Ryback: “Non volevo la partnership con Paul Heyman”

Da quando ha lasciato la WWE nell’Aprile del 2016, Ryback non ha mai risparmiato la compagnia, criticandola praticamente per ogni cosa possibile a partire dal booking del proprio personaggio fino a questioni di salute. Un altro episodio della saga è avvenuto durante la sua intervista al The Angle Podcast.

The Big Guy ha parlato della sua affiliazione con Paul Heyman, che a suo dire non fu fatta per mandarlo over: “Paul è fantastico per i promo, ma io non volevo farlo. Non mi serviva un manager, potevo parlare da solo. Non c’era nulla di pianificato a lungo termine come sempre in WWE, l’obiettivo era solo mantenere Heyman in televisione ogni settimana. Invece mi sono divertito molto a lavorare con Curtis Axel, anche se era nel mio periodo di punizione.”

Parte della formazione iniziale del Nexus, prima vittima dello Shield e protagonista di diversi main event contro CM Punk e John Cena, Ryback ha ottenuto un posto nella storia del wrestling, ma non pensa che la WWE lo menzionerà: “Ho fatto parte di quei momenti, ma non verrà mai fatto il mio nome quando dovranno parlarne. Io sono grato per tutto, ho avuto tanti bei momenti ma è così che va. Giuro su Dio, il momento migliore è quando me ne sono andato. Sapevo che dovevo andarmene da lì.”

L’accusa principale di questa intervista è che la WWE userebbe i titoli come “un modo per spingerti a rinnovare. Il mio contratto era in scadenza tra non molto e ne stavamo discutendo, ero campione intercontinentale ma il mio regno è terminato prima del previsto perchè non rinnovavo. La WWE fa così, ti danno un titolo per convincerti a restare, molti avrebbero accettato ma non io. Volevo migliori condizioni, quindi io e Vince avevamo raggiunto un’intesa. Sarei stato un heel con un nuovo costume ed avrei vinto il titolo WWE, ma siccome non accettavo sono stato depushato al titolo degli Stati Uniti. Quando era chiaro che me ne sarei andato, sono passato a mandare over Kalisto.”

Ryback ha combattuto il suo ultimo match in WWE contro il messicano a Payback, lasciando poi la federazione. Da lì in poi pochi match e molte interviste contro la compagnia gestita da Vince. Nel bel mezzo una disputa per usare il nome ‘Ryback’ e la lenta trasformazione dell’ex Nexus da wrestler ad autore di podcast ed imprenditore indipendente.

14,920FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati