Impact Planet #297

Aficionados della TNA benritrovati a questa nuova edizione del TNA Planet su Tuttowrestling.com!

Durante l'ultima edizione di Impact Wrestling abbiamo assistito alla fine della tirannia da parte di MVP come direttore delle operazioni legate al wrestling e il suo successore è nientemeno che Kurt Angle: a mio parere non male come scelta, è un modo come un altro per mantenere l'Olympic Gold Medalist sugli schermi dato che purtroppo non può ancora lottare. Trovo sia una scelta interessante, anche se non si può certo dire che un Kurt Angle come nuovo DWO, o general manager se preferite, sia una novità: qualcuno probabilmente ricorderà il periodo dove Angle fu general manager di Smackdown in WWE nel 2004 al posto di Paul Heyman, e anche all'epoca si decise di tenere comunque impegnato Kurt Angle nonostante l'infortunio al collo che lo costrinse a un periodo di inattività sul quadrato. All'epoca Kurt Angle fu un gm heel, a Impact Wrestling al momento è rimasto face anche da DWO, ma la speranza è che questo suo “nuovo” impiego porti a un match con MVP, ovviamente quando sia Angle che MVP si saranno ristabiliti al 100% dai rispettivi infortuni: le schermaglie tra il TNA Hall Of Famer e l'ex DWO ci sono già state, anche grazie al recente attacco nel backstage di Kenny King su Bobby Roode, e mi rendo conto che in effetti è un po' presto per fare previsioni, ma personalmente vedrei davvero di buon occhio un probabile match tra Kurt Angle e MVP, magari a Bound For Glory, ma siccome parliamo pur sempre della TNA, il timore è che, nell'eventualità che questa contesa si possa disputare, lo riservino per una edizione “speciale” di Impact Wrestling, ma così come dicevo poco fa è ancora presto per capire se si parla di puro fantawrestling o se questo ipotetico scontro si tramuterà in realtà, si rimane nel campo delle supposizioni così, e lo stesso discorso vale per la card di Bound For Glory.

Ed è proprio Bound For Glory uno degli argomenti che ha tenuto banco in TNA: Dixie Carter, in compagnia del leggendario Great Muta e a margine della partnership con la Wrestle-1, ha annunciato che il prossimo 12 ottobre Bound For Glory si terrà a Tokyo alla Korakuen Hall, e dunque sarà il primo pay per view TNA che si disputerà fuori dal territorio americano. Una mossa senza ombra di dubbio coraggiosa, che secondo il mio punto di vista, rappresenta una intenzione da parte della compagnia di voler uscire da quel tunnel in cui, seppur ci siano stati vari tentativi, difficilmente riesce ad uscire. L'aver annunciato Bound For Glory nella capitale giapponese lascia però qualche dubbio: sottointeso che al 99,9% la TNA sarà costretta a registrare il pay per view tra la mattina e il pomeriggio di Tokyo per poi mandarlo in differita nella serata americana a causa del fuso orario che intercorre tra gli Stati Uniti e il Giappone, i dubbi principali restano due: il primo è la capienza della Korakuen Hall, dato che è un arena che può contenere non più di 2000 persone, e credetemi, far disputare l'evento più importante della TNA in una arena del genere mi sembra alquanto riduttivo. Intendiamoci, non voglio assolutamente dire che la TNA riuscirà facilmente a riempire i 2000 posti disponibili (anzi, secondo me sarà già tanto se arriva a 1000-1200) o che Bound For Glory sarà un evento da ricordare al pari di Wrestlemania XXX, nulla di tutto ciò ovviamente, ma a patto che ci fossero davvero dei costi troppo elevati per le casse della TNA, ritengo che Bound For Glory meritasse una location migliore, magari nel Regno Unito sarebbe stato più congeniale dato che la compagnia di Orlando riesce ancora a riempire per bene le arene e a scatenare il pubblico britannico, cosa tutt'altro che scontata in Giappone. C'è da considerare anche un'altra cosa, e la sostengo con rispetto parlando: non so quanto sia davvero vantaggioso per la TNA aver intrapreso una collaborazione con la Wrestle-1, entrambe le compagnie nelle rispettive nazioni fanno fatica ad emergere. La prima ha sempre il costante dominio della WWE, una situazione interna ed economica sempre preoccupante con l'aggiunta di un ipotetico, ma non ancora certo o ufficiale, sorpasso da parte della ROH e, forse, sottolineo forse, della GFW non appena la nuova creatura di Jeff Jarrett comincerà ufficialmente il suo cammino. La seconda invece ha dalla sua una leggenda come Great Muta, ma è pur sempre alle spalle di altre promotion del Sol Levante, la NJPW su tutte. Insomma, è una scelta molto, molto coraggiosa, ma piena di rischi e incognite, un pay per view TNA in Inghilterra avrebbe quantomeno abbassato considerevolmente i dubbi sollevati dalla scelta di far tener luogo Bound For Glory in Giappone, ipotetici costi troppo elevati e possibilità che Jeff Hardy possa nuovamente viaggiare al di fuori degli USA permettendo.

All'inizio ho fatto un piccolo riferimento alla ipotetica card di Bound For Glory a causa di un rumor che sostiene una probabilità che si possano disputare alcuni match interpromozionali tra lottatori TNA e lottatori Wrestle-1, un po' come accaduto a marzo ad Outbreak e più recentemente lo scorso 6 luglio dove i Wolves hanno difeso con successo i titoli di coppia in un match contro gli Junior Stars, tag team appunto della Wrestle-1. Per ora rimane puramente una voce di corridoio, ma l'augurio è che se questa scelta troverà conferme in futuro, non vada troppo a discapito delle storyline che la TNA manderà avanti a ridosso di Bound For Glory. Provo a soffermarmi sul main event: al momento abbiamo Bobby Lashley come TNA World Heavyweight Champion, e all'orizzonte pare esserci uno scontro con Bobby Roode, dopo che quest'ultimo ha prima effettuato il suo ritorno dopo che lo stesso Lashley si era laureato campione dei pesi massimi ai danni di Eric Young, e poi dopo, in storyline, reintegrato nel roster. Personalmente preferivo che Roode rimanesse heel in quanto credo sia il ruolo più adatto al suo personaggio, ma è la stessa cosa che pensavo mesi fa di Bully Ray dopo i fatti di Lockdown, e nonostante ciò spero davvero che Bobby Roode, presto o tardi che sia, si faccia un altro giro con il titolo mondiale alla sua vita, e perchè no in una sorta di deja-vu del suo precedente e finora unico regno titolato da campione dei pesi massimi: con Eric Young che ormai rimarrà fuori dal giro che conta per un po', con Austin Aries che sfrutterà il suo rematch titolato per il titolo X-Division (qui però resta un pizzico di amaro in bocca, perchè è un match titolato che si disputa dopo che i due non si sono minimamente incrociati da quando Sanada ha conquistato il TNA X-Division Championship proprio ai danni di “Double A” ) e con Samoa Joe in un limbo nel quale bisogna ancora attendere per vedere in che modo lo faranno uscire, non trovo altre alternative valide a Bobby Roode come prossimo e vero sfidante al titolo mondiale detenuto da Lashley. Ok, ci sarebbe anche Bully Ray volendo, ma credo che la faida con Ethan Carter III e con Dixie Carter andrà avanti ancora per un po', anche alla luce del ritorno temporaneo di Rhino proprio in vista delle edizioni di Impact Wrestling registrate a New York.

Non resta che vedere quali sviluppi porteranno le varie storyline in attesa di Destination X, registrato sempre a New York lo scorso 26 giugno e che non vedremo prima del 31 luglio: nell'occasione rivedremo Tommy Dreamer, Rhino, Low Ki (due volte campione X-Division e tre volte campione NWA, la speranza è che torni stabilmente in TNA), Homicide (ex campione X-Division e di coppia, sia TNA che NWA) e Brian Cage, apparso a Impact Wrestling a inizio 2013 durante il GutCheck e che vanta un passato in FCW, all'epoca settore di sviluppo della WWE. Tra l'altro è pubblicizzato un match tra i Wolves e gli Hardy Boyz, che onestamente non vedo davvero l'ora di poter assistere (e sarà curioso vedere se Jeff Hardy tornerà semplicemente come se stesso o se continuerà con la gimmick di Willow).

Per oggi è davvero tutto, vi do appuntamento tra due settimane con l'edizione n°300 del TNA Planet, una edizione che posso già preannunciarvi sarà un po' diversa dal solito.

Alla prossima!

Adios!

14,945FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati