Nia Jax conferma le sue posizioni no-vax

Poche ore va vi abbiamo riportato uno stralcio della partecipazione di Nia Jax al Podcast di Renee Paquette; all’interno dello stesso la Jax ha rivelato l’offerta della WWE per partecipare alla Royal Rumble, offerta da lei rifiutata con sdegno.

Tuttavia ci sono stati altri passaggi interessanti nell’intervista, sia relativa al suo licenziamento sia sulle sue posizioni no-vax per quanto riguarda il vaccino per il Covid.

Il suo licenziamento

Nia Jax ha ribadito di aver chiesto più tempo, rispetto alla pausa che già era in corso, solo un giorno prima che la WWE la licenziasse. Ha anche confermato che la WWE le aveva detto che era stata licenziata a causa di tagli al budget, cosa su cui non era subito d’accordo.

“È passata così velocemente la mia pausa”, ha detto la Jax. “Ero tipo ‘oh diavolo, sta arrivando la fine della pausa!’. Non dimenticherò mai, ho subito chiamato Johnny (Laurinaitis -ndr) ed ero tipo ‘Ehi. So che la mia pausa sta terminando, ma non mi sento proprio di riprendere ora. C’è un modo per estenderla fino alla Rumble? So che mi servirà per tornare ancora meglio’. L’ho contattato per questo un mercoledì. Poi il giovedì, quindi un giorno dopo, mi ha chiamato e, naturalmente, vedendo il suo nome sul mio telefono ho pensato ‘oh, mi sta chiamando per parlarne, ottimo’. Ho alzato il telefono e lui era invece del tipo ‘hey, odio davvero farlo’. E all’istante quando l’ha detto gli ho risposto ‘Oh, sto per essere licenziata?’ E lui ha detto ‘Sì.’

“Ha detto ‘Mi dispiace così tanto. E’ a causa dei tagli al budget’. Ho allora replicato ‘Ok, se è quello il problema posso accettare anche una riduzione dello stipendio’, ma già immaginavo come fossa una motivazione solo di facciata. E lui infatti ha detto ‘no, non si può fare così’. E io ho detto ‘oh, quindi vuoi solo un cambiamento totale e diverso’. Ha detto ‘sì, è quanto. Ti metteremo sotto i 90 giorni.’ Ho riattaccato il telefono ed ero sollevata”.

Legami tra licenziamento e posizioni No-vav

Dopo il licenziamento di Nia Jax, c’erano voci che suggerivano che diversi licenziamento, incluso il suo, erano dovuti al non aver effettuato il vaccino per il COVID-19. Nia Jax ha confermato di non aver ricevuto il vaccino e di essere consapevole delle conseguenze del non ottenerlo.

“Ho mantenuto la mia posizione su alcune cose di cui so che non erano contenti”, ha detto la Jax. “Stavo scegliendo di non andare a farmi il vaccino. Ed è stata una scelta personale, e ricordo di essermi seduta con Vince a parlarne, anche perché in tutti e due gli anni in cui sono stata lì siamo stati messi testati ogni giorno. Non sono mai risultata positiva, non ho mai preso il COVID per tutto il tempo. Lui però mi disse qualcosa del tipo ‘beh mia cara, non facendolo però non sarai in grado di adempiere ad alcuni dei tuoi doveri contrattuali.’ Io risposi qualcosa sulla falsariga di ‘beh se deve andare così allora che vada così. Si tratta di affari, ti capisco’. Tuttavia ho preso una decisione per me stessa, e sono rimasta fedele a come me la sentivo al riguardo. Decido sempre secondo il mio istinto. Se non mi sento bene nello stomaco, non riesco proprio a costringermi a fare qualcosa con la quale non mi sento bene. È così che ho vissuto tutta la mia vita”.

Renee Paquette ha chiesto a Nia Jax se si è pentita di una qualsiasi delle decisioni che ha preso. Secondo la Jax, non ci sono rimpianti per come sia andata

“Assolutamente no. Mi è stato chiesto di essere una leader negli spogliatoi, e lui mi ha detto ‘sai, devi dare l’esempio. Devi farlo.’ Ma ho replicato ‘Non sono un burattino. E non farò il burattino di nessuno. Se tu vuoi conoscere gli affari personali di qualcuno, allora chiediglielo’. Non volevo giocare al giochino ‘se lo fai tu gli altri seguiranno il tuo esempio’. Gli altri facciano quello che si sentono di fare! Non posso sedermi qui ed essere qualcosa che vogliono che io sia solo per placarli. Alla fine della giornata, mi sentirò bene con me stessa? Ci sono molti altri tirapiedi negli spogliatoi”.

Di fatto, le dichiarazioni di Nia Jax confermano in modo piuttosto netto, anche se non proprio direttamente, come la sua posizione no-vax possa avere avuto sicuramente un ruolo importante, se non decisivo, nella decisione della WWE di licenziarla.

Andrea De Angelis
Andrea De Angelis
Appassionato di Wrestling da diversi anni, tra i suoi preferiti Undertaker, The Rock e Kurt Angle. Cura la sezione notizie del sito
15,941FansLike
2,678FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati