TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
blank
blank
blank
 
blank blank
blank
 bulletblank10.4 Piper's Pit
blank
 bulletblank10.4 AEW Dynamite Report
blank
 bulletblank10.4 Impact Wrestling Report
blank
 bulletblank10.4 WWE NXT UK Report
blank
 bulletblank10.4 WWE NXT Report
blank
 bulletblank10.4 Pro Wrestling Culture
blank
 bulletblank9.4 GPOrder
blank
blank
 
blank
blank blank blank
 






 
 
 

Booker T parla del match tra Goldberg e Reigns a WM


10/03/2020 12:57:25 by Marco Ghironi
 
[Indietro]

Booker T
Durante l'ultima edizione del suo podcast, 'The Hall of Fame', Booker T e Brad Gilmore hanno parlato della card di WrestleMania 36 che sta piano piano prendendo forma.
Tanti gli argomenti trattati, interventi ripresi da molti siti americani e trascritti dai colleghi di WrestlingInc.

Su The Fiend escluso dal match titolato.
Per quanto riguarda The Fiend e il non vederlo nel match per il titolo... lo sai, personalmente non ho la minima idea di cosa potrà accadere. Non lo riesco a prevedere. Tantissima gente mi ha chiamato, arrabbiata, dicendomi: “Non succederà proprio niente, sarà la peggior WrestleMania di sempre”. C'è ancora tanta gente arrabbiata per la sconfitta di The Fiend a Super Showdown, e continuerà ad essere così.

Su Golberg vs Roman Reigns.
Potremmo definire questo come l'anno dei “big guys”. Questi due sono enormi, atleti dalla grande stazza. Non sono lottatori che si esibiscono in tutti o acrobazie. Non saltano dalla terza corda e non fanno mosse spettacolari. Questi ragazzi... hanno costruito le rispettive carriere all'interno del quadrato. Sono grandi, grandi, storytellers, entrambi. Quindi sì, mi sento di definirlo l'anno dei “big guys”. Mi sembra di essere tornati all'inizio, a com'era il pro-wrestling in un'altra epoca.

Dopo aver confermato di apprezzare questo Goldberg-Reigns, ha risposto al commento di Gilmore secondo cui questo match servirà a Reigns per conscrarsi ulteriormente nella storia della disciplina.
Nah, Roman ci è già passato. Ha le spalle abbastanza larghe per portare avanti la compagnia, ed è qualcosa che ha già dimostrato di saper fare. Ad un certo punto, la direzione del suo personaggio si è distaccata dal percorso che era stato tracciato. I fan non volevano vedere quel Roman Reigns, credo che sia cominciata proprio da lì la parabola discendente di Reigns. I fan si sono rifiutati di tifarlo. All'improvviso, la rotta è stata corretta e Roman ha detto: “Hey, lasciatemi andare fuori ed essere me stesso, facendomi fare ciò che so fare... Ovvero, picchiare duro i miei avversari, fare il bello e il cattivo tempo come voglio. Potremmo fare le cose per bene e fare anche molti soldi”. E credo sia accaduto proprio questo. E quando Roman è stato costretto ad una lunga assenza, a causa della sua malattia, il sentimento dei fn è cresciuto ancora di più. Le persone lo amano e credo che questo match con Goldberg sia arrivato al momento giusto.