GPOrder #31 – Un pieno di popolarità!

Ho sempre considerato il curare questa rubrica come un privilegio, la possibilità di condividere con una platea competente la propria opinione su di un incontro, una storyline, un pay per view, qualunque argomento inerente al mondo del Wrestling. Figuriamoci poi quando la suddetta platea è una delle più vaste di tutte. Proprio per questo sarei ipocrita se cercassi a prescindere il consenso di chi mi legge, interpretando o dando voce ad una opinione solo perché costituisce la stragrande maggioranza. E' una opinione spero sempre motivata, condivisibile o criticabile, ma estranea ad alcuna logica che non sia il proprio parere personale.

Ebbene questa volta al termine di Summerslam ho avuto modo di capire che l'opinione del sottoscritto è probabilmente ben distante da quella di gran parte di voi appassionati lettori. Ed il motivo, come credo sia facile intuire, è legato al main event.

Partiamo però dal principio, ovvero da una analisi che non trascuri anche il resto, visto e considerato che nel cosiddetto resto ci sarebbero due ore e mezza abbondanti di ppv, mica noccioline. E' chiaro che quando apri un evento con un match fra quello fra Jericho e Ziggler non puoi non predisporre già fin troppo bene lo spettatore, che si gusta in apertura una autentica chicca, a mio parere a mani basse match del pay per view. Certo a quel punto ti chiedi anche con una certa rabbia perché dello stint di Chris Jericho siano da salvare sostanzialmente i primi quindici giorni e gli ultimi quindici, e per colpe tutt'altro che sue, ma onestamente sarebbe l'ennesimo riaprire di una discussione tanto inflazionata quanto ahimè inutile. E' come se certi personaggi fossero sfruttati al meglio delle loro possibilità solo periodicamente, e Y2J contende a Kane (nuovo push in vista per lui con l'ennesima deriva di follia?) questo poco ambito scettro.

Proseguendo poi il resto della card anche il resto degli incontri ha dato nel peggiore dei casi quantomeno quello che ci si aspettava. Chiaro che non pretendevo di saltare in piedi vedendo la difesa dei titoli di coppia e così in fatti non è stato, ma da qui a parlare di match noiosi ce ne corre, e ovviamente non è un male. In più non è mancata anche qualche sorpresa, non tanto nei risultati (scontato il WWE title dove non a caso sia nel Wrestling Cafè che in radio avevamo previsto vincitore e finale per filo e per segno) quanto nelle prestazioni dei singoli: ricordate, ad esempio, l'ultima volta che avete visto un Big Show in così grande spolvero? Io onestamente no.. By the way complimenti al time keeper ubriaco, che non solo suona il gong senza nessuna segnalazione dell'arbitro, ma due secondi dopo fa ripartire il match un millesimo di secondo dopo la decisione di AJ.. Sono piccoli dettagli, ovvio, ma a maggior ragione non costerebbe nulla farci attenzione!

E dunque credo si sia arrivati al main event della serata non soltanto con il bicchiere già mezzo pieno e non mezzo vuoto, ma con la consapevolezza che il meglio sarebbe ancora dovuto arrivare. The Perfect Storm, il nome ad un incontro, una tradizione che vale solo per i main event di Wrestlemania e le altre grandi occasioni, come doveva assolutamente essere questa. Storyline costruita alla grande, ciliegina dell'intervento di Stephanie e oscar per il miglior attore non protagonista assegnato di diritto a Paul Heyman: c'erano insomma tutte le premesse per ripetere l'eccellente incontro che Lesnar ha avuto con John Cena.

Come è andata a finire? Eccoci qua.. adesso si che questa edizione del GPO non vincerà il premio come la più condivisa di sempre..

Nella mia pur limitata e parziale memoria Triple H mi è sempre sembrato un atleta capace di incredibili picchi ed altrettanto incredibili passi falsi. Forse la sola esibizione a Wrestlemania XVIII mi è sembrata semplicemente “Normale”, in tutti gli altri casi ricordo solo capolavori (Contro Mick Foley più volte, contro The Rock, contro Shawn Michaels al suo rientro, ecc.) ma anche delusioni clamorose. Ebbene sapete cosa mi è immediatamente tornato alla mente appena finita la visione dell'incontro con Lesnar? I suoi match contro Scott Steiner e Kevin Nash di qualche anno orsono. Chi li ha visti sa che sto usando un termine di paragone fortissimo, chi non li ha visti.. beh non li guardi, potrebbe venirgli voglia di cambiare federazione o disciplina da seguire visto che parliamo di due degli incontri peggiori che la storia ricordi.

Dite che il paragone è esagerato, quasi folle? Può darsi, anzi posso riconoscerlo anche io che non siamo a quei livelli così bassi, eppure mi è parso di riconoscere davvero alcuni dei fattori che hanno caratterizzato, in negativo si intende, i due esempi sopracitati.

Il primo è senza dubbio la lentezza.. il match con Cena non fu velocissimo, ma capace lo stesso di dare una idea di ritmo che qui è mancata praticamente del tutto. Critichiamo Cena in tutto e per tutto, ma riconosciamogli il merito di aver fatto un piccolo capolavoro insieme a Lesnar in quella occasione, cosa che credo non sia assolutamente riuscita questa volta.

Il secondo, forse ancora più clamoroso del primo, è il silenzio.. un pubblico più simile a quello di una camera ardente, un gelo impressionante, tombale. E sia chiaro, non sempre il pubblico è gestibile o le sue reazioni possono essere previste o evitate/adattate. Ad esempio trovo assolutamente senza senso il coro “you tapped out” rivolto a Triple H al termine del match, ma tant'è.. io credo che delle colpe ci siano, ma non è questo il punto; giusto o non giusto, meritato o non meritato, evitabile o non evitabile, un pubblico che segue l'incontro più atteso della serata totalmente zitto è un macigno che pesa in modo enorme sul rendimento di un match, e dunque al posto della tempesta perfetta ci è toccata una quiete paragonabile alle nostre ondate di calore Lucifero, Caligola o qualsivoglia nome sia venuto in mente ai nostri meteorologi chiaramente imbottiti di crack. Dove è finita l'impressione di violenza assoluta che caratterizzò il di-debutto di Lesnar? Possibile che il suo parco mosse si sia ridotto a un german suplex e qualche sottomissione? Paul Heyman doveva per forza fare solo lo spettatore non pagante? La condizione dei due è tale da garantire un ritmo – si fa per dire – degno di un Great Khali contro Tensai? E potrei continuare..

Ecco perché alla fine della fiera ho tirato in ballo un paragone terribile, che però almeno per il sottoscritto ha rispecchiato in pieno le sensazioni che ho avuto al termine del pay per view. Forzatura? Forse.. Provocazione? Probabile, ma onestamente la delusione è stata fortissima, un brusco risveglio perfino sulla effettiva utilità di mantenere Brock Lesnar in federazione. E ripeto, il tutto senza nella realtà poter contestare altro ai due partecipanti se non l'eccessiva lentezza delle loro azioni, perché per il resto Triple H ha ovviamente avuto un “binario” più facile potendo vendere i colpi e le prese al braccio, ma anche Lesnar è stato particolarmente bravo, ed ha reso perfettamente l'idea di aver vinto ma soffrendo come un cane, onorando il suo avversario proprio come fece Cena con lui. Eppure, alla fine della fiera, onestamente il risultato finale l'ho trovato modesto, particolarmente deludente e capace di trainare a ribasso la valutazione globale di un evento che meritava un finale assai migliore.

That's it.. iniezione di impopolarità in arrivo per il sottoscritto, o qualche pazzo la pensa come me? Let me know it.. commenti graditi come sempre, sia qui che sulla mia pagina Facebook.

[RIQUADRO8]

PS: Ok è più forte di me.. ma quando vedo problemi per un banalissimo dito medio attitude era mi imbestialisco non poco: capisco che il PG ha delle regole, che giuste o sbagliate vanno rispettate, ma se c'è un momento in cui più degli altri rimpiango gli Stone Cold Steve Austin è proprio questo..

14,780FansLike
2,616FollowersFollow

Ultime Notizie

Risultati della prima giornata del G1 Climax 30

La trentesima edizione del G1 Climax ha avuto il via quest'oggi: ecco i risultati completi della prima giornata del torneo.

Annunciati due match per Monday Night Raw

Questo lunedì, a Monday Night Raw, si svolgeranno due match con implicazioni sulla card di Clash of Champions.

Annunciato un nuovo match titolato per Clash of Champions

La card del prossimo pay-per-view WWE, in programma domenica prossima, si è arricchita di un nuovo match titolato.

Spoiler sul ritorno di un’ex Divas Champion in WWE

Un'ex campionessa femminile, cercata dalla WWE già ad inizio anno, è prossima a fare il suo ritorno nella compagnia di Stamford.

Articoli Correlati