Batista: “Tornerei in WWE senza batter ciglio”

La former WWE superstar e membro del cast di “007:Spectre” Dave “Batista” Bautista ha parlato recentemente con Chris Van Vliet. Di seguito alcuni highlights dell'intervista:

Quanto il wrestling lo ha aiutato nel suo ruolo in “Spectre”
Jim Ross mi ha sempre detto che avrei fatto i soldi con la mia faccia e io l'ho preso seriamente. Lo fai, racconti una storia e parli senza parlare veramente. E' qualcosa che penso sia stato un bene e una ragione per la quale io ho avuto questo lavoro ma richiede ancora di più di quanto io pensavo richiedesse.

Sui consigli di recitazione da The Rock:
E' un passaggio molto difficile e sei sempre sotto la lente. Una volta ti etichettano e ognuno cerca una scusa per giudicare negativamente quello che stai facendo. Ho sempre trovato grandioso che lui sia stato capace di andare dai film al wrestling e poi ancora ai film e al wrestling; e lui descrive questa situazione come le sabbie mobili specialmente nella WWE che ha molto controllo. Non è una compagnia facile con cui trattare. E ha detto “non farti catturare dalle sabbie mobili, non sei intrappolato li, devi essere forte e stare con i piedi per terra. Se questo è quello che vuoi, segui questa strada e non deviare da questo piano.”

Cosa avrebbe cambiato nell'ultimo stint in WWE?:
Non so se sarebbe stato differente perché è stato uno scontro di teste. Era costantemente uno scontro con loro creativamente parlando ed era qualcosa di cui avevamo parlato in anticipo; mi erano state promesse cose che poi non hanno mantenuto. Per una volta non volevo tornare come un babyface. Ho detto che non avrebbe funzionato, che i fan non mi volevano come babyface. Sono il peggior babyface che c'e. Ma sono un ottimo heel, mi sento bene a fare il cattivo e i fan mi vogliono vedere come un heel. Ma hanno provato a cacciare in gola ad ognuno questo concetto e i fan si sono ribellati. Non sono degli idioti (i fan ndr), non gli piace essere trattati come tali e non vogliono esserlo. A quel punto i writers sono andati in confusione e non sapevano cosa fare con me; quindi mi mandavano fuori ogni settimana a rigurgitare la stessa solfa ed è stato orribile.

Se tornerebbe alla WWE:
Oh bè. Alla fine io amo la WWE e ho gia provato che non andrei a combattere in nessun altro posto. Sento che andare a combattere in un altro luogo è come fare un passo indietro. Io amo la compagnia e apprezzerò sempre quello che hanno fatto per me. Vorrei tanto tornare indietro, è molto difficile trattare con loro ma ora la mia passione è recitare e lo sto facendo. Ma se l'opportunità si presentasse e loro fossero un pò più flessibili con me così come un pò più creativi, la coglierei. Ma lo farei in un batter d'occhio e non voglio tanti soldi, non voglio un calendario limitato; se mi permettessero di tornare e fare house shows, passerei sopra tutto questo. Perché così si salterebbe tutta la “burocrazia” (skip all the red tape ndr) e non avresti a che fare con i writers e tutte queste str*****e. La mia passione è il wrestling, Lottare. Il pubblico. Il ring. Questo è quello che voglio.

Ecco l'intervista completa.

15,656FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati