Bet on him #13 – BET ON… SAMOA JOE?

Ciao a tutti amici e soprattutto amiche di Tuttowrestling. Ebbene si, torna sulle pagine del sito il Bet On Him, la rubrica che si occupa di scoprire, analizzare e “scommettere” su quei wrestler che in un futuro più o meno lontano faranno conoscenza con il grande palcoscenico del wrestling mondiale. Così come la rubrica, torna anche colui che ha ideato e che ha scritto per questo sito per un bel po'. Dopo diversi mesi di assenza è un gran piacere per me tornare a parlare di wrestling e condividere con voi pareri ed opinioni sulle star di domani. Premessa prima di partire con la rubrica vera e propria. L'assenza di questi mesi non è significato allontanamento dal wrestling anzi. Uno dei vantaggi del risiedere a Londra è quello di avere l'opportunità di prendere parte a numerosi show della nostra disciplina preferita e, di conseguenza, conoscere una grande quantità di talenti che la maggior parte del pubblico mainstream, per ovvie ragioni, non conosce o conosce solo di sfuggita. Oggi grazie al CWC molta gente ha finalmente potuto ammirare talenti come Zack Zabre Jr, Jack Gallagher e Noam Dar. Il Regno Unito offre però davvero un quantitativo industriale di talento (Will Ospreay è solo l'esempio più recente). Spero ad uno ad uno di avere la possibilità di farveli conoscere in futuro.

Direi che però mi sto dilungando un po' troppo ed è il momento di cominciare. Seconda premessa: per chi di voi ha letto i numeri precedenti il format prevedeva una breve biografia più commento e la fatidica domanda “Bet On Him?”. I primi numeri di questa nuova “serie” saranno un filino diversi rispetto al solito visto che occuperemo di personaggi che non sono propriamente personaggi alle prime armi ma atleti che hanno una reputazione nel business ben radicata nonostante non facessero parte della WWE. Parlando di loro analizzeremo che impatto potranno avere quando, prima o poi, si affacceranno nel main roster WWE. NXT sarà la nostra maggior fonte per “selezionare” i talenti ovviamente ma, come già accennato, presto svarierò su più fronti.

Ci sono due personaggi che non hanno davvero bisogno di presentazione. Sono certo che tutti voi conoscete “vita, morte e miracoli” dei suddetti. Sto parlando dei protagonisti dell'ultimo main event di NXT: Takeover Brooklyn II ovvero Samoa Joe e Shinsuke Nakamura. Partiamo dunque proprio da loro. Questo numero dunque è dedicato all'ex NXT Champion, “The Samoan Submission Machine”… SAMOA JOE

BIOGRAFIA SUPERSTAR… SAMOA JOE
Nome reale: Nuufolau Joel Seanoa
Data di nascita: 17 maggio 1979
Provenienza: Orange County, California
Finisher: Muscle Buster, Coquina Clutch
Palmares: NXT Champion, TNA World Champion, TNA Tag Team Champion, TNA X-Division Champion, TNA Television Champion, ROH World Champion, ROH Pure Champion.

Ok, come già accennato Samoa Joe non è certamente un personaggio che va scoperto o conosciuto. Teoricamente questo sarebbe lo spazio biografico della Superstar analizzata ma credo di poter aggiungere ben poco alla biografia che trovate nello spazio del sito dedicato (che vi da quasi completamente la storia del wrestler pre-NXT). Qui stiamo parlando di un atleta che ha conquistato gloria in qualsiasi posto in cui è stato. Partendo dalla ROH in cui debutta nel 2002 conquistando dopo relativamente poco tempo il titolo mondiale e disputando match ancora oggi nella memoria degli appassionati come quelli della lunga rivalità contro CM Punk, Kenta Kobashi e Bryan Danielson. Successo che si conferma anche tra le fila della TNA del quele ben presto diventa una delle colonne portanti prima come rappresentante della X-Division poi successivamente anche come campione mondiale. Rimangono indelebili i suoi match contro Christopher Daniels ed AJ Styles e contro Kurt Angle. Sono match come questi che fanno di Joe uno dei wrestler migliori e più rispettati del business a dispetto del fatto che non abbia mai calcato un ring della federazione di wrestling più importante del pianeta (se non in un episodio di WWF Jakked nel lontano 2000). Dopo aver girato il mondo è finalmente arrivata l'occasione per il samoano di cimentarsi con la WWE. Il 2015 è l'anno della nascita del connubio WWE-Samoa Joe con quest'ultimo che viene spedito ad NXT per rinforzare che già stava facendo parlare di se grazie agli straordinari show messi in piedi nell'anno precedente. Il resto è, tutto sommato, storia recente con l'amicizia tramutata poi in feud contro Finn Balor e la conquista dell'NXT Championship il 21 Aprile in quel di Lowell in un house show. Regno, come sappiamo, durato solo 4 mesi in seguito alla sconfitta di Brooklyn qualche settimana fa per mano di Shinsuke Nakamura.

Sconfitta questa che ha fatto partire immediatamente una domanda: Samoa Joe sta per arrivare nel main roster? Penso che la risposta sia assolutamente affermativa. Direi che ne ha bisogno il main roster (Smackdown senza ombra di dubbio) e soprattutto Joe è prontissimo al “salto”. A dirla tutta credo proprio il samoano sia arrivato già pronto per il main roster della WWE ma tant'è… in ogni caso non penso ci siano dubbi: una volta arrivato nel in uno dei due brand principali della federazione di Stamford, Samoa Joe si ritaglierà sicuramente uno spazio da protagonista. Wrestler dalla che unisce tecnica, forza ed anche una novevole atleticità a dispetto di un fisico non proprio da “peso leggero”. Ottimo carisma e capace di interpretare vari ruoli (anche se eccelle ovviamente come heel). Ascoltavo i ragazzi del Café proporlo come uno di coloro che in futuro potrebbe porre fine al dominio di Brock Lesnar. Credo sia uno scenario che ci starebbe ma che comunque necessiterebbe di tempo ed una buona e solida costruzione del personaggio del samoano. Perché è vero che Joe porta con sé una certa reputazione (AJ Styles insegna che “il pubblico conosce”) ma è anche vero che il samoano ha bisogno di legittimarsi anche in WWE per poi poter ambire non soltanto ad essere un credibile avversario di Lesnar ma anche un atleta al quale poter magari affidare le sorti di un titolo mondiale. Il timore che Joe venga trattato come il classico “samoano distruttore” ma che al primo scontro con un John Cena cade (leggi Umaga), rovinerebbe di fatto un personaggio che, se trattato legittimamente potrebbe davvero creare scompiglio ai piani alti del roster. Lasciandogli spazio, facendogli fare quello che sa fare, credo proprio che Samoa Joe non avrà problemi ad imporsi al pubblico mainstream ed ambire davvero a quel ruolo di anti-Beast che molti gli cuciono addosso. Sperando sempre che il buon vecchio Vinnie veda lo stesso potenziale e non “un altro panzone” da distruggere alla prima occasione (con tutto il rispetto).

In virtù di tutto questo… BET ON HIM? YESS!

Appuntamento tra due settimane. Ciao a tutti.

Adriano Paduano
Appassionato di wrestling dagli inizi del 2000, negli ultimi anni ho vissuto a Londra dove ho coltivato la passione per il wrestling indipendente e la scena UK. Collaboro con Tuttowrestling da oltre dieci anni dove ho ricoperto il ruolo di Raw Reporter (occasionalmente anche ppv), redattore del WWE Planet ed attualmente scrivo il bi-settimanale Bet On Him con qualche comparsata nei vari podcast del sito.
14,815FansLike
2,612FollowersFollow

Ultime Notizie

Diversi match annunciati per Dynamite della prossima settimana

Annunciata gran parte della prossima puntata di AEW Dynamite, la penultima prima di Full Gear.

EC3 accusa la WWE di avergli rubato l’idea di RAW Underground

Intervistato nel ROH Strong Podcast EC3 accusa la WWE di avergli rubato l'idea di RAW Underground

Daga ha lasciato Impact Wrestling

Dopo sua moglie Tessa Blanchard, anche Daga ha deciso di lasciare Impact Wrestling, ottenendo il rilascio dalla compagnia.

La WWE potrebbe essere sotto investigazione per problemi relativi al COVID-19

Come parte di un'indagine più ampia sugli hotspot COVID-19, tre location utilizzate negli ultimi mesi dalla WWE sono attualmente sotto la lente d'ingrandimento.

Articoli Correlati