Christian parla del suo percorso per tornare a lottare

Christian Cage era l’ospite dell’ultimo episodio del podcast Talk Is Jericho. Lui e il suo amico di lunga data Chris Jericho hanno discusso del ritorno di Cage sul ring, prima in WWE e poi in AEW. Cage ha spiegato il suo processo per ottenere l’autorizzazione a competere.

Adam (Edge) è stato dichiarato idoneo. So che è un infortunio diverso, ma non ha mai pensato che sarebbe stato in grado di tornare “, ha sottolineato Cage. “A questo punto ho pensato ‘e se autorizzassero anche me?’ Sono passati sette anni. Ho preso i miei appuntamenti, sono andato da solo e ho pensato ‘se mi dicono che posso farlo mi spalancheranno un mondo, se invece dicono di no resterò in pensione, quindi semplicemente nulla di diverso da quello che mi accade ogni giorno’

Le prove da superare

Questo è quello che ho fatto. Sono andato alla University of South Florida e ho visto uno specialista lì, e ho seguito un allenamento fisico, ho superato i test al computer. Hanno anche detto che i test erano migliorati un pò, ovviamente da quando l’ho fatto l’ultima volta. Quando mi sono seduto con il dottore, dopo aver fatto tutti i test, lui ha detto,’ Amico, i tuoi punteggi dei test erano fantastici. Eri nella media o sopra la media su tutto. Non hai fallito. Non eri al di sotto della media in nessuno di questi punteggi. I tuoi test fisici sono stati fantastici, quindi parliamone’. Abbiamo iniziato a parlare.

E alla fine siamo arrivati ​​al punto che mi ha chiesto, ‘Che cosa vuoi fare?’ E io ho detto: ‘Vorrei tornare indietro e finire la mia carriera alle mie condizioni, ma ovviamente non lo farò se metterà a rischio la mia salute “, e lui disse:” Penso che tu possa farlo. Non penso affatto che tu stia pensando in modo irrazionale. Da tutto ciò di cui abbiamo parlato, tutti questi punteggi dei test, tutto è scritto qui, puoi farlo se è quello che vuoi fare’. Ed è stato come, wow, un momento piuttosto surreale.

I test della WWE

Christian ha detto alla WWE che era autorizzato a competere e la compagnia voleva tenerlo nascosto. Ha parlato di andare a Pittsburgh per ulteriori test e ha rivelato ciò che il medico gli ha detto in merito alle commozioni cerebrali.

Ho portato all’attenzione della WWE che avevo ottenuto questa autorizzazione e, ovviamente, erano molto entusiasti; mi è stato detto che volevano tenere la notizia riservata“, ha ricordato Cage. “Con calma, [mi] hanno mandato a Pittsburgh, credo, verso la fine di ottobre. Mi hanno mandato lassù, e anche lì ho superato i test, ma è stato un test più difficile. Si trattava di test più approfonditi e probabilmente duravano circa cinque ore a essere onesti. E ho visto circa tre o quattro diversi specialisti per cose diverse. Ho fatto un allenamento fisico completo in palestra.

“E ‘stato molto molto approfondito, e il dottore ha detto la stessa cosa del dottore qui all’USF. Esattamente la stessa cosa, ma una cosa che ho trovato interessante che ha detto è stata: ‘Ti sei accorto, quando hai avuto una commozione cerebrale , di essere stato ansioso per questo ed averci pensato molto?’ Ho detto: ‘Certo. Sì’. Lui mi disse:’ Devi smetterla di pensare alle commozioni cerebrali. Se hai quell’ansia e quella paura, ti stai rendendo più suscettibile ad esse’, cosa che non avevo nemmeno realizzato.”

Mi disse poi: ‘Devi entrare in quel ring senza paura, e devi entrare lì con la consapevolezza che non sei più a rischio ora di quanto tu non sia mai stato in qualsiasi momento della tua vita, di riportare una commozione cerebrale. Potresti averne un’altra? Certo, ma ripeto non corri rischi maggiori rispetto qualsiasi altro momento della tua vita. Entra lì con la certezza che starai bene, perché se entri lì con quell’ansia e quella paura, diventi solo più vulnerabile’. E questo era esattamente quello che avevo voglia di sentirmi dire”

Il ritorno alla Royal Rumble

Christian effettuò il suo ritorno sul ring alla Royal Rumble di quest’anno. Ha detto che aveva già sentito voci al riguardo, ma ha rivelato quando la WWE lo ha finalmente contattato per essere nella partita.

“Tutti questi mesi passano e passiamo le vacanze, e avevo sentito una indiscrezione di qualcosa forse nella Rumble, ma poi, no, non succederà. E quello era probabilmente un altro mese passato senza rientrare”, ha dichiarato Cage. “Non ci ho davvero pensato di nuovo. Poi però venerdì sera, due giorni prima della Royal Rumble, verso le 19:30, ricevo una telefonata dove mi dicono: ‘Non pensiamo che ci sia una sorpresa abbastanza grande in questa Rumble . Vorresti tornare indietro ed essere tu la sorpresa?’. Ci ho pensato per un secondo, sai tutte le cose ti passano per la testa. Non ho nessun tipo di accordo o qualcosa del genere, ed era un pò come fare una scommessa con me stesso.

“Non ero sul ring da giugno, quando ero a casa di Edge, e prima erano passati sette anni”, ha osservato Christian. Ho sperato che fosse come andare in bicicletta, ci risali sopra e riprendi. Ovviamente immaginavo che avessero die ring dietro le quinte. Ero tipo, forse sarò in grado di intrufolarmi in un ring e rimbalzare con le corde, ma c’erano persone su quei ring tutto il giorno, quindi non ho potuto nemmeno farlo perché sono la sorpresa. Ci sta, non ho potuto nemmeno cambiarmi prima che iniziasse la Rumble, e sono entrato poco dopo essermi cambiato”

“Tutti nella hall sono come, ‘Oh mio Dio!’ Ero stato con loro tre settimane prima a fare alcune cose per il WWE Network. Dunque magari erano anche abituati a vedermi, ma non cero così. Quando il match è effettivamente iniziato, sapevo che avrei avuto circa 40-45 minuti prima di dover essere lì. Sono salito sul ring, ho colpito le corde circa cinque volte, ho preso circa cinque bump, questo solo per ottenere la reazione shock iniziale. solo per ottenere lo shock iniziale nel tuo sistema. Ero tipo, va bene, dobbiamo fare esattamente questo”

Sfortunatamente per Cage, il suo ritorno sul ring non è stato di fronte a un pubblico dal vivo. Ha descritto la sua esperienza nel ThunderDome e ha rivelato se ha avuto modo di parlare con Vince McMahon o meno.

“Beh, ovviamente non è stata la stessa cosa, ma è stato comunque bello perché vedi i volti sullo schermo più di quanto potresti fare con una folla dal vivo”, ha detto Cage. “C’è rumore e puoi vedere le reazioni delle persone sugli schermi, il che è stato fantastico. Avevo fatto un paio di allenamenti nel Performance Center.”

“Ovviamente, avevo avuto anche il match non sanzionato a Raw (contro Randy Orton -ndr). Comunque era un ambiente davvero buono, il massimo che si può fare senza una vera folla, quindi l’ho apprezzato Ed è stata una bella sensazione. È stato fantastico, e ho pensato che sarei stato nervoso prima di attraversare quel sipario. Poi però ho pensato che sono nato per fare questo. Non c’è niente di cui essere nervosi. Ho lavorato per poter stare in quel ring.”

“Non era come uscire a fare un match singolo. La Rumble, è un tipo diverso di impegno, ma per fortuna è andata bene, ho ricevuto molti feedback positivi. La gente diceva che sembrava che non avessi mai perso un colpo, il che è stato grandioso, e questo mi ha dato più fiducia e ho iniziato da lì. Lui (McMahon) non era lì. Non l’ho più visto dopo.

Redazione Tuttowrestling
La redazione di Tuttowrestling ha ospitato in oltre venti anni di storia tutte le principali firme italiane del settore
15,651FansLike
2,631FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati