Impact Planet #50

Un delizioso rutto di benvenuto a tutti voi amici appassionati di TNA! No, non preoccupatevi, non sono impazzito di colpo, semplicemente volevo iniziare con un doveroso tributo alla “prima” assoluta, anzi alle prime visto che c'è stato anche il post-pvv lunedì sera, del radioshow di Tuttowrestling in diretta. A parte il ruttone siderale in piena diretta del buon anchorman Ganzerli, la possibilità di interagre in diretta con la chat e con le telefonate degli ascoltatori sono quel qualcosa in più che mancava a rendere per me veramente impedibile un appuntamento che era già divertente di suo, dunque ci tenevo davvero a ringraziare Erik per l'opportunità ed a rinnovare l'appuntamento per la prossima occasione. E per chi se lo è perso tenete d'occhio il forum ed il buon commissioner…

Detto questo torniamo a parlare di ciò che ci compete, ovvero del campione, della vittima sacrificale e del nome speso per garantirsi un ritorno economico, ovvero di quello che sarà il main event di Sacrifice, una sfida a tre fra Samoa Joe, Scott Steiner e Kurt Angle. A meno di un mese dalla conquista della cintura, infatti, per Joe arriva forse la fase più difficile, ovvero costruire un regno da campione che possa essere giudicato positivamente da noi spettatori. E perdipiù già con un fardello alle spalle che è indipendente da lui, ovvero il tributo da pagare alla ridicola storyline delle valigette, visto che a tempo perso proprio Scott Steiner ne ha una che garantisce la title shot che andrà a spendere in pay per view.
Pur non potendo rinnegare il tutto, la federazione ha pensato esattamente quello che tutti noi avevamo nella testa, ovvero che con tutto il rispetto per Freakzilla, un main event uno contro uno fra lui e Joe sarebbe stato scontato nel risultato e con pochissimo hype, senza contare che la capacità di Steiner di stare sa solo sul ring per 15-20 minuti di main event è tutta da verificare. Da qui dunque la necessità di avere almeno un terzo incomodo, un nome decisamente più prestigioso di quello di Steiner che possa far quadrare i conti. E su chi far ricadere la scelta se non sull'eroe olimpico? Main eventer di indiscutibile caratura, con una ovvio conto in sospeso con Joe e relativo desiderio di rivincita, ed oltretutto, ed è questo secondo me il fattore discriminante, ormai in fase di uscita dal giro della cintura, uscita ovviamente temporanea, ma pur sempre uscita.
Perché spendere adesso, dunque, un nome come Christian Cage, Sting, o perché no uno fra AJ e Tomko (anche se il primo è naturalmente destinato a Angle ed il secondo è al momento sospeso – ed è una perdita più grave di quello che si possa credere ) quando la storyline può ancora sfruttare il “residuo” di Joe vs Angle, avendo a disposizione anche uno che si prenderà lo schienamento ed eviterà una punizione eccessiva verso l'ex campione e ormai cornutissimo eroe olimpico?

Il risultato è dunque il più classico dei main event di transizione, certamente non negativo a prescindere visto che ci sono sempre dentro due dei migliori wrestler della federazione, ma obiettivamente anche un po' scontato (non vedo alternativa alcuna ad una vittoria di Joe su Steiner) e non certo candidato numero uno a match dell'anno. Non salto dalla sedia per la gioia, ma sotto l'aspetto “gestionale” capisco, mi adeguo e mi accontento, in attesa di tempi migliori e pay per view più consistenti.

A valle del main event non c'è ancora molto altro di definito, se non un qualcosa che faccio fatica a comprendere, ovvero il Deuces Wild Tournament (sperando di non aver scritto male come faccio sempre), e l'ennesima occasione sprecata per voglia di strafare, ovvero il match per il titolo femminile.

Cominciamo dal primo.. in pratica sarà un torneo fra tag team che avrà quattro match di qualificazione a Impact ed una conclusione a Sacrifice, con le squadre che però arriveranno al pay per view mischiate. Ora la mia domanda è molto semplice… perché? A cosa serve questa stipulazione?
A valorizzare la categoria dei tag team? Assolutamente no, anzi rompendo tag team consolidati come il Team 3D secondo me la categoria la si sminuisce più che valorizzarla..
A creare interesse verso questo incontro? Ora sarà che come al solito GP è brontolone e incontentabile, ma a voi davvero interessa di vedere coppie che si mischiano e magari rivali costretti a lottare insieme pur di vincere le cinture? A me no.. per differenti opinioni sapete come contattarmi e sarò felice di avviare un dibattito e/o di ricredermi.

A parcheggiare in modo adeguato personaggi come Sting, Christian Cage, Rhino, Roode, Storm e via dicendo? Ecco, la motivazione più probabile mi pare proprio questa.. ma allora onestamente perché non lasciare il discorso cinture di coppia ai tag team e magari non mettere su un bel match, questo sì a stipulazione speciale, con in palio una title shot al titolo di Joe? Perché al momento da questo miscuglio fra tag team e singoli di lusso ne viene fuori la situazione paradossale in cui da un lato coppie come i MCMG sono già fuori dal discorso cinture, dall'altro al termine di Sacrifice avremo Steiner con una sconfitta indolore, Angle a feudare con ogni probabilità con AJ, ma non avremo uno sfidante credibile e soprattutto “costruito” per Joe.
Magari sarà proprio quello che Jim Cornette annuncerà nella prossima puntata di Impact, un match violentissimo da cui uscirà un pretendente per il titolo.. ma con chi, se buona parte dei nomi che contano sono già stati spesi per questo torneo? Boh… risposta cercasi, sperando che menti più lungimiranti della mia ci abbiano già pensato.

Passando, in chiusura, al match femminile, come ho già accennato prima la voglia di strafare, ancora più inspiegabile visto lo stato di salute della categoria, si nota immediatamente anche solo ricapitolando la stipulazione dell'incontro: si inizia con una battle royal, le ultime due disputeranno un ladder match, ed infine se per la vincitrice ci sarà l'onore della cintura per la perdente ci sarà l'onere di essere rapata a zero. Anche qui il mio pensiero è semplice ed allo stesso tempo decisamente drastico.. non voglio dire che assisteremo ad una schifezza immonda o che vedere una knockout rapata sia una cretinata a prescindere, perché tutto sommato è un qualcosa che nel wrestling ci sta, e che se gestita al meglio, vedi tanto per cambiare il maestro Angle anni fa, può anche giovare ad un personaggio. Tuttavia invece di prendere tre, dico tre stipulazioni e metterle tutte in uno stesso match, cosa ci voleva a limitare un attimino la fantasia, senza nemmeno doverla uccidere del tutto? Traduco in soldoni.. invece del “questo poi quest'altro poi chi perde quest'altro ancora match” non bastava annunciare un ladder match per la cintura fra 4 o 6 knockouts? Avremmo avuto un match potenzialmente candidato a diventare il miglior incontro femminile della storia, e la costruzione poteva comunque far leva sulla scala e sulle difficoltà che avrebbe potuto incontrare la mastodontica campionessa in un match così. Niente da fare.. troppo semplice evidentemente.

Per questa edizione è dunque veramente tutto, in attesa di avere ulteriori spunti su Sacrifice, possibilmente con puntate di Impact di alto livello come quelle delle ultime due settimane. Vi preannuncio come in occasione dei pronostici al pay per view ho intenzione di introdurre una piccola novità sperimentale, che spero possa essere di vostro gradimento e diventare una componente stabile di questa rubrica.

Nel frattempo vi saluto in puro Jackfoley style… BURP!

Giovanni Pantalone
Super appassionato di wresting dagli inizi degli anni 90, al punto da vedersi, tra WWE e Impact, una trentina di Pay Per View e show televisivi dal vivo in giro per il mondo. Si occupa da sempre di tutta la parte tecnica del sito, compresa la App e la gestione del Forum, ma non disegna sporadici editoriali e comparsate nei podcast.
15,655FansLike
2,630FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati