Presentazione Show EPW-TNA #43

Tuttowrestling.com ringrazia per l'estrema disponibilità Alessio Di Nicolantonio e tutta l'organizzazione della EPW, nonche Nicolo' Morbidelli per averci messo a disposizione le fotografie dell'evento

Se il primo show in assoluto in terra italiana con la partecipazione di atleti della EPW e della TNA meritava una presentazione speciale, la causa benefica della manifestazione lo meritava ancora di più. Ecco perché quindi di fronte alla stampa specializzata è stato presentato ufficialmente lo show EPW One Night Only, che si disputerà il Prossimo 1 Febbraio presso il Teatro Tendastrisce di Roma.
Ricordiamo infatti che al centro di tutto c'è una bambina di nome Victoria, la quale purtroppo a soli dieci mesi di vita è afflitta da una rara malattia che non le permette di vedere. I necessari interventi che il caso richiede ovviamente comportano dei costi, dunque La EPW e la TNA hanno ideato questo show per sposare appieno questa causa. Tutti noi possiamo contribuire a nostra volta acquistando il biglietto per lo show (disponibili anche online a questo link), se la causa benefica non dovesse già essere un motivo validissimo di suo, basti anche solo considerare che il numero di partecipanti annunciati lo rende senza dubbio uno dei più appetibili show di Wrestling mai disputati nel nostro paese. Ricordiamo inoltre la possibilità di effettuare delle donazioni, utilizzando questo link..

Tuttowrestling.com ha potuto prendere parte a questa conferenza di presentazione, rivolgendo domande ai protagonisti, dai parenti di Victoria agli atleti che saliranno sul ring domenica prossima. Ecco dunque un resoconto completo, come sempre frutto di un compromesso fra la cronaca diretta e le emozioni del sottoscritto nell'incontrare dal vivo Robert Roode e gli altri partecipanti.

La giornata non poteva che iniziare con la migliore delle abitudini, sveglia alle otto, doccia, colazione, ultimi preparativi e via si parte alle 09:30, destinazione Roma!

La conferenza stampa si terrà presso il centro Commerciale di Roma Est alle ore 17:30, io sono arrivato con largo anticipo (quasi tre ore prima!) e dunque posso approfittarne per prendere la situazione con la giusta calma e sfruttare il mio tempo con un ripasso sulle domande da fare al volto della TNA e non solo.
Come sempre non poteva mancare il solito pranzo all'americana, anche questa volta infatti il McDonalds mi è stato d'aiuto. Dato l'orario ne approfitto per fare qualche giro esplorativo all'interno del centro commerciale e ovviamente trovare la zona eventi dove avverrà la conferenza. L'ora è quasi giunta, nel frattempo incontro qualche amico della zona che non rivedevo da diverso tempo, l'ansia però continua a farsi sentire e tra pochi minuti avrò Bobby Roode davanti ai miei occhi.

Sono le 17 circa e mentre gli organizzatori e addetti ai lavori concludono gli ultimi allestimenti, ho avuto l'onore di conoscere ed intervistare una persona straordinaria, Maurizio Cruciani, ovvero il nonno della piccola Victoria, persona squisita, fantastica e alla mano.
Ha così inizio la nostra breve ma intensa conversazione, certamente non meno importante di quelle che sarebbero seguite, dato appunto il già citato importantissimo obiettivo di tutto ciò:

“Salve sig. Maurizio, volevo approfittare della situazione per farle qualche domanda, innanzitutto cosa ne pensa dell'evento?”
Maurizio: “è un qualcosa di fantastico, ho visto parecchio impegno da parte di tutti, amici e soprattutto la gente che non ho mai conosciuto, tutto questo è fondamentale e di vitale importanza per Victoria. Spero che il 1 Febbraio vada tutto bene.”

“Riguardo invece la TNA e la loro partecipazione allo show?”
Maurizio: “Il fatto che una federazione così importante si sia spostata dall'America per questa causa è un qualcosa di positivo che mi riempie di gioia durante un momento difficile.”

“E' fiducioso per l'evento e per sua nipote?”
Maurizio: “Nulla è stato facile finora, la bambina di soli 10 mesi ha già subito due operazioni in America (a Detroit ndr) e 11 anestesie, siamo stati costretti a chiedere aiuto perché da soli non potevamo più farcela. La prossima operazione che speriamo sia l'ultima, verrà effettuata a metà Febbraio e spero col cuore che vada tutto per il meglio. In 60 anni ne ho viste di tutti i colori, senti parlare di cose simili a queste ma fino a quando non le provi sulla tua pelle non te ne rendi conto. Tutta la famiglia si è adoperata alla causa e fortunatamente quando abbiamo cercato una mano ce l'hanno data.”

Le mie domande sono finite e non posso evitare di abbracciare quest'uomo che nonostante tutto è riuscito a trattenere le lacrime e a sorridermi, tanta stima per una persona così.

Dopo questo piccolo antipasto, con circa 15 minuti di ritardo giunge anche Bobby Roode accompagnato da Jeremy Borash, i miei occhi sono increduli, due icone della Total Nonstop Action Wrestling sono a due passi da me e tra poco avrò l'onore di poter scambiare due chiacchiere anche con loro.
I fotografi sono pronti, le videocamere ben posizionate e quindi tutto ha inizio, comincia ufficialmente la conferenza stampa di presentazione dell'evento EPW w/TNA. I protagonisti sono: Il rappresentante di TALIA GROUP Claudio Pantalone, il Direttore di Nuvolari Luigi De Vitis, il wrestler TNA Bobby Roode, il GM EPW Big Antico ed il campione EPW Axel Fury.

Poco prima di cominciare la conferenza vera e propria, viene mandato il video di Francesco Totti che come ben sapete ha aderito alla causa assieme ad altri importanti tesimonial dello sport e dello spettacolo.

Passiamo adesso alle dichiarazioni, il Sig. Pantaleone inizia ammettendo la sua felicità di partecipare ad un nuovo evento EPW e dice di essere orgoglioso di farlo per questo progetto, essendo inoltre felice di aver trovato Nuvolari come partner. Concludendo con una frase molto importante: “Spero che partecipiate in molti perché tutto questo serve per Victoria.”

La parola passa quindi al direttore del canale Luigi De Vitis che ci da la buonasera e ovviamente ci ringrazia per aver presenziato a questa presentazione. Ecco le sue parole: “Ovviamente è un piacere anche per noi di Nuvolari, ricordo benissimo i primi giorni di ottobre (gironi in cui divenni responsabile del canale, unico canale a trasmettere in chiaro la TNA in Italia), ci hanno proposto questo progetto per questo fine meraviglioso e allora abbiamo detto “perché no”? Abbiamo chiamato la TNA e loro si sono resi estremamente disponibili . L'orgoglio è maggiore per il fine nobile dell'evento che supera il Wrestling in sè e per sè. La grande caratteristica è che vedremo in una sola sera i più grandi lottatori di due emisferi. Dovete presenziare allo show perché vi aspettiamo in numerosi e come dice lo slogan, tutti uniti per Victoria.”

Finalmente il microfono è fra le mani di Bobby Roode, fremevo dalla voglia di sentirlo parlare ed ecco che anche lui è pronto a rilasciare delle importanti dichiarazioni: “Sono orgoglioso di essere qui in Italia, è la mia prima volta e ne ho approfittato per far parte ad un grande show per una causa importante e anche i miei colleghi ne sono orgogliosi. Un onore e soprattutto un qualcosa di straordinario.”

La parola passa ora al GM della European Pro Wrestling:
“Un grande momento per il wrestling e una grande occasione per fare beneficienza. Un applauso va a Victoria, noi tutti abbiamo messo del nostro per realizzare questo grande evento che entrerà negli annali, invitiamo quindi voi tutti a partecipare in numerosi. Domenica lo spettacolo sarà garantito, vi ringrazio e ricordate, tutti insieme per Victoria.”

Prima che il microfono arrivi a Axel Fury, ci viene svelata una piccola sorpresa infatti per la prima volta in Italia, il main event della serata sarà un Prison match. Di cosa si tratta? Si tratta in realtà di una stipulazione già vista in TNA: per vincere l'incontro bisognerà chiudere l'avversario in una gabbia situata a bordo ring!

Parola ora a Fury, il quale come potevamo ben aspettarci, è stato molto duro nei confronti del pubblico: “Portate i vostri culi all'evento perché tutto questo è importante e serve per Victoria, dovete presenziare. L'importante è che ognuno di voi dia il suo sostegno perché perfino io ho un cuore e sto facendo del mio meglio”. Inutile ricordare come il suo personaggio sia chiaramente heel, e dunque anche le sue dichiarazioni siano state a tema, per quella che sarà, come vedremo fra poco, una conferenza mista fra messaggi più smart ed altri più mark legati alle rivalità che vedremo ovviamente risolversi sul ring.

Dopo queste forti ma giuste dichiarazioni, ci fanno vedere il video messaggio dei genitori di Victoria per sensibilizzare noi tutti alla causa dell'evento stesso.

È quindi arrivato il momento da me più atteso, è tempo di domande e ovviamente di risposte, dopo essere stato invitato a salire sul palco sono li, faccia a faccia con uno dei miei idoli del Wrestling business e cioè Bobby Roode.
Devo ammettere che l'ex membro dei Beer Money si è rivelata una persona disponibilissima sia sul palco che nel retro, luogo in cui ho approfittato per un ultimo quesito.
Ecco di seguito la nostra conversazione:

“Ciao Bobby, come ti sembra il nostro paese e qual è stato il primo impatto?”
BR: “Come ho detto prima, questa è la mia prima volta in Italia, sono qui da circa 6 ore ed è tutto magnifico. C'è bella gente e spero di tornare in altre occasioni e in altri giorni.

“Questo evento EPW/TNA è a scopo benefico, quanto è importante per te ed i tuoi colleghi?”
BR: “Tutto questo è estremamente importante per tuti noi e per la TNA stessa. Siamo professionisti e anche questo è il nostro dovere, un evento speciale per una persona speciale e noi daremo sicuramente il nostro aiuto.”

Io: “Hai scritto pagine importanti per la TNA, dal 2005 con il team Canada per passare poi al 2008 con i Beer Money, il 2010 con la Fortune ed infine il primo World Title nel 2011. Quanto sei orgoglioso di tutto ciò?”
BR: “Sono onorato e davvero orgoglioso di tutto quello da me fatto, ricordo i primi tempi con il Team Canada ed i miei primi anni in TNA, tutto fantastico specie come il mio amico James, insieme abbia conquistato per quattro volte i titoli di campioni del mondo di coppia. Grazie alla Fortune ho conosciuto meglio altra gente speciale ed importante come AJ Styles.
La compagnia sta crescendo e e siamo una grande realtà.
Inoltre è un grande orgoglio vincere il titolo mondiale dato che è il massimo per un lottatore di wrestling.”

Nel retro e quindi a fine conferenza ne ho approfittato per chiedere sempre all'ex campione TNA, cosa ne pensa di un possibile ulteriore match tra lui e James Storm: “Io e James siamo molto amici e lui è davvero una persona fantastica. Lavorarci assieme è sempre un grande onore.”

Fra i due partecipanti al main event tuttavia non corre affatto buon sangue, e dunque la conferenza di interrompe e di fatto si conclude con una rissa quasi sfiorata tra i due, con Fury che ha più volte provocato Roode e ne ha avute da ridire anche verso il GM, fin quasi ad arrivare alle mani. Potete immaginare la diversa reazione fra noi addetti ai lavori certamente “abituati” e chi, come ad esempio i normali clienti del centro commerciale, si sono trovati di fronte la scena senza saperne la genesi!

La conferenza stampa si conclude e dopo un lungo applauso mi appresto ad andare nel retro del palco montato per fare qualche domanda anche a JB ed il sig. De Vitis.

Tra una foto e l'altra con tutti i protagonisti, mi ritrovo di fianco a Jeremy Borash e anche a lui ho potuto rivolgere qualche domanda:

“Hai visto passare diverse superstars e leggende nella compagnia, quale di queste ti è rimasta più impressa?”.
JB: “ Senza dubbio Kurt Angle, l'olympic gold medalist è uno di questi, un vero re del ring, lottatore magnifico e persona magnifica.”

“Come ti fa sentire annunciare gente come Jeff Jarrett, Sting, Kurt Angle, Hulk Hogan ed il qui presente Bobby Roode?”
JB: “Loro sono i migliori al mondo e questo rimane uno dei migliori lavori al mondo perché è bellissimo poter annunciare i nomi di coloro che sono delle leggende nonché i migliori atleti di wrestling al mondo.”

“Quali sono i tuoi piani per il futuro e quelli della TNA?”
JB: “Lavoriamo ogni settimana cercando di fare il nostro meglio, siamo in più di 20 paesi e questa è la nostra prima volta in Italia, sono buoni risultati. Siamo un volto in Inghilterra come in India e speriamo che la compagnia continui a migliorarsi e crescere. Essere qui con Nuvolari come partner è molto importante.”

“Cosa ne pensi del nostro paese e di questa causa benefica?”
JB: “Come ha detto anche Bobby, questo è un bellissimo paese, è tutto fantastico e credo di tornarci, un giorno sarò nuovamente in Italia.
Questa causa invece è stupenda ed è importantissima anche per la TNA dato che abbiamo sempre sposato casi del genere.”

E dopo le sue cortesi risposte JB che mi ringrazia per le domande e la nostra conversazione finisce qui: ammetto di esserne felice, un volto come lui che ringrazia una semplice persona come me fa capire l'umiltà che c'è dietro un grande lavoro come il suo.

Siamo agli sgoccioli, ma non potevo andarmene senza contattare il direttore di Nuvolari Luigi De Vitis che è stato uno dei principali artefici nell'organizzare tutto questo:

“Salve direttore, volevo cominciare con il chiederle cosa ne pensa del wrestling e di come l'Italia segua il wrestling.”
LDV: “è un mondo a se, Nuvolari dal Gennaio 2014 si è allargato in un vero e proprio canale sportivo trasmettendo vari sport come il Rugby, il Beach Volley, combattimento in genere ed anche il wrestling. Volevamo dare un'etichetta nobile al wrestling mentre altre persone storcevano il naso. Per noi è uno sport spettacolare, per me e per tutti noi ci sono i presupposti di considerare il wrestling uno sport a tutti gli effetti. Il pubblico ci da ragione, la TNA produce i migliori talenti e combattimenti e quindi la gente segue il nostro programma. Gli ascolti sono buoni.”

“Siete i primi a trasmettere in chiaro il prodotto TNA in Italia, quanto siete orgogliosi di questo?”
LDV: “Noi ormai siamo in chiaro, la nostra storia ci porta ai momenti in cui non lo eravamo, abbiamo deciso di metterci nel mare del digitale terrestre con maggiore competizione ma i contenuti emergono sempre.

“Riguardo il commento di Recalcati?”
LDV: “Con Christian abbiamo un ottimo rapporto, pensiamo e siamo convinti che parte del successo sia anche grazie a lui. è una colonna portante del wrestling su Nuvolari, crediamo in lui e i numeri ci danno ragione. È anche ovvio che i grandi numeri portano le critiche sia con lui che con tanti altri, ma l'importante è che siano grandi numeri di gente che apprezza.”

La mia avventura si conclude qui, dopo aver ringraziato anche il direttore e aver scattato una foto ricordo anche con lui, mi appresto a fare un ultimo saluto a Bobby Roode e JB per poi lasciare definitivamente il centro commerciale.

Cosa dire? Esperienza unica nella vita, tanto orgoglio e tanta passione, non mi aspettavo un'accoglienza simile da parte di tutti ma soprattutto l'umiltà con la quale è stato affrontato il tutto. Ci tengo dunque a ringraziare l'organizzazione dell'evento che ci ha concesso questa opportunità, ed ovviamente darvi il mio personale appuntamento per il 1 Febbraio: l'occasione è importantissima, la causa anche, è davvero impossibile mancare!

Aldo Fiadone
Newser ed editorialista per Tuttowrestling.com dal 2015; Founder e conduttore del podcast Pro Wrestling Culture; Dal 1999 amante di Sting e le sue gesta.
15,039FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati