Emerso il motivo del licenziamento di Bray Wyatt

La notizia del licenziamento di Bray Wyatt da parte della WWE, giunta in serata, ha certamente lasciato stupiti molti fan e addetti ai lavori. Infatti, nonostante Wyatt fosse assente dalle scene dalla puntata di Raw post WrestleMania 37, in pochi si immaginavano che anche lui sarebbe entrato a far parte della lunga lista dei wrestler licenziati dalla compagnia di Stamford in questo 2021.

A breve distanza dalla notizia, i maggiori siti americani sono venuti a conoscenza del motivo che ha portato la WWE a questa scelta. Come nel caso di Braun Strowman, la motivazione sarebbe puramente economica. Sia Dave Meltzer che Mike Johnson hanno infatti confermato che il licenziamento di Bray Wyatt è avvenuto a causa di tagli al budget.

Wyatt sarebbe stato informato della decisione nel pomeriggio, attraverso una chiamata da parte di John Lauirinaitis. Quest’ultimo avrebbe spiegato all’atleta che la scelta della WWE non aveva nulla a che vedere con qualcosa che lui aveva fatto nell’ultimo periodo. L’ex Universal Champion, stando a quanto aggiunto da Meltzer, si stava preparando per tornare negli show WWE ad agosto ed era stato anche bookato per alcuni spettacoli. Viene quindi a cadere l’ipotesi che fosse stato lo stesso Wyatt a chiedere di essere rilasciato.

Sorpresi anche i dipendenti WWE

Molti all’interno della WWE sono rimasti enormemente sorpresi dal licenziamento di Bray Wyatt considerato il grosso successo nella vendita del suo merchandise, soprattutto dopo la nascita del personaggio del Fiend. Alcuni di loro, come suggerito da una fonte a PWInsider, incolperebbero principalmente il Presidente della WWE Nick Khan e la CFO Kristina Salen. Loro sarebbero talmente ossessionati della compagnia dal non voler rischiare di vedere un segno negativo nei bilanci WWE, tanto che anche dopo i risultati dell’ultimo trimestre avrebbero spinto per ulteriori tagli.

Altro retroscena sulla vicenda è giunto su Fightful Select da Sean Ross Sapp. Il giornalista ha svelato la WWE aveva già preso in considerazione il nome di Bray Wyatt durante un precedente taglio di wrestler, ma alla si era deciso di non licenziarlo.

Bray Wyatt, che rimarrà legato alla WWE per i prossimi 90 giorni dalla clausola di non-competizione, sarà certamente uno dei free agent più cercati in questo periodo. Nel caso di un suo eventuale approdo in AEW, molti hanno già notato che i 90 giorni scadrebbero la settimana prima di Full Gear, ultimo pay-per-view annuale della federazione di Tony Khan.

La reazione dei suoi colleghi

Alexa Bliss non è stata l’unica persona a commentare il licenziamento di Bray Wyatt.

Al suo messaggio si sono aggiunti quelli di diversi colleghi dell’ex leader della Wyatt Family, che non hanno mancato di sottolineare la sua enorme passione che metteva ogni giorno per migliorare il suo personaggio:

Stefano Tateo
Classe 1997, ho iniziato a scrivere per Tuttowrestling nel maggio del 2017, ricoprendo da allora il ruolo di news reporter.
15,941FansLike
2,596FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati