TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
blank
blank
blank
 
blank blank
blank
 bulletblank1.4 TW Risponde
blank
 bulletblank31.3 WWE Raw Report
blank
 bulletblank30.3 The Whole Damn Show
blank
 bulletblank29.3 WWE Planet
blank
 bulletblank29.3 WWE Main Event Report
blank
 bulletblank29.3 Impact Wrestling Report
blank
 bulletblank28.3 WWE Smackdown Report
blank
blank
 
blank
blank blank blank
 






 
 
 

WWE PLANET #869

by Daniele La Spina
 


La settimana più particolare della storia della compagnia è iniziata dopo un PPV praticamente privo di strascichi ed è progredita come tutto il resto, venendo lentamente divorata dal coronavirus. Una situazione particolare per la WWE ma non solo ma che ha generato una domanda, ripetuta mille volte: si terrà WrestleMania?





La risposta è: no. WrestleMania non ha alcuna possibilità di tenersi il prossimo 5 aprile a Tampa. Ad oggi la federazione e tutte le altre realtà coinvolte come la città di Tampa si rimbalzano la patata bollente, cercando di allontanare il momento in cui la decisione in proposito verrà presa, ma è un comportamento figlio del fatto che nessuno vuole prendersi la responsabilità di cancellare l’evento. Ma in Italia siamo più consci della situazione, abbiamo visto l’impatto che una pandemia di questa portata ha e sta avendo su tutte le nostre attività ed è inverosimile che – con ancora meno politiche contenitive, accesso ridotto alla sanità e irresponsabilità delle amministrazioni – la situazione non diventi rapidamente tale anche negli Stati Uniti così come in tanti altri Paesi che cominciano a reagire adesso al contagio. Nel giro di due settimane la situazione non sarà risolta, né qui, né oltreoceano, e le alternative come le porte chiuse non sono praticabili per WrestleMania; non in uno stadio da oltre 70000 posti, non per un evento che non è solo un evento ma una riunione globale d’interesse. Pensare a WM non significa pensare al solo evento della domenica ma a tutti gli altri appuntamenti correlati, sia quelli targati WWE che quelli altrui. Raw, SD, NXT TakeOver, Hall Of Fame, Axxess più tutti gli show indipendenti e le fiere che approfittano della presenza di migliaia di fan in quei giorni e si organizzano in arene e località vicine. Uno scenario che sarebbe folle immaginare in piena pandemia e che si può solo sperare che non avvenga. La speranza è che la logica e l’esperienza di Paesi come il nostro vincano e che le decisioni progressive che verranno prese nell’ottica del contenimento del Covid-19 arriveranno lentamente a costringere allo stop tutti quanti.

Non so se WM sarà posticipata, annullata, spostata in altra sede o che altro. So che quello che si è vissuto con SmackDown e che vivremo con Raw lunedì è strano. Lo è troppo. La puntata andata in onda dal Performance Center è stata per forza di cose monca: parte del roster non disponibile, la difficoltà per spazi e tempi da sfruttare e riempire, l’assenza del pubblico, l’impossibilità di portare avanti concretamente quasi tutte le storyline. Qualsiasi sport può essere praticato senza pubblico, checché ne dicano gli appassionati: succede ogni settimana nelle categorie minori o giovanili. Il wrestling, come accade spesso, fa però eccezione. Se anche non fossero le future e più stringenti misure a impedirlo, infatti, comunque le puntate settimanali non potranno essere a lungo così. L’assenza di una reazione, vera, spontanea e immediata non può essere sostituita da niente. Non da cori posticci pre-registrati, non dai social network. Il pro-wrestling è uno spettacolo, è creato per il pubblico e di esso vive. Tutto è in funzione di esso e la cosa non può durare.

Dovremo rassegnarci e probabilmente preparaci ad un periodo senza wrestling “nuovo”, consolandoci con raccolte sul web, network di ogni sorta e magari sfruttando questo tempo per cercare di ampliare i nostri orizzonti. Vedere finalmente qualche show di quella federazione a cui non siamo mai riusciti a dare una chance, recuperare quel match storico che non abbiamo mai visto, studiare epoche di wrestling o rivoluzioni in atto. Insomma, se c’è un lato positivo è quello che quasi sicuramente non avremo mai più così tanto tempo per vedere il wrestling. Proviamo a sfruttarlo, sperando che questa probabile imprevista off-season faccia bene a tutti.




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling