GPOrder #53 – Q&A with GP

La sfortuna indubbiamente non andrebbe mai aiutata, però quando si accanisce è davvero difficile tenerle testa fino in fondo: da Wrestlemania a oggi la WWE ha pagato ad essa un tributo altissimo, perdendo sia personaggi trainanti a livello assoluto (e ovviamente il riferimento è a CM Punk) sia alcune figure costrette a fermarsi proprio al centro del loro push. E' il caso di Dolph Ziggler e di Fandango, entrambi colpiti dallo stesso problema proprio nel momento clou, sebbene ovviamente si parli di due push completamente diversi per importanza e per potenzialità degli interessati. Il tutto poi nel momento in cui la concorrenza televisiva ti spara una bella finale NBA contro, contro la quale qualunque roster farebbe una fatica immane.

Risultato? Crisi degli ascolti prima, rientro dei McMahon poi. Ormai è una costante da diverso tempo, Vince e famiglia tornano sullo schermo individuando in loro stessi la soluzione tampone al problema, una operazione che a volte riesce altre volte appare assai fragile dal punto di vista creativo. Come è andata questa volta? Diciamo che fossi in Stephanie mi sarei preoccupata di più per mio marito quando ha affrontato Undertaker, essendo già per inciso ben inserito nei ruoli dirigenziali del business tanto caro a Vince, ma si sa analizzare le storyline utilizzando memoria storica lascia un po' il tempo che trova, dunque questa settimana non parleremo di questo, né ci dedicheremo ad ulteriori indecenti assalti a ring di wrestling sparsi per l'italia (ve lo siete perso? Male! qui trovate il video) , bensì vi toccherà un monotematico questions and answers with GP:

Quando vedete match a cinque stelle fra i migliori dell'intera annata come quello con Seth Rollins a Raw, non vi viene da pensare che chi li disputa meriterebbe qualcosa in più? Facile, direte voi, quando hai contro un atleta veloce come Rollins, ma se poi si tratta dello stesso che è riuscito, unico e solo, a tirare fuori un signor match anche da Ryback? Non merita forse di più? YES!

Il talento sul ring non è tutto, non lo è mai stato e non lo sarà mai. Ma quando un grande atleta riesce anche a calamitare una reazione positiva del pubblico, peraltro quella di gran lunga più evidente e rumorosa di tutto il roster, non sarebbe il caso di tenerne conto? YES!

La pur positivissima esperienza del team hell no si può considerare conclusa? Sebbene divertenti, elementi come il Dottor Shelby, gli abbracci e l'idea di essere l'anello debole possono cedere il passo a qualcosa di più consistente? YES!

Esperienze come quelle di Eddie Guerrero prima e Chris Benoit poi (pur con tutte le orribili cose che riguardano il canadese, che però con lo sviluppo de suo personaggio non c'entrano) non sono utili a dimostrare che atleti relegati praticamente dall'inizio della loro carriera WWF a posizioni non di primo piano possono benissimo diventare il jolly su cui puntare con pieno successo? YES!

Sempre citando gli stessi nomi e aggiungendovene altri ben più importanti come HBK o Bret Hart, siamo proprio così sicuri che un non-gigante possa ambire senza problemi ad un ruolo di campione forte e credibile, possibilmente per quello che dimostra sul ring e non perché la sua maschera vende molto? YES!

La reazione del pubblico dal punto di vista di rumore nelle arene è evidente, ma siamo sicuri che la stessa dal punto di vista commerciale non possa ripetersi? E' assolutamente normale (anche se un po' triste) che The Rock possa fare più acquisti di dieci emergenti messi insieme, ma cosa rispondereste al domanda “secondo te farebbe più acquisti un John Cena vs Daniel Bryan di un John Cena vs Ryback?” YES!

Oltre ad un repertorio tecnico che non teme rivalità in WWE, non trovate che grazie ad un innata semplicità le taunt di Daniel Bryan “yes” e “no” siano semplicemente le più riuscite dai tempi del What di Steve Austin? YES!

Un numero sicuramente consistente di job anche recenti è irrilevante ai fini di un eventuale push, specie oggi che davvero si punta ad una memoria storica estremamente limitata? YES!

Se altri personaggi con una considerazione presente più elevata hanno bisogno degli effetti audio a Smackdown per risultare amati e comunque l'effetto finale in decibel è inferiore a quello in diretta a Raw quando lotta Bryan, la cosa non dovrebbe far riflettere almeno un pochino? YES!

Sarà pure sbagliato, di moda, di routine, ma sarà o non sarà un fatto conclamato che ci sono face che sono acclamati e sostenuti davvero da tutti e altri che si beccano cori contrari anche fortissimi? YES!

Vedasi anche lo spazio concesso allo Shield e a Curtis Axel, non è forse questo un periodo temporale solitamente adattissimo a nuove sensazioni piuttosto che affidarsi al superstarpower di vecchia data di turno ? YES!

E' proprio impossibile switchare da mesi e mesi di comedy ad un ruolo improvvisamente più “serio” e soprattutto per questo più competitivo? O forse disponendo di innato carisma e mezzi tecnici d'eccezione non è più che fattibile? Kurt Angle in fondo non alternava momenti comedy ad altri in cui il suo promo era semplicemente ricordare a tutti la differenza sul ring fra un wrestler normale ed un Kurt Angle stesso? YES!

Insomma alla fine della fiera ed a valle di dodici domande.. non è semplicemente arrivato il momento di pushare come si deve Daniel Bryan? Fargli fare lo stesso salto che ha fatto CM Punk qualche tempo fa, raccogliendo con ogni probabilità gli stessi risultati? La risposta del sottoscritto è scontata: YES! YES! YES! YES!

E la vostra?

Giovanni Pantalone
Super appassionato di wresting dagli inizi degli anni 90, al punto da vedersi, tra WWE e Impact, una trentina di Pay Per View e show televisivi dal vivo in giro per il mondo. Si occupa da sempre di tutta la parte tecnica del sito, compresa la App e la gestione del Forum, ma non disegna sporadici editoriali e comparsate nei podcast.
15,657FansLike
2,631FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati