5 Star Frog Splash #179 – “Short Circuit” could be a wonderful PPV Name

Avevo pensato di non scriverlo il mio editoriale questa settimana, principalmente per lasciare spazio al nuovo debutto in programma per oggi su TW (e che spero apprezzerete). Ma anche perché, come dicevo due settimane fa, la costruzione di Summerslam lascia molto, molto a desiderare. Le ultime due settimane di show, però, sono state così insoddisfacenti dal punto di vista delle storyline, alcune completamente insensate se non addirittura dannose, che ho sentito il bisogno di scrivere, anche per cercare di capirci qualcosa in più. Non che si possa capire qualcosa dei processi creativi della WWE, men che meno in un periodo in cui la WWE sembra andare per tentativi per trovare la formula che piaccia di più. Ai fan? Nono, a Vince McMahon, non illudiamoci che la WWE possa creare un prodotto in linea con i desideri del pubblico. Altrimenti di certo non farebbe tutti questi buchi nell'acqua, non se ne uscirebbe con tutto il trash che sta producendo in queste due settimane e soprattutto ormai, dopo anni e anni di tentativi, avrebbe imparato come proporre un top babyface nei propri show. Cosa che non sanno assolutamente fare, ormai è assodato.

Parliamo innanzitutto del caso Rollins, che mesi fa sembrava essere un prodotto caldo e che ora… boh? Decaduto completamente, ridicolizzato dalla gestione degli ultimi mesi in cui, AJ Styles a parte, ha avuto a che fare solo con gente che non poteva elevarlo come campione. È stata solo una parentesi poco fortunata tra due regni di Brock Lesnar insomma. Brock Lesnar, l'onnipresente Brock Lesnar che tormenta gli show della WWE da anni sempre nella stessa, identica maniera. Un Brock Lesnar che non permette a nessuno di crescere, quando è coinvolto in una storyline con lui. Seth Rollins non si sottrae a quest'equazione considerando che il suo status è in caduta libera e che nelle ultime due settimane di show la sua scrittura è stata pietosa. Cominciamo da un fatto: come mai quando è un face ad attaccare un heel dopo un secondo ci sono frotte di security, agenti e arbitri a separare i due malcapitati mentre quando è Lesnar a dover malmenare qualcuno può fare quello che vuole? Sembra un'argomentazione stupida e pretestuosa, ma se la cosa si ripete negli anni forse inizia a smettere di esserlo. Forse è ora di finirla con degli angle tutti uguali in cui dei poveri cristi vengono massacrati brutalmente. Senza contare che una domanda resta insoluta: chi è Seth Rollins? Di sicuro non è The Architect, dato che uno che un soprannome del genere non può presentarsi infortunato e a malapena in piedi e attaccare frontalmente Lesnar. È stato un segmento ridicolo che puntava a impietosire il pubblico, peccato che il pubblico non è stupido e quando un segmento è stupido smette di reagire come vuole la WWE. È il caso di lunedì, quando il promo strappalacrime di Seth Rollins a sei giorni dalla sfida con Lesnar è stato soggetto agli “What?” del pubblico tutto il tempo. Non un buon segnale.

Non che la sua fidanzata Becky Lynch se la passi meglio eh. Io, per esempio, giuro che non ho capito perché due tizie che erano amiche adesso dovrebbero odiarsi in questa maniera spropositata. Becky ce l'ha con Natalya e non la considera più sua amica perché ha allenato Ronda Rousey affinché questa la battesse. Più o meno un'argomentazione che potrebbe sostenere una bambina di cinque o sei anni, certo non “The Man”, la wrestler che è stata la sensazione della divisione femminile – se non dell'intera WWE – nell'ultimo anno e che era un personaggio di tutt'altra caratura, che si sarebbe solo sognata nei suoi peggiori incubi una storyline del genere. E Natalya? Come mai ce l'ha tanto con Becky da impazzire per due show di fila e farsi squalificare e contare fuori? Non si capisce. È il tentativo della WWE di far fischiare Natalya? Spero per loro di no, perché mandare Natalya contro Becky a Toronto e sperare di farla fischiare è roba veramente da fantascienza. Non parliamo poi di come sono state gestite le altre due faide femminili, con Ember Moon che ce l'ha con Bayley perché sì mentre Bayley continua a fare l'eroina senza macchia e senza paura che però lo prende sempre in quel posto, e Charlotte vs Trish Stratus dove la notizia è il ritorno sul ring di quest'ultima. Peccato che Trish sia ufficialmente tornata sul ring in un match a Raw, dove poi però non è nemmeno entrata a causa dello sclero insensato di Natalya. Tutto molto logico e conseguente insomma.

Ma parliamo del grosso elefante nella stanza, ovvero la sequela di segmenti imbarazzanti in cui è stato coinvolto Roman Reigns nelle ultime settimane. Una compagnia seria, una compagnia che ha il senso del ridicolo e che cerca di proporre un prodotto di qualità cosa fa? Produce un segmento orrido come l'attacco a Roman Reigns della settimana scorsa, si rende conto che fa schifo perché è stato pensato da schifo, girato da schifo e recitato da schifo, si accorge che la quasi totalità del pubblico ha disprezzato il segmento e leva mano. Cerca di correggere le cose in corsa, prova a inventarsi qualcosa per reindirizzare la storia sui binari giusti. Invece la WWE cosa fa? Niente, prosegue come se nulla fosse successo. Anzi, produce altri segmenti ridicoli che continuano la storyline ridicola. Poi però si rende conto che Summerslam è domenica, che non è riuscita a fare in modo di creare dei segmenti che riconducessero gli attacchi di Reigns a Daniel Bryan e… cancella il match tra i due previsto per Summerslam. IL GENIO. Io certe volte vorrei assistere alle riunioni creative per capire come accadono questi corti circuiti, come sia possibile arrivare a questo punto. Perché in una compagnia multimiliardaria una cosa del genere non dovrebbe succedere.

Parliamo della storyline di Dolph Ziggler? Dobbiamo proprio? Chi mi segue da tempo lo sa che io adoro Ziggler. O meglio adoro la sua versione da face, che ritenevo meritasse molto di più di quello che ha ottenuto nel corso degli anni (e basti pensare che Ziggler non ha MAI avuto un match in singolo a Wrestlemania). Adesso però Ziggler va uno contro uno contro Goldberg, a Summerslam. Non che sia colpa di Ziggler questa storyline ridicola, ma pensiamo un attimo a questo fatto: Ziggler, tornato in pompa magna per perdere ripetutamente da Kofi Kingston e poi perdere in una manciata di secondi da Kevin Owens, adesso va contro Goldberg a Summerslam. Per vincere? No, ovviamente perderà, e con tutta probabilità anche qui in una manciata di secondi. Perché in una compagnia normale la leggenda ritorna per mandare over un altro wrestler attivo, che così può annoverare la vittoria nel suo curriculum. Qui una leggenda torna per conquistare una vittoria random contro un tizio che nella storia WWE non ha minimamente il suo stesso valore per poi tornare nel buco nero dal quale è uscito. Peccato che nel frattempo Ziggler abbia dovuto essere pushato per poter essere mandato contro Goldberg, e per la precisione Ziggler ha umiliato Rey Mysterio, lo stesso Rey Mysterio che è stato umiliato ripetutamente da Andrade nelle scorse settimane, lo stesso Mysterio che è una leggenda come Goldberg ma che al contrario di Goldberg è ancora più che capace non solo di disputare un match, ma di disputare un match BELLO. In più nel mix si aggiunge la vittoria pulita di Ziggler su Ali, lo stesso Ali che nel periodo di Wrestlemania doveva essere pushato alla luna al posto di Kingston e che ora è usato come “enhancement talent” nello stesso periodo in cui pareva lanciato per diventare lo sfidante dell'Intercontinental Champion Shinsuke Nakamura. Tutto molto bello, tutto molto logico.

Un ultimo pensiero per il povero Finn Bálor, prima vittima sacrificale del Bray Wyatt Fiend che debutterà a Summerslam e che in queste settimane non è praticamente apparso negli show. Parallelamente alla sicurezza che interviene appena un face attacca un heel mentre gli heel sono liberi di distruggere per minuti interi le loro vittime, mettiamo un attimo in evidenza questa cosa: Finn Bálor vs Lashley e vs Corbin con il Demone, Finn Bálor vs Lesnar e vs Wyatt senza Demone. Consiglio alla WWE: se non la spiegate in storyline siete solo ridicoli. Poi non piangete quando scade il contratto di Bálor e lui se ne torna in New Japan a mietere la dozzina di titoli mondiali che GIUSTAMENTE dovrebbe vincere o se ne va in AEW a fare la vostra spina nel fianco. E non potrete manco fare tutte le vostre reunion con il Club e “The Club Last Chapter” dato che Gallows e Anderson sono impegnati con Styles. Su, un po' di buon senso che non guasta mai.

Lorenzo Pierleonihttps://www.tuttowrestling.com/
Dicono che sia il vicedirettore di Tuttowrestling.com ma non ci crede tanto nemmeno lui, figuriamoci gli altri. Scrive da otto anni il 5 Star Frog Splash, per un totale di oltre 200 numeri. Cosa gli abbiano fatto di male gli utenti di TW per punirli così è ancora ignoto. A marzo 2020 si ritrova senza niente da fare, inizia un podcast e lo chiama The Whole Damn Show. Così, de botto, senza senso.
15,040FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati