Natural Selection #36 – The Nikki ASH Era Begins!

Salve a tutti i lettori del sito di wrestling #1 in Italia: tuttowrestling.com!

Money in the Bank è giunto agli archivi, e tra nuove campionesse, debutti e storyline ci avviciniamo all’evento più importante dell’estate: SummerSlam. In questa edizione del Natural Selection parleremo di Money in The Bank, di Nikki ASH, del Triple Threat annunciato per SummerSlam e vedremo i possibili scenari del roster blu.

Buona lettura!

Money in the Bank

Money in the Bank è stato un evento sorprendentemente bello. Saranno stati forse il ritorno del pubblico, la voglia vera di cambiamento o semplicemente l’accontentare un po’ tutti, ma l’evento è stato uno dei migliori dell’anno finora. Il match Money in the Bank ladder match è stato l’opener, e già questo fa capire che ci aspetteremo molto dalle 8 donne protagoniste. Solitamente il match che apre uno show è quello che deve scaldare i fan, quindi non deve essere sottotono. In aggiunta, si tratta del primo match in ppv con i fan nuovamente presenti (fatta eccezione per Wrestlemania), e vedere che la WWE punta tutto sulla divisione femminile lascia grandi speranze future. Alla vigilia era difficile poter prevedere chi avrebbe vinto. Eccetto Natalya e Tamina, tutte le altre atlete erano candidate alla vittoria per un motivo o per un altro. Il match di per sé è stato comunque innovativo, considerando comunque quando difficile possa essere portare dell’innovazione in un match che ormai esiste da anni e viene ripetuto due volte all’anno (uomini e donne). Alexa Bliss era il fattore sorpresa del match: l’imprevedibilità dettata dai suoi nuovi super poteri, che si è manifestata sulla scala con Zelina Vega. Certo, davvero molto difficile da digerire una cosa simile, va un po’ troppo nello stupido che nel misto in stile Undertaker, però perlomeno la Bliss non ha fatto cadere la valigetta con i suoi poteri direttamente a terra. Asuka è stata invece un po’ invisibile nell’incontro. Pochi spot, poca reale possibilità di vincere, anche se è stata l’unica che ha dato credibilità al finale. Parlando della vincitrice, ecco che Nikki ASH supera tutte le rivali e dal nulla e sfila la valigetta sotto al naso delle avversarie. Il finale del MITB ladder match è stato strano. Ok, un qualcosa di mai visto prima sicuramente, però veramente molto poco credibile. Vedere tutte le atlete, eccetto Alexa, sulle scale e non accorgersi di Nikki ASH che sfila la valigetta è da stupidi. Asuka è stata l’unica che ha provato ad aggrapparsi a lei, mentre le altre era come se fossero presenti di corpo e assenti di mente. Un nuovo finale certamente, ma poco realistico e credibile.

Nikki in the Bank

Parlando invece della nuova Miss Money in The Bank, beh, che dire. Sono rimasto molto felice nel vederla vincere, pur tifando per Liv Morgan. Il pubblico non l’ha acclamata troppo, sarà anche perché il personaggio ha comunque debuttato da poco, però per chi ha seguito la carriera di Nikki Cross dall’inizio fino ad ora non si può non essere contenti per lei. Ad NXT è stata presente in una delle storyline principale, oltre ad aver avuto una gimmick a mio avviso bella ed innovativa per quanto concerne la divisione femminile della WWE. Nel main roster non ha avuto proprio un facile percorso, ma ha saputo reinventarsi, ed il team con Alexa Bliss l’ha comunque resa protagonista per molto tempo grazie alla vittoria delle cinture di coppia. In molti pensavano che il futuro di Nikki avrebbe visto molto presto la strada del licenziamento, non immaginando i possibili piani che la federazione avrebbe avuto per lei. Nikki si è reinventata da sola, ha creato questo personaggio da supereroe (o meglio, quasi supereroe), ed ha magicamente ricevuto tutta la positività della dirigenza. Pare che uno dei primi sostenitori del personaggio, tra l’altro, sia proprio Vince McMahon! Impossibile non essere contenti per Nikki, un personaggio spontaneo e positivo, ed un’atleta buona, abbastanza completa e presente sulle scene da diversi anni ormai. Che possa piacere o meno, la sua vittoria è un qualcosa di fresco, di nuovo, che apre un po’ di novità nello scenario per il titolo femminile di RAW.

Nikki ASH RAW Women’s champion

In men che non si dica, Nikki usa la valigetta appena conquistata e vince la cintura femminile l’indomani a RAW, schienando quella che era la nuova campionessa femminile Charlotte Flair. A MITB, oltre all’omonimo match, si è disputato l’ennesimo incontro tra Rhea Ripley e Charlotte, vinto stavolta da quest’ultima. Dopo un regno alquanto mediocre della Ripley, e dopo pochi match degni di nota, Rhea combatte la sfida migliore da quando ha debuttato nel main roster contro la Queen della WWE. Il match tra le due aveva aspettative bassissime. Nessuno era realmente interessato alla contesa, se non in attesa di risvolti riguardanti il possibile cash-in del Money in the Bank. Il match è stato bello grazie a Charlotte che è la certezza, che garantisce alta qualità, ed anche grazie a Rhea che è riuscita ad emergere ed essere tifata anche grazie al suo schieramento nella fila delle face. Il feud ha sempre avuto questo problema: non si era mai capito chi delle due fosse la “buona”, non si sapeva chi era quella da tifare, chi il pubblico avrebbe sostenuto. Ed infatti, solo grazie alla presenza fattiva del pubblico è stato possibile capire chi doveva essere la buona tra le due. C’è da sottolineare che più che tifare naturalmente per Rhea, è stata Charlotte che si è fatta “odiare” dai fan per il dito medio nei suoi confronti, e per aver continuamente fermato i cori pro Becky Lynch, e quindi al pubblico non ha dovuto fare altro che tifare l’avversario della Flair, ovvero Rhea. Charlotte vince così il trecentesimo titolo femminile. Scherzo ovviamente, ma si è capito che lo scopo della WWE è quello di farle battere il record del padre Ric Flair. Rhea non ne esce malconcia come a Wrestlemania nella sfida tra le due, ma riceve una sconfitta sensata, che fa prevedere subito un nuovo rematch a SummerSlam, magari con stipulazioni speciali. Per fortuna, invece, l’indomani c’è Nikki ASH a salvarci.

Nikki arriva a sorpresa e con un cross body vince la cintura. Ci sono tante cose che potevano essere migliorate. Innanzitutto, l’attacco di Rhea a Charlotte è stato poco credibile. Rhea avrebbe potuto “massacrare” la rivale, colei che le ha strappato la cintura, e così non è stato. Nikki arriva subito sul quadrato e con una mossa batte la campionessa più forte degli ultimi tempi, il punto focale della compagnia. E, la mossa, è un cross body. La vittoria purtroppo, fa risultare debole la nuova campionessa. Nikki ASH è stata creata da così poco che non ha ancora sviluppato un nuovo parco mosse, né una finisher. Ricordiamoci, tra l’altro, che Nikki era quella che aveva avuto modo di inserirsi nella rivalità tra Charlotte e Rhea già precedentemente con il Beat the Clock challange, uscendone in maniera debole da vincitrice. Questa sua vittoria, per quanto io ne sia totalmente felice, non è stata costruita bene. Penso che la WWE abbia più puntato sul fattore sorpresa del MITB, della prima RAW con il pubblico che sulla vera storia attorno alla cintura. Cosa ne sarà ora della nuova RAW Women’s champion?

A SummerSlam è stato annunciato un triple threat match tra Charlotte, Rhea e Nikki per il titolo femminile. Nikki ha subito perso un match contro Charlotte a RAW, ed ha dimostrato di essere l’underdog della contesa pur possedendo la cintura femminile. Ho paura che il suo regno possa essere molto breve se il suo personaggio non riesce a prendere una piega ben definita. Mi spiego: un supereroe è sempre un po’ quello che deve arrivare a conquistare o a vincere qualcosa. Deve sconfiggere il proprio nemico. Ci sta il messaggio del “credete ai vostri sogni che con forza e volontà diventeranno realtà”, ma se poi una volta raggiunti non si è in grado di esserne all’altezza, che succede? Nikki non può sembrare debole ormai. Il suo scopo l’ha ottenuto, e deve combattere con i denti per mantenere le cose così come sono, non dev’essere un eroe debole e fortunato. Spero che nelle prossime settimane la WWE mostri il suo lato migliore, più forte, che non è quello di vincere i match con roll-up e cross body. Per SummerSlam spero che Nikki possa uscirne vincitrice, ma ho i miei dubbi. Soprattutto considerando l’imminente ritorno di Becky Lynch. Ho paura che Charlotte possa aggiungere un nuovo scudetto alla sua raccolta di figurine.

What’s next?

Passando a SmackDown, in realtà, non c’è molto da dire. L’infortunio di Bayley ha cambiato le carte in tavola e ha chiuso prematuramente la faida tra le due. Ora, Bianca è priva di una rivale, e c’è paura per il suo regno. Una campionessa ha bisogno di match e storyline degne di nota per avere un buon regno. E, per il momento, salvo Carmella ed i due match riempitivi disputati nelle ultime puntate, non c’è ombra di cambiamento. Quello che tutti sperano è il ritorno di Sasha Banks prossimamente, con sfida per SummerSlam in un rematch di Wrestlemania. Credo che questa possa essere l’unica possibilità per Bianca, a meno che la WWE non voglia portare la Lynch nello show blu e far affrontare Becky e Bianca. Attendiamo impazienti i risvolti, e speriamo che poi con il draft ci sarà un po’ di rinnovamento a SmackDown.

Ecco alcune considerazioni in pillole di ciò che è successo nelle ultime settimane:

  • Eva Marie e la faida con Alexa non ha alcun senso, però è stato divertente il siparietto della Lily-lution. Se farà intrattenere questa storia allora ben venga.
  • Natalya ha subito un infortunio a RAW, durante un tag team match con Tamina contro Eva e Doudrop. Auguro un pronto recupero all’atleta, sperando di non interrompere prematuramente il regno da campionessa di coppia, poiché…
  • Non ci sono più tag team nella divisione femminile. Mandy Rose è passata inspiegabilmente ad NXT, rompendo l’ultimo team rimasto che avesse un minimo di senso. Ma perché!? Ahimè, per Dana Brooke non vedo notizie positive all’orizzonte.
  • Nox e Shotzi hanno debuttato in team a SmackDown, e questa è un’ottima notizia. Certo, inserire casualmente due atlete di NXT in team non ha troppo senso, considerando che Shotzi aveva vinto le cinture di coppia con Ember Moon ad NXT, ma siamo comunque in WWE.
  • Toni Storm è a SmackDown, ed è un’altra notizia positiva. Dopo il Mae Young Classic ed NXTUK, l’atleta è un po’ sparita, e ad NXT non è che abbia proprio brillato. La Storm è un’ottima atleta, e per fortuna ha debuttato da face, poiché è il suo lato migliore. Speriamo che faccia cose buone e che la WWE creda in lei!

Spero che questa edizione del Natural Selection sia stata di vostro gradimento, un saluto a tutti i lettori, ed a presto!

Ahoy!

Pierluigi Tanga
Classe '94, nato a Salerno, vivo a Bologna. Scrivo su Tuttowrestling.com dal maggio 2017, e da inizio 2020 mi occupo della rubrica Natural Selection. Per il resto ho una vita normale. Ahoy!
15,941FansLike
2,598FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati