WWE Planet #949 – Draft lottery vera lotteria

È già passata una settimana dalla draft lottery, c’è ancora qualche atleta senza roster, ma i nomi importanti hanno trovato una nuova casa o siano rimasti nella loro senza spostarsi. La domanda è se la nuova aria possa fare del bene a tutti o inizi già a puzzare leggermente. Lo scopriremo in questo numero del WWE Planet.

Prima però soffermiamoci su come il draft si svolge fin da quando è tornato. In passato c’era sempre una certa tensione attorno alle chiamate, fino al punto da sancire match tra i membri dei due roster in cui il roster vincitore del match si sarebbe aggiudicato la chiamata. Tensione che nella nuova versione del draft è totalmente scomparsa. Si è come gli anziani di fronte al tabaccaio in attesa che escano i numeri della lotteria: 4, 8, 15, 16, 23 e 42. E sembra di essere di fronte alla lotteria, quella vera, anche per quanto riguarda le chiamate.

Abbiamo wrestler dimenticati da tutti chiamati prima di altri che erano nel main event di un PPV la settimana prima. Abbiamo tag team separati senza alcuna ragione visto che nelle logiche del draft i suddetti contano come una solo chiamata. Sembra di essere di fronte a un’estrazione di nomi casuali e non a delle logiche messe in atto da parte dei due general manager. E il tutto si limita a essere un elenco di nomi, utile in alcuni casi a ricordare che certa gente è ancora sotto contratto.

Come al solito la scrittura non è tra le priorità della WWE, tanto da darsi settimane di tempo prima di rendere le scelte ufficiali. Un modo come un altro per viaggiare a vista e nel caso cambiare idea dopo aver sentito cosa ne pensa il pubblico. C’è da dire che sotto questo aspetto la WWE è un’eccezione nel mondo del marketing dove le ricerche di mercato si fanno all’inizio, non dopo aver lanciato un prodotto.

E un’altra eccezione nel mondo del marketing è nel presentare i tuoi nuovi prodotti a un livello inferiore a quelli vecchi. Dopo aver avuto davanti agli occhi il fantastico debutto di Karrion Kross e di Keith “Bearcat” Lee questa settimana tocca a Toni Storm. Uno dei, se non il, nome di punta della divisione femminile di NXT UK che appena approdata al main roster… perde pulito contro Zelina Vega. Buona ricostruzione da zero per la neozelandese, purtroppo per lei il posto in un tag team femminile inutile è già stato dato a Rhea Ripley.

Chiudiamo infine parlando di ciò a cui serve davvero la draft lottery. Mescolare le carte? No, liberarsi di storyline che non sai come far finire allontanando uno dei due contendenti. Perché se Finn Balor cade come un coglione perché si rompe la corda non serve che tu spieghi cos’è accaduto, come sia stato possibile. Basta che lo prendi e lo cambi di roster e ciò che è accaduto in passato è totalmente dimenticato e non necessità più di alcuna spiegazione. E via, come in Lost, con un nuovo mistero da svelare ma che più probabilmente resterà tale per sempre.

Davide Procopio
Davide Procopio
Scrive per TuttoWrestling dal 2016. Laureato in sociologia dei processi culturali e comunicativi, analizza criticamente i vari tipi di media presenti nel mondo, wrestling compreso.
15,941FansLike
2,679FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati