Impact Planet #316

Rieccoci miei cari lettori e lettrici di Tuttowrestling.com fra le righe di un nuovo numero dell'Impact Planet.

Dove eravamo rimasti?

Due settimane fa decisi di soffermarmi su tutto quello che al momento circonda la TNA; i vari problemi logistici e dei pagamenti e chi più ne ha più ne metta.
In effetti qualcosa sembra cambiare ed il vento tira in modo totalmente diverso in quel di Nashville.
La compagnia sembra aver deciso di retribuire i propri dipendenti a gettone, (eccetto in pochi ai quali possono concedere un contratto stabile); questo punto è una vera e propria scommessa (essendo comunque una compagnia di medio-alto livello) che potrebbe rivelarsi di successo, ma allo stesso tempo un grande rischio per le esclusive degli atleti (come mi faceva ben notare il mio collega Riccardo Tiberi).
In questi giorni inoltre sono in fase di registrazione i tapings TV di Impact Wrestling (dove ne accadranno delle belle) ed è stata annunciata data e sede della prossima edizione di Bound For Glory e cioè il 4 ottobre nella Cabarrus Arena di Concord, North Carolina.
Motivo in più (dopo l'annuncio del tour inglese del prossimo Gennaio) per credere nel continuo del rapporto fra TNA e Destination America.
Qualora la mia opinione sarà stravolta, sarò lieto di ammettere i miei errori di valutazione.

Nell'Impact Zone la situazione si fa bollente, tralasciando gli ultimi tapings del quale evito di parlarvi onde evitare spoiler, sono avvenute diverse cose degne di nota:

– Bully Ray è stato nominato come nuovo GM della compagnia,

– Jeff Jarrett è stato introdotto come nuovo membro della Hall of Fame,
NWA/TNA World Heavyweight Championship (6),
TNA King of the Mountain Championship,
King of the Mountain (2004, 2006, 2015)
Un nome, un cognome ed una storia unica che solo il co-founder della Total Nonstop Action poteva scrivere.
Un orgoglio poterlo rivedere nuovamente nella Impact Zone, come indescrivibile la mia felicità quando per più volte ho parlato di questo possibile (con lo scetticismo di molti) scenario poi finalmente avvenuto.
Double J è un pezzo di storia del pro wrestling, il team con Owen Hart i WWE, Bash at the Beach 2000 in WCW e chi più ne ha più ne metta; ma quanto fatto in TNA è indescrivibile.
Il sangue versato per questa compagnia è stato finalmente ripagato e forse, anzi, probabilmente (si spera) non finisce qui.

– Matt Hardy è il nuovo #1 contender al titolo e allo stesso tempo, Jeff Hardy ha fatto il suo ritorno.

– Eli Drake ha tradito Drew Galloway costandogli l'opportunità di vincere il TNA World Heavyweight Title (stava lottando con EC3 in un incontro valido per la cintura ndr).

Ed è proprio sul quarto ed ultimo punto che voglio soffermarmi.
Drew Galloway ed Eli Drake, il vecchio Rising, la stable che era in conflitto (poi perso) con il Beat Down Clan..
Eccoci arrivati alla meta, il BDC.
Dopo quanto accaduto con Hernandez e la Lucha Underground e quindi la cancellazione della storyline; MVP ha deciso di abbandonare la nave, lasciando la compagnia dopo un anno e mezzo in cui ha mostrato gran parte delle sue qualità sotto ogni aspetto da lui interpretato.
Il BDC scorreva nelle sue vene, lo si notava, ci metteva tutta la passione del mondo ed è stata una sua totale creazione.
Ma allo stesso tempo, la sfortuna si è accanita fin troppo, prima l'addio di Samoa Joe per passare in WWE, poi l'arrivo di Homicide smantellato da un grave infortunio, poi l'abbandono di Low Ki ed infine la confusione dovuta alla sbadatezza di Hernandez (e la poca disponibilità della Lucha Underground che ha chiuso le porte ad ogni possibile trattativa ndr) che, detto onestamente, ha rovinato un progetto con un alto potenziale.
Sono convinto che l'addio di MVP lascerà un vuoto, in un modo o nell'altro, è un worker esemplare e personalmente ho apprezzato fin dal primo giorno il suo lavoro nella Total Nonstop Action come quello iniziale in WWE.
L'unica differenza è che in TNA è stato più se stesso, si è costruito da solo un personaggio di successo che ogni fan di questa compagnia, buono o cattivo che sia, lo ha amato.
Ci mancherai caro Montel.

Noi ci aggiorniamo come di consueto con il prossimo numero dell'Impact Planet, vi consiglio di non perdervi il prossimo episodio di Impact Wrestling (No Surrender 2015).
Per coloro che invece hanno intenzione di spoilerarsi le prossime puntate, tutte le anticipazioni sono nella nostra newsboard.

#WeDoWhatWeDoBeacuaseWeCan

Have a Nice Day 🙂

Aldo Fiadone
Newser ed editorialista per Tuttowrestling.com dal 2015; Founder e conduttore del podcast Pro Wrestling Culture; Dal 1999 amante di Sting e le sue gesta.
15,941FansLike
2,598FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati