermata che dovrebbe traghettarlo direttamente al primo titolo del mondo. Invece Jeff, mossa quanto mai astuta, decide di ingannare l'attesa con un po' di droghe ricreative, poi si ricorda del Wellness Program ma è troppo tardi e quando lo beccano positivo, essendo la seconda sospensione, si deve sparare 60 giorni sul divano e niente Wrestlemania, con la sua valigia che finisce dritta nelle mani di CM Punk. Poi gli va a fuoco pure la casa, quindi non gli resta manco il divano, però intanto il push è passato e adesso si deve ricominciare da capo. E così, dopo aver scoperto che Hornswoggle era il figlio di Vince (figlio che è letteralmente scomparso dai palinsesti, nonostante per mesi ce l'abbiano proposto in ogni salsa…), anche la rivalità tra Jeff e, si supponeva, HHH viene accantonata.

Poi, più avanti, William Regal vince il King Of The Ring.
Brutto torneo e discutibile vincitore, che perde pure la testa ed inizia a fare il bello ed il cattivo tempo in quel di Raw. Toglie la luce, termina i programmi quando gli pare, in pratica si comporta come Dio in terra e, cosa da non sottovalutare, si trova pure spalleggiato da Vince McMahon in persona. Ora, non è che Regal sia poi così popolare, e la scelta di dare a lui il titolo di King Of The Ring appare per parecchi versi inspiegabile, però almeno la sua “follia” è una cosa nuova e, sebbene non si capisca bene dove voglia andare a parare, Raw propone qualcosa di diverso dai soliti feud triti e ritriti. La presenza di VinnieMac, inoltre, lascia presagire che ci sia qualcosa di grosso che bolle in pentola, per cui non resta che stare a guardare. Se poi Kennedy, che sta girando face, inizia ad avere schermaglie con lui, non è da escludersi che il fantomatico superpush per KK sia di nuovo in arrivo.

Detto fatto, un solo giorno dopo Judgment Day Regal perde contro Kennedy e viene licenziato. Perché pure lui, come lo stesso Kennedy e Jeff Hardy, è risultato positivo al Wellness Program. Probabilmente dosi elevate di cretineria, visto anche che, data la frequenza con cui William “giuro che ho smesso” Regal combatte il motivo di pomparsi il fisico non è ben chiaro; restano però indiscutibili quei sessanta giorni che Will si dovrà fare a casa perché anche lui, deja-vu, è alla seconda sospensione.

Quello che ne ricavano i fan, intanto, è un Jeff che colleziona la peggior figura della sua vita, un Kennedy che finisce a jobbare un po' a tutti e l'ennesima storyline importante cancellata brutalmente, data l'indisponibilità dei diretti partecipanti a prendere parte agli show.

Il che porta a chiedersi dove stia effettivamente il problema.
Sbaglia la WWE, che non fa controlli più severi e che scopre la verità sempre troppo tardi?
Oppure, come credo io, la colpa deve ricadere per forza sui lottatori, che evidentemente tanto svegli non sono se sanno che ci sono controlli regolari eppure continuano a drogarsi, salvo venire poi regolarmente beccati, sospesi e pubblicamente ridicolizzati?

Resta il fatto che per la terza volta una storyline interessante è stata di colpo cancellata, e che pur senza colpe i fan si devono comunque beccare uno show mediocre visto che le idee brillanti non abbondano e, purtroppo, quando vengono messe in atto finiscono sempre male.
E di certo, sotto questo aspetto, non è che la WWE si dia una grossa mano.
Prendete Jeff Hardy, due volte sospeso.
Si droga, lo sospendono nel mezzo del push, non lo citano nemmeno e poi, quando ritorna, come se niente fosse gli fanno battere Umaga e MVP, come se niente fosse successo. Ora, ditemi voi perché un altro lottatore dovrebbe preoccuparsi di una sospensione, se tanto si tratta soltanto di posticipare di trenta o sessanta giorni i piani in atto. Mi beccano? Amen, mi faccio un bel viaggio con la famiglia e quando torno si ricomincia, dov'è il problema?

Beh, il problema è che gli ascolti sono stagnanti, non ci si schioda dalle solite cifre e gli show, tutti e tre, sono fotocopie delle fotocopie di se stessi e faticano ad attirare nuovo pubblico. Ma se questo non è un problema, allora fa lo stesso.

Vedasi Judgment Day, ultimo pay-per-view passato agli archivi che di certo non ha brillato per fantasia ed originalità. Pronostici rispettati per i due main-event, incontri che non hanno avuto molto da dire (persino HBK e Y2J si sono fermati parecchi gradini sotto il loro match a Wrestlemania ed il loro rematch a Raw), ed il fatto che una delle contese più divertenti dell'intera nottata sia stata quella valida per il WWE Women's Championship la dice lunga su quanto ha offerto questo spettacolo ai propri spettatori.

Ormai, se ci fate caso, la maggior parte delle cose degne di nota non hanno niente a che vedere con le storyline in corso. L'interesse si crea perché un wrestler si infortuna, perché un altro viene sospeso, perché un altro ancora distrugge una camera d'albergo e non si sa se lo puniranno o meno, ma di quel che accade sul ring non sembra che importi tanto alla gente. E credo che questo dipenda dal fatto che non accade granché, a meno che non si consideri rendere il titolo di Undertaker vacante un grande momento di entertainment.

Ma a proposito di questo, arriviamo a quella che forse è stata l'unica nota davvero positiva di Judgment Day, ovvero la nuova sospensione del titolo che, invece, dovrebbe stare alla vita di Undertaker senza dubbio alcuno.
L'aver avuto Vickie Guerrero sommersa dai fischi che neanche il Cena dei tempi d'oro, con lei che cercava di parlare ed ogni volta i fischi si facevano più assordanti, è stato un momento tanto raro quanto estremamente divertente.
Certo, il personaggio Vickie, unito ad Edge, aiuta i fischi, ma resto convinto che dietro ci fosse anche tanta stanchezza da parte dei fan, che iniziano a stufarsi di un booking strampalato, dei soliti incontri ripetuti all'infinito (e prepariamoci ad un nuovo Edge vs. Undertaker…) e di spettacoli che, francamente, anche se non li guardi non ti perdi granché.
Viene da sperare che da quel bordello assordante la WWE abbia appreso qualcosa, ma probabilmente dietro le quinte si saranno tutti ricoperti di pacche sulle spalle e con i petti gonfi si saranno masturbati a vicenda, fieri di aver creato un heel di successo così gigantesco da far irretire un'intera arena..

Vedremo, adesso, se a Raw verrà nominato un nuovo General Manager (Di Biase? Teddy Long? Mah…) e se la storyline in corso andrà avanti, o se ancora una volta toccherà fare un passo indietro e ricominciare da capo, con tutto quello che questo comporta.
Di certo c'è che Regal è un cretino, e che la WWE deve assolutamente inventarsi qualcosa di nuovo. Altrimenti ,da qui alla fine dell'anno, mi sa che gli ascolti si adageranno su livelli molto bassi. Il che, per chi guarda ed è ormai schiavo dei vizi altrui, potrebbe anche essere la ragione finale per abbandonare il business. Lo hanno già fatto in tanti, chi può dire cosa succederà in futuro?

Però, a favore di Judgment Day, un'altra cosa va detta:
Tra “Rambo presents Judgment Day” e “Subway (eat fresh) presents Summerslam” non c'è proprio paragone.

For now The Game's over, a martedì prossimo.

15,656FansLike
2,635FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati