BET ON HIM #141 – SOME NEW FRESH AIR

Ciao a tutti amici e sopratutto amiche di tuttowrestling.com e benvenuti ad un nuovo numero del Bet On Him, rubrica dedicata ad NXT e gli eventi più importanti legati allo show del martedì sera in WWE. Sono state settimane abbastanza intense a livello di notizie per quel che riguarda la federazione di Stamford. L’addio di Vince McMahon è il cambio al potere per quel che riguarda la federazione rischia di lasciare un’impronta importante sul futuro del prodotto WWE. Sicuramente L’avvicendamento più interessante è quello che vede Triple H a capo del team creativo del main roster e, di conseguenza, anche un suo ritorno ad NXT ed occuparsi delle vicende legate allo show del martedí sera. Il che pone una logica domanda: che ne sarà di NXT 2.0 con questo cambio di rotta?

TRIPS IS BACK

Che Triple H non fosse contento dello snaturamento del suo “gioiello” NXT dal brand giallonera che è stato per anni sinonimo di qualità e grandi match al “cantiere aperto” che è adesso, non è un segreto. Il suo ritorno al potere certamente getta ombre evidenti sul futuro del progetto, ma neanche poi tanto se ci si pensa. Credo che anche il Triplo si sia reso conto dell’importanza di uno show che possa essere di sviluppo per atleti promettenti ma che hanno bisogno di “tempo televisivo”. Per migliorare ed essere pronti al main roster. Un discorso che, però, potrebbe applicarsi in futuro anche a star delle indies che arrivano in WWE e sono ottimi wrestler ma con margini di miglioramento al microfono.

Detto questo è chiaro che Triple H non può essere contento a livello qualitativo di un prodotto come NXT 2.0 al netto dell’inesperienza di molti del talenti presenti nel roster al momento. La domanda che in molti si chiedono è: come cambierà la politica delle assunzioni da parte della WWE con questo “nuovo regime”? Credo che il diktat passato, la preclusione verso le star delle indies e i “piccoletti” che non piacevano a Vince McMahon se non cancellato, verrà riconsiderato. Se, per esempio, il piccoletto è un Adam Cole (ovvio, la AEW non è una Indy però è giusto per darvi un’idea), dubito che il Triplo non faccia salti mortali pur di prenderlo con sé.

WINDS OF CHANGE

Chiaro, si parla molto per supposizione, il cambio è ancora fresco e le cose sono ancora in movimento. Difficile però non pensare ad un cambio di rotta a livello qualitativo e di storyline cosí come difficile non pensare che Triple H non vada a costruire personaggi differenti al top del roster, più affini ai suoi gusti. Qualcosa già la stiamo vedendo in queste prime battute. Il push di Ciampa è uno di questi. Il debutto nel main roster di Io Shirai (Ora IYO SKY) e Dakota Kai, richiamata all’ovile senza troppi fronzoli da Hunter, sono i primi segnali di un cambiamento necessario.

Che ne sarà di NXT 2.0, difficile saperlo ora. Chiaro, i Bron Breakker saranno sempre i benvenuti. Ma adesso le possibilità per gente come JD McDormagh (non a caso prossimo sfidante del figlio di Rick Dteiner), Santos Escobar, Giovanni Vinci e Cameron Grimes saranno molto più elevate. Perché Triple H (e probabilmente anche Shawn Michaels attualmente a capo di NXT), sanno bene che non serve necessariamente essere grandi e grossi per essere una star. Un concetto pregresso della vecchia gestione. Ciò che ha dimostrato in questi anni il successo di NXT Black and Gold e successivamente AEW è che i fan di wrestling sono affamati di grande wrestling e storyline coinvolgenti. Magari non complicatissime ma certamente coinvolgenti. Il Triplo ha dimostrato di essere al passo coi tempi al contrario di Vince. Gli affetti li vedremo presto.

NEW WOMEN’S CHAMPS

Passando ad NXT abbiamo un paio di novità. La prima è la conquista del titoli di coppia femminile da parte di Kayden Carter e Katana Chance. Dopo la rinuncia ai titoli in seguito del turn heel da parte di Cora Jade, era stato annunciato un 4 Way Match per determinare le nuove campionesse di coppia del roster. Un premio certamente per Carter e Chance, una delle poche coppie sopravvissute dal roster Black and Gold. Della fu Kacy Catanzaro, si è sempre parlato un gran bene. La ragazza è migliorata molto negli ultimi anni. Certo non è propriamente la più tranquilla delle persone, le sue idee sono discutibili ma sul ring ha mostrato ottimi miglioramenti.

Non si può dire lo stesso di Carter, modesta sul ring. Ma lavora sodo e si impegna al netto di qualità sul ring discutibili. Lasciarle ad NXT è stata, ovviamente, una scelta azzeccata. Vedremo cosa combineranno da campionesse. Certo il panorama della categoria di coppia femminile non è certo esaltante. Se le contendenti sono gente come Valentina Feroz e Yuliza Leon direi che il è scarsino. Però qualcosa si potrebbe muovere nel futuro. Certo è che la categoria ha bisogno di qualche aggiunta che possa rendere la situazione più interessante. Il materiale umano attualmente presente non rende per il proposito.

THE RETURN OF SANTOS

Continua la faida tra Tony D’Angelo e Santos Escobar con quest’ultimo tornato ad NXT dopo diverse settimane di assenza. Il messicano è costato i titoli di coppia al Don di NXT. La faida, dunque, prosegue. Poteva essere gestita molto meglio. Tre mesi di storyline sono state ristrette a tre settimane rendendo il tutto un po’ troppo frettoloso e raffazzonato. Un vero peccato perché, se gestita bene, ne potevano uscire dei segmenti comunque interessanti e di intrattenimento. D’Angelo ed Escobar interagiscono bene tutto sommato e mi sarebbe piaciuta una faida più ad ampio raggio in stile Soprano.

Certo, poi la mia voglia di vedere Escobar limitato ad una faida con D’Angelo è ai minimi storici. L’ex Hilo Del Fantasma merita ben altri palcoscenici e ben altre storyline. Onestamente, l’ho detto varie volte e lo confermo, il fatto che Legado Del Fantasma non sia nel main roster per me rimane un mistero. Speriamo che Triple H ci metta del suo e possa realizzare un passaggio che magari, con Vince McMahon al comando avrebbe potuto trasformarsi in qualcosa di molto brutto, con Triple H ha il potenziale per essere quel nome e quell’attrattiva per il pubblico ispanico che la WWE cerca da molto tempo. Il solo Rey Mysterio, tra l’altro al tramonto nella sua carriera, non può essere più sufficiente. Abbiamo sprecato Andrade, per favore non facciamo lo stesso con Escobar.

Il sottoscritto vi saluta e vi dà appuntamento al BOH tra due settimane. Buon weekend a tutti.

Adriano Paduano
Adriano Paduano
Appassionato di wrestling dagli inizi del 2000, negli ultimi anni ho vissuto a Londra dove ho coltivato la passione per il wrestling indipendente e la scena UK. Collaboro con Tuttowrestling da oltre dieci anni dove ho ricoperto il ruolo di Raw Reporter (occasionalmente anche ppv), redattore del WWE Planet ed attualmente scrivo il bi-settimanale Bet On Him con qualche comparsata nei vari podcast del sito.
15,941FansLike
2,687FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati