Vince McMahon potrebbe affidare a Shane il controllo di Raw

Il ritorno di Shane McMahon ha Raw è coinciso con l’introduzione del nuovo format Raw Underground, una risposta all’esigenza di Vince McMahon di rialzare i ratings dopo i picchi negativi toccati nei mesi di giugno e luglio.

Shane McMahon non appariva in televisione dal debutto di SmackDown su Fox ad ottobre scorso, dopo la sconfitta patita nel Ladder Match che lo vedeva opposto a Kevin Owens. Sebbene finora il ruolo di Shane sarebbe sempre stato considerato alla stregua di un personaggio on-screen, l’influenza del figlio di Vince sarebbe estremamente rilevante dietro le quinte.

Come riporta Alex McCarty di Sportskeeda, l’idea di Raw Underground sarebbe una commistione di suggerimenti e di bozze che lo stesso Shane avrebbe maturato negli ultimi anni. Shane avrebbe proposto un concept simile al padre già nel 2009, una sorta di mix tra il pro wrestling e il modello delle MMA seguito dalla UFC, al quale però non piacque e accantonò il progetto. Come noto, in quel periodo Shane si allontanò dalla WWE per testare le proprie abilità manageriali in altri campi e lontano dall’ala protettrice del padre. Al suo ritorno in WWE, nel 2016, ha ripreso un ruolo importante sugli schermi ed è tornato ad aiutare nel backstage. Sebbene il suo non fosse un ruolo da responsabile come quello di Stephanie e di Triple H, il suo peso come producer è sempre stato rilevante: Shane ha lavorato alla riuscita dell’ultima Royal Rumble maschile, giudicata dagli addetti ai lavori come la migliore degli ultimi anni.

Ora, McCarty rivela che una fonte interna alla WWE gli avrebbe riferito che Shane sarebbe in lizza per rimpiazzare Bruce Prichard alla guida di Raw, permettendo a Prichard di lavorare solo su SmackDown. Un’idea che Vince starebbe ponderando alla luce del lavoro svolto dal figlio negli ultimi 12 mesi.

Altre fonti di Sportskeeda non forniscono una certezza concreta a questa prima informazione; ribadiscono, tuttavia, la centralità del lavoro di Shane dietro le quinte e del peso specifico del suo parere e delle idee creative da lui proposte. Un altro indizio a sostegno di questo avvicendamento tra Shane e Prichard sarebbe il fatto che quest’ultimo non sia in grado di reggere il carico pesante di ore lavorative, difficoltà esternata nell’ultimo periodo in diverse interviste. In realtà, come molti rumor hanno sottolineato nell’ultimo periodo, Prichard sarebbe stato considerato come Head di Raw ad interim, in attesa di trovare un sostituto a tempo pieno di Paul Heyman che potesse concentrarsi esclusivamente sullo show del lunedì sera.

Ovviamente per ora non c’è nulla di ufficiale e queste vanno prese come pure e semplici speculazioni. Non è un mistero che il lavoro di Shane sia molto apprezzato dai vertici della WWE soprattutto dopo il suo ritorno, segno che la lontananza dalla compagnia avrebbe fatto bene alla figura professionale del primogenito di Vince. Vi invitiamo a rimanere sintonizzati con la nostra newsboard in caso di aggiornamenti o, eventualmente, annunci ufficiali da parte di una delle parti in causa.

Marco Ghironi
Rimasi estasiato quando, da bambino, girai per caso canale e mi imbattei in questo tizio con la maschera strana che sconfiggeva un energumeno esageratamente più grosso di lui. Almeno 15 anni più tardi, cerco settimanalmente di seguire anche lo show secondario di una qualsiasi federazione di wrestling polacca. Nel mentre, condivido pensieri, opinioni e notizie qui su Tuttowrestling, fondendo le mie anime di giornalista e fan sfegatato.
15,656FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati