NXT Planet#8

Bentornati all’appuntamento con l’NXT Planet! Dall’ultimo numero di carne al fuoco ne è stata messa tanta, con anche TakeOver 31, vediamo quindi di fare il punto su ciò che è successo e sulle prospettive future.

Iniziamo con l’analisi di TakeOver, show davvero godibile che però non ha visto passaggi di titolo ed il che non è un dato necessariamente negativo. Le danze vengono aperte da Damien Priest e Johnny Gargano che ci regalano una solida contesa, con Priest che mantiene la cintura e combatte, a mio avviso, il suo miglior match da quando è ad NXT. Gargano non ne esce assolutamente ridimensionato, in quanto ha uno status talmente alto da non essere intaccato dalle sconfitte.

Si prosegue poi con Kushida che sconfigge Velveteen Dream. Ottima cosa la nuova attitude più aggressiva del giapponese, mentre a me francamente Dream non ha mai detto nulla, anzi lo trovo parecchio irritante, quindi non mi dispiace che sia precipitato nel midcarding.

Invece Santos Escobar e Isiah Scott li adoro fin dai tempi di Lucha Underground ed il loro feud è stato davvero entusiasmante a livello di lottato. Pure questo ultimo capitolo non fa eccezione con Escobar che mantiene il titolo, ma spero che Scott non venga accantonato.

Anche Io Shirai mantiene la cintura contro Candice LeRae e per me questo è l’unico risultato “sbagliato”, pur in un ottimo match. La giapponese è bravissima sul quadrato, ma proprio non sa recitare, infatti il feud lo ha portato avanti Candice. Se ora le si prospetta Ember Moon, che già non mi piaceva prima, figuriamoci con il nuovo orripilante look, non credo le cose possano andar meglio. Ma per fortuna sta per tornare Toni Storm.

Il main event è un match davvero entusiasmante, con due atleti che si sono integrati benissimo tra loro, regalandoci un incontro a 5 stelle. Come era prevedibile Finn Balor mantiene il titolo, ma Kyle O’Reilly spesso è sembrato sul punto di poter prevalere. Ottima la scelta di non sovraccaricare il booking con la presenza dell’Undisputed Era, visto che non c’era assolutamente bisogno di distrarre l’attenzione dal lottato. Sorprendente il finale con l’attacco di Ridge Holland ad Adam Cole, paracadutando d’improvviso l’inglese nelle parti alte del roster. Peccato però che Holland mercoledì si è infortunato gravemente e starà lontano dalle scene per lungo tempo. Francamente l’ho visto troppo poco per capire le sue reali qualità, ma se ne parlerà nel 2021.

Devo ammettere che era parecchio tempo che non vedevo un TakeOver così bello, un ottimo segnale dopo la parziale delusione del precedente. Mi sono anche ricreduto sull’opportunità di mandare l’Undisputed Era nel main roster: loro, Johnny Gargano e Tommaso Ciampa purtroppo finirebbero solo per fare da jobber di lusso. Teniamoceli stretti ad NXT! Sono invece già due TakeOver che i titoli di coppia non vengono difesi e francamente non ho ancora capito che ci facciano nelle mani dei Breezango.

Finalmente sono ripartite le puntate canoniche di NXT UK e Kay Lee Ray ha difeso il titolo contro Piper Niven ed ora le si prospetta un interessante feud contro Jinny. In campo maschile siamo in attesa della resa dei conti tra Walter e Ilja Dragunov, match che attendo con particolare curiosità, visto lo stile differente di due atleti che apprezzo entrambi.

Per ora è tutto, appuntamento al prossimo mese!

Johnny Bresso
Appassionato di calcio, golf, musica e sottoculture, seguo il wrestling dagli anni '80. Sull'argomento ho pubblicato il libro "Storie dalla terza corda".
15,941FansLike
2,635FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati