Impact Planet #280

Salve a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento col TNA Planet!

Ci sono un sacco di cose da dire, andiamo con ordine.

In primis, direi, finalmente c'è stato un confronto tra AJ Styles e Bully Ray, i due che si affronteranno a Bound for Glory per il titolo dei pesi massimi e che, fino ad adesso, non si erano minimamente considerati l'un l'altro. È stato un confronto onesto, niente da dire, giocato interamente intorno al titolo (quindi al wrestling) e che quindi ha lasciato fuori tutte le cose “di contorno”. Unico appunto: è arrivato davvero troppo tardi, doveva iniziare tutto prima. Comunque, come detto, un segmento che ci stava e, nel suo complesso, ha funzionato abbastanza.

Il contorno all'incontro tra AJ e Bully è ovviamente rappresentato da Dixie Carter, la quale continua ad infestare gli episodi di Impact con le sue dubbie doti recitative. A parte questo, i parallelismi tra la storyline che vede coinvolti la stessa Dixie e AJ Styles e la “Summer of Punk” del 2011 stanno aumentando; ad esempio, come detto dalla Carter durante l'ultimo episodio di Impact, quello di AJ contro Bully Ray a BFG sarà l'ultimo match del Phenomenal One per la TNA, come lo era quello di CM Punk contro John Cena a Money in the Bank 2011. E poi vogliamo parlare anche di Dixie che dice: “Voi pubblico non capite cosa sia best for business?”. Insomma, scopiazzano qua e là, è indubbio.. però confido nel fatto che l'attenzione, in queste ultime puntate prima di BFG, venga davvero spostata sul titolo e su AJ e Bully Ray (e sul wrestling!).

Passiamo alla X-Division. L'Ultimate X sancito per BFG potenzialmente potrebbe essere lo show-stealer. I quattro partecipanti sono davvero di altissimo livello: Jeff Hardy, Austin Aries, Manik, e Chris Sabin (che da heel, per quanto si impegni notevolmente, è al limite del ridicolo involontario). La TNA questo giochino con la X-Division lo fa spesso: quando l'attenzione sulla divisione cala, ci butta dentro delle top star per aumentare l'interesse. Però, voglio dire, alla fine che ce ne importa? Il brutto è che un buon atleta come Kenny King venga escluso così dal giro titolato (e da tutti i giri, di conseguenza). Dobbiamo farcene una ragione: King, come altri, è un tappabuchi nei tempi di magra.

Magnus è l'unica forza fresca costruita dalla TNA negli ultimi anni, è stato pushato bene (con alti e bassi), e potrebbe diventare veramente il futuro top face della compagnia. Però il rischio è grosso ora come ora, poiché il suo match contro Sting sancito per BFG potrebbe essere il trampolino di lancio definitivo per l'atleta inglese, ed io spero che questo sia un confronto tra due face e che nessuno dei due turni. Solo così, con un “passaggio della staffa” se mi si concede l'espressione, Magnus potrebbe davvero lanciarsi verso il main eventig della TNA. Al contrario, con un suo turn, secondo me si distruggerebbe tutto o quasi.

Non fraintendetemi, non voglio dire che l'espulsione di Wes Brisco dagli Aces & Eights equivalga alla fine della stable, ma c'è da dire che ormai né gli Assi, né la Mafia, hanno più senso. Gli Aces & Eights sono in crisi piena, ridotti ai minimi termini, e indeboliti all'inverosimile. Così è la MEM, stable nata esclusivamente con lo scopo di distruggere gli A&8. Questo cosa lo dico a fare? Lo dico perché o si aggiungono nuovi membri, oppure Bully Ray farebbe bene a staccarsi anche lui e a diventare semplicemente il top heel, e non più il top heel E il presidente di una stable ormai morta e sepolta. Non credete? Voglio dire, Bully ha dimostrato di poter essere il miglior heel della compagnia con le sue sole forze, ha davvero ancora bisogno di una stable smantellata come gli Aces & Eights, ora? Secondo me no.

È un vero peccato che i Bad Influence, miglior tag team della TNA, perdano spesso on-screen e servano solo come riempitivo, spesso e volentieri. Non solo: gli EGO, almeno secondo il mio parere, altro non servono che a pushare Bobby Roode. E poi, se vogliamo dirla tutta, è davvero un peccato che Daniels e Kazarian siano relegati al “kickoff” di BFG, con la possibilità di venir esclusi completamente dal PPV (la vittoria di Hernandez e Chavo sembra, purtroppo, molto probabile). Avere una Ferrari ed usarla solo per andare all'alimentari sotto casa.

Arriviamo alle KO con l'esordio di Lei D' Tapa, che io avevo già visto nel PPV one night only “Knockouts Knockdown”, nonché qualche tempo fa (parecchio a dire il vero) al Gut Check. Con un roster limitatissimo come quello delle KO al momento, questa è di sicuro una scelta molto molto coraggiosa. La ragazza ha, infatti, una gimmick molto particolare, esagerata oserei dire, e la sua attitude sul ring potrebbe rischiare di diventare ridicola involontaria in pochissimo tempo. Certo è che la presenza fisica non va sottovalutata, così come la (sembra) buona abilità sul ring. Staremo a vedere, di certo è un innesto che non ripaga la partenza di Mickie James, che è stata una grossissima perdita. Se poi consideriamo che la campionessa ODB è una mezza comedy anche lei, un eventuale confronto tra le due non so davvero cosa potrebbe produrre (SPOILER: poco di buono).

E poi arriviamo a Hulk Hogan, il quale ha mandato a quel paese Dixie Carter e ha deciso di lasciare la TNA. È successo davvero o sto sognando? Avremo una TNA, nel prossimo futuro, senza la presenza egoistica ed asfissiante di Hogan? È probabile, visto che l'Hulkster potrebbe tornare in WWE. Certo a me non è piaciuto il “come” è avvenuto tutto. Troppo velocemente, buttato via, con uno come Hulk Hogan che, in chiave mark, era sempre stato pronto a battersi anima e corpo per la TNA (chiave mark, ribadisco). È poco credibile che di punto in bianco lui dica: “Io lascio”. Comunque, vediamo il lato positivo: niente più Hogan! Olè!

In conclusione, come era stato anche per Genesis (ma non per Lockdown), la TNA con tutto il trambusto e le decisioni a caso degli ultimi tempi, forse sta riuscendo a costruire un Bound for Glory di tutto rispetto. I match annunciati, countdown a parte, sono davvero molto promettenti per ora, soprattutto quello per il titolo X-Division. Se lasceranno tutto in mano al wrestling e non peccheranno, come al solito, di over booking, lo spettacolo potrebbe davvero essere assicurato. Perché con tutti i problemi che ci sono stati e ci sono, la strada giusta secondo me è proprio quella di puntare tutto su… wrestling matters.

Vi saluto e vi do appuntamento alla prossima!

Ciao!

UN ANNO DI WWE A 24,90 EURO: CLICCA QUI E APPROFITTA DELL’IMPERDIBILE OFFERTA!

14,871FansLike
2,621FollowersFollow

Ultime Notizie

Note dal backstage del Final Farewell di Undertaker

Ecco alcune note ed indiscrezioni del backstage relative al segmento del "Final Farewell" di Undertaker a Survivor Series

Clamoroso scenario per Lana alla Royal Rumble?

Secondo alcune voi, Lana potrebbe beneficiare di una clamorosa vittoria alla Royal Rumble. Con un finale estremamente particolare

Brock Lesnar è il wrestler più pagato del 2020

Brock Lesnar è, secondo The Mirror, il wrestler più pagato del 2020, con un guadagno al minimo di 12 milioni di dollari

Articoli Correlati