WWE Raw Report 15-11-2010

La WWE mette in moto la sua personalissima DeLorean e propone, per questa puntata di Monday Night Raw, uno speciale denominato “Old School”. Tante grandi leggende del passato sfileranno in questo show, per tre ore dedicate a gran parte della storia di questo business. Ovviamente, come in “Ritorno al futuro” anche da questa puntata ci aspettiamo delle ripercussioni sul futuro della federazione stessa, un futuro chiamato Survivor Series e che dista ormai meno di una settimana. Hershey, Pennsylvania è lo scenario di questa edizione speciale dello show del lunedì sera. Alla tastiera, per raccontarvi per filo e per segno questo viaggio tra passato e presente (con uno sguardo al futuro) della federazione c'è, in versione “vintage” come direbbe Michael Cole, Adriano Paduano.

Una sigla in versione retro e dei pyros che ricordano i tempi passati ci accolgono nell'arena. Scenografia e grafica ricordano esattamente gli show di venti anni fa e persino Jerry “The King” Lawler e Michael Cole introducono lo show come nel passato (Lawler ha anche un completo tipico dei primi anni novanta indossato nei suoi commenti). Justin Roberts (anche lui agghindato in tema e con tanto di parrucca) introduce “Mean” Gene Okerlund il quale si posiziona tra il pubblico come da routine ed introduce “Cowboy” Bob Orton! Il primo ospite è proprio il padre di Randy al quale Okerlund chiede un parere su Survivor Series. Il padre di Randy dice che suo figlio non sapeva che lo show si svolgesse un'ora prima e che non è ancora arrivato nell'arena. Per quanto riguarda domenica, Randy ha sempre perseguito i suoi obiettivi sin dai tempi della scuola e lo farà anche con un arbitro speciale a lui avverso. A lui non importa se ci sarà un arbitro speciale a lui importa solo che suo figlio rifili una RKO a Wade Barrett ed una a John Cena il suo unico obiettivo sarà quello di… Risuona la musica di The Nexus con Wade Barrett che fa il suo ingresso in scena e dice a Bob Orton che la sua previsione per questa domenica è fasulla tanto quanto il gesso che porta al braccio. La verità è che lui domenica batterà Randy Orton e farà una cosa che “Cowboy” non ha mai fatto ovvero vincere il titolo WWE. Lui non deve nulla alla vecchia scuola ma fa affidamento alle sue sole forze e tutto ciò culminerà questa domenica quando le sue braccia saranno levate al cielo da campione. Il motivo per cui il resto di The Nexus non è con lui in questo momento è che lui vuole che Bob possa testimoniare domenica la sconfitta di suo figlio. Interviene anche The Miz che entra in scena accompagnato da Alex Riley. Mr. Money In The Bank chiede all'inglese se pensa davvero che sia così facile la vittoria del titolo di domenica. La scorsa settimana Randy Orton non è stato contento di averlo in squadra e così lui gli ha lanciato un messaggio a colpendolo nel main event, cosa che potrebbe fare anche a Survivor Series per incassare il Money In The Bank. Ma lui potrebbe farlo anche questa sera, una cosa che potrebbe riguardarlo da vicino visto che il suo match contro Orton perderebbe di importanza e John Cena rimarrebbe per sempre ingabbiato all'interno di The Nexus. Appare nel Titantron il bostoniano che dice a Mizanin di non avere alcuna intenzione di rovinagli tutto quello per cui sta combattendo. Lui gli impedirà di incassare la valigetta stasera. Cena sfida The Miz ad un match e dice che se si ritiene “Awesome” deve solo pronunciare le parole “io accetto”. Mizanin ci pensa e poi accetta. Il match è deciso! John Cena e The Miz si affronteranno uno contro uno questa sera. Mean Gene saluta i suoi ospiti e ci dà appuntamento a dopo la pausa con il proseguimento della puntata “Old School” di Monday night Raw.

Al ritorno dalla pausa c'è l'ingresso in scena di Dolph Ziggler, accompagnato da Vickie Guerriero, pronto per il primo match della serata. Prima del match appare un riquadro (anche questo in puro stile “Old School”) con Dolph che dice che l'ultima volta che è stato a Raw è stato derubato. Stavolta le cose andranno diversamente perché lui è parte della miglior coppia dai tempi di Randy Savage e Miss Elizabeth (ovviamente con Vickie Guerrero). Il suo avversario sarà Mark Henry che entra sulle note della theme song ai tempi della gimmick di Sexual Chocolate. Si parte con Ziggler che prova una serie di colpi alla schiena e la sua Sleeper Hold ma Henry evita la chiusura della presa e scaraventa fuori dal ring il campione Intercontinentale che rientra sul quadrato ma solo per subire la Clothesline di Mark. Dolph tenta ancora la Sleeper Hold ma poi viene portato sulla terza corda salvo poi essere colpito e spedito all'esterno del quadrato ancora una volta. Henry, fuori dal ring cerca un contatto con Vickie. Si rientra sul ring con Ziggler che accoglie l'avversario con un Baseball Slide ed una serie di colpi al tappeto con del calci. Tentativo di pinfall fallito per lui. Il wrestler di Smackdown riprova l'assalto ma Henry riprende in mano la contesa con una Clothesline ed una testata. Lancio sulle corde. Ziggler si ferma e poi prova una manovra in corsa salvo venir steso da una Side Slam. Sexual Chocolate prova la World's Strongest Splash ma Ziggler si toglie dalla traiettoria. Mark è stordito e Ziggler prova un Leg Lariat 1… 2… Niente da fare. Dolph si dispera e poi connette con la Zig-Zag 1… 2… Henry esce ancora dal conteggio. Ziggler, al tappeto decide di bloccare l'avversario con la sua Sleeper Hold che, dopo qualche minuto, sviene con l'arbitro costretto a chiamare la fine del match. Vickie recupera la cintura e festeggia con un campione Intercontinentale stremato fuori dal ring.

Tyson Kidd e DH Smith sono nel backstage con quest'ultimo che dice al compagno di rimanere uniti anche se hanno dei problemi e che anche suo padre e la famiglia Hart non andavano d'accordo all'inizio. I due incorciano Tony Atlas il quale dice che anche lui, ai suoi tempi, aveva un problema con suo partner di coppia Rocky Johnson. Tony Atlas aggiunge che bisogna sempre cercare di risolvere il problemi come facevano loro quando discutevano anche della minima sciocchezza. L'Hall Of Famer continua a dire sempre la stessa cosa velocemente e raccontare la sua storia quasi parlasse da solo. Infatti i due canadesi lo lasciano nel suo soliloquio e si allontanano.

Tony Atlas continua la sua storia con Yoshi Tatsu al suo fianco che mal sopporta la situazione e non nasconde il suo disappunto simulando un harakiri.

Sul ring ci sono i campioni di coppia Heath Slater e Justin Gabriel. Loro avversari, dopo essersi sorbiti i deliri di Atlas, sono proprio quelli della Hart Dynasty. Il match sarà senza titolo in palio. Si parte con Justin ed i suoi calci su Smith che prova a chiudere l'avversario con una presa al tappeto. Gabriel tenta la reazione e DH prova la Sharpshooter ma senza successo. Irish Whip del canadese che connette poi con una Powerslam ed una serie di Belly-to-Belly Suplex 1… 2… Slater interviene nella contesa. Cambio tra i due Nexus ma Smith è sempre in controllo con alcune power moves molto efficaci. Powerslam anche per Slater 1… 2… Niente da fare. Gabriel prova ad intervenire e DH si distrae. Serie di cambi tra i due campioni. Colpi al volto dell'ex NXT con un Irish Whip. Tentativo di Stinger Splash fallito per il rosso di The Nexus. Smith va poi a cercare il cambio con il partner, ma Kidd colpisce Smith con un calcio e si allontana dal quadrato ridendosela di gusto. Gabriel si prende il cambio ed approfitta della situazione per connettere con la 450 Splash 1… 2… 3! Vittoria per i campioni di coppia con Smith e Kidd che si lanciano sguardi di fuoco. La Hart Dynasty è giunta al capolinea.

“Mean” Gene è nel backstage in compagnia di Randy Orton e suo padre e chiede al WWE Champion la stessa cosa chiesta al padre ad inizio show ma Orton non fa in tempo a parlare che subito viene interrotto da R-Truth che gli dice che John Cena, la scorsa settimana, sapeva esattamente quello che faceva quando ha effettuato il conto di tre in favore del team Barrett. Cena non ha scelta perché vuole essere libero e Randy deve fare qualcosa se vuole salvare il suo titolo.. Orton ribatte dicendo che ha un modo per evitare che Cena gli faccia perdere il titolo questa domenica: basterà che lui lo colpisca con un calcio al cranio per metterlo fuori dai giochi già da stasera. Orton e suo padre si allontanano mentre Truth non sembra molto convinto della cosa. Pubblicità.

Torniamo dal break con uno spot della WWE con “Mean” Gene Okelund che presenta alcuni gadget “Old School” disponibili sul sito wweshop.com.

Nell'arena Justin Roberts introduce lo storico annunciatore della federazione Howard Finkel. Quest'ultimo entra sul quadrato ed introduce a suo modo i prossimi ospiti dello show: Brooklyn Brawler con Harvey Whippleman. Il primo chiede al pubblico quale sia il problema e se per caso non rispettano la vecchia scuola. Lui si aspettava una ovazione nei suoi confronti così come se l'aspetta alla fine del suo match. Whippleman dice che Brooklyn Brawler è qui per lanciare una sfida ad uno qualsiasi delle Superstar della federazione per dimostrare il valore della Old School. Ad accettare la sfida, per il disappunto di BB, è Ezekiel Jackson. Si parte con la vecchia gloria che prova un assalto in corsa ma viene respinto da una spallata del più giovane (e muscoloso) avversario che poi lo stende con una Clothesline. Irish Whip e poi Clothesline all'angolo di Jackson. Per l'ex ECW Champion è un gioco da ragazzi connettere con la sua Book Of Ezekiel 1… 2… 3! Vittoria facile facile per Ezekiel Jackson contro il malcapitato Brooklyn Brawler.

La grafica ci ricorda uno dei match principali della serata: John Cena affronterà The Miz!

Dopo un nuovo break torniamo all'interno del backstage di The Nexus con David Otunga che si esalta per la vittoria contro Edge a Smackdown. “A-List” dice che adesso il team deve seguire il suo esempio dopo essere andato vicino all'estromissione dal team. Qualcuno dovrebbe prendersi cura di R-Truth e lui, come leader… Arriva Wade Barrett e chiede ad Otunga se per caso ha ascoltato bene le sue parole. A-List tentenna ma dice che lui ha battuto Edge e pensava di poter prendere in pugno la situazione. Barrett allora gli dice di affrontare di persona R-Truth. Dopo un attimo di silenzio arriva una mail dal GM anonimo di Raw (quasi come Wade lo avesse chiamato con lo sguardo): David Otunga non combatterà contro R-Truth questa sera perché sarà coinvolto in un match particolare più tardi. Sarà Wade Barrett ad affrontarlo e dimostrare che questa domenica ha serie possibilità di vincere il titolo WWE. Barrett sembra soddisfatto della scelta del GM e ringrazia Husky Harris per la fedeltà nei suoi confronti. Lui non ha bisogno di aiuti perché deve dimostrare di poter battere qualsiasi membro del roster di Raw. John entra in scena e chiede sarcasticamente un ringraziamento per avergli tolto l'impiccio di The Miz. Barrett sembra apprezzare ma poi dice al bostoniano di essere lui quello nei guai. Barrett comanda ad Harris e McGillicutty di stare al fianco di Cena per evitare che questi venga colpito da Randy Orton. Cena dice di non avere bisogno di guardiani e che se Orton vuole qualcosa da lui dovrà andare a prendersela. Nuova pausa pubblicitaria per noi.

DID YOU KNOW? 80 Superstar del passato sono entrate nella Hall Of Fame WWE tra cui alcuni grandissimi come Andre The Giant.

Torniamo live nell'arena con l'ingresso di John Cena. Il bostoniano viene accolto bene dal pubblico ma fallisce clamorosamente il lancio del cappello al pubblico, salvo poi consegnarlo direttamente ad un bambino in prima fila. Entra anche The Miz, accompagnato da Alex Riley mentre le immagini ci mostrano il tradimento di Mizanin ai danni di Randy Orton nel match che il team di quest'ultimo disputava contro The Nexus. Miz prende il microfono e dice che Cena pensa sempre di essere un passo davanti a lui, che vuole metterlo fuori gioco impedendogli di incassare la sua valigetta per salvare il suo futuro. Ma in realtà è lui ad essere un passo avanti quindi, visto che la loro sfida non è stata ufficializzata dal GM (Michael Cole fa un cenno con la testa per confermare), lui ha provveduto a trovare un sostituto per il match. Il suo discepolo: Alex Riley. Se John Cena vorrà affrontarlo dovrà aspettare Wrestlemania quando lui sarà WWE Champion! Si parte con un Clinch che viene vinto da Cena che porta al tappeto subito Riley. L'ex NXT si rialza contrariato. Il match riprende con Cena che con un Armdrag porta ancora spalle a terra l'avversario. Tentativo di prova di forza tra i due. Riley e sempre al tappeto con poche mosse da parte dell'ex WWE Champion che va poi a portare all'angolo Riley. Irish Whip e poi tentativo di Splash fallito. L'arbitro allontana Riley dall'avversario e The Miz ne approfitta per colpire a sua volta il bostoniano. Quest'ultimo reagisce con una Clothesline ed un lancio all'angolo. Riley reagisce con una serie di colpi all'angolo ed un nuovo Irish Whip con Cena che finisce al tappeto 1… 2… Niente da fare. Back Body Drop improvvisa di Cena che poi parte con la sua combinazione di Shoulder Tackle e Proto Bomb. Inevitabile anche la 5-Knuckle Shuffle che precede solo di qualche secondo la Attitude Adjustment. Cena chiude il conto con la STF con Riley che cede immediatamente. Vittoria tutto sommato agevole per il bostoniano. Interviene Randy Orton che viene subito accolto a suon di cazzotti da The Miz. Orton si libera dell'ex U.S. Champion. Intervengono Husky Harris e Michael McGillicutty che, però, subiscono la stessa sorte. Randy e John sono faccia a faccia e tra i due parte una rissa che viene, dopo qualche secondo, sedata sia dagli arbitri che da alcuni road agent. Arriva una mail del GM anonimo: visto che questo è un programma dedicato alla Old School, non c'è miglior modo di risolvere una questione se non quella di essere ospiti del “Piper's Pit”! Cena ed Orton si rivolgono sguardi in cagnesco mentre si è superata la prima ora di diretta e si va ancora in pubblicità.

Torniamo con “Old School” con Michael Cole e Jerry “The King” Lawler che commentano quanto successo e quanto sta per succedere in questa puntata speciale. Nel frattempo sul ring ci sono The Iron Sheik e Nikolai Volkoff con il secondo che si cimenta nell'esecuzione dell'inno sovietico come suo solito, salvo poi essere interrotto da Santino Marella accompagnato da Vladimir Kozlov. Santino si scusa con le leggende ma poi dice che Kozlov sarebbe onorato di cantare l'inno sovietico insieme a Volkoff. Il pubblico canta “U-S-A, U-S-A” ma ciò non ci impedisce di ascoltare la cantilena dei due. Marella interrompe il tutto ironizzando sull'esecuzione e dice di voler cantare anche lui una bella canzone ma per farlo ha bisogno di un aiuto. Entra Slick intonando Jive Soul Bro ma Iron Sheik manifesta tutta la sua contrarietà. Marella chiede ancora un'opinione allo sceicco ma questi dice che senza di lui non ci sarebbe mai stata un'Hulkamania. Sheik inizia poi a parlare in arabo, fermato in tempo da Santino. Entrano in scena The Usos, accompagnati da Tamina, pronti per il loro match che determinerà i nuovi primi sfidanti ai titoli di coppia. Al loro fianco, il padre della ragazza ovvero “Superfly” Jimmy Snuka. Loro avversari saranno proprio Marella e Kozlov ed il match si disputerà subito dopo una nuova pausa.

Dopo il break il match è già cominciato con Jey che colpisce ripetutamente l'italiano. Cambio tra i samoani ed il lancio sulle corde con un colpo combinato per gli Usos. I due lavorano molto bene in coppia con Jey che rientra e colpisce con un calcio l'avversario. Marella riesce a portare al tappeto uno dei due fratelli. Cambio per Kozlov. Jey tenta una manovra in corsa ma Vlladimir lo abbranca e connette con un Fall-Away Slam. Rientra Santino che colpisce con una testata all'angolo l'avversario 1… 2… Niente da fare. Rientra Kozlov che colpisce la testa dell'avversario contro il turnbackle e poi lo asfalta con un Big Boot. L'ex ECW abbranca l'avversario per una Powerslam ma Jey riesce a trovare il tag per Jimmy. Quest'ultimo parte bene con una serie di calci e colpi al volto. Headlock del samoano ma il russo di libera. Ancora un tentativo di manovra in corsa ma Kozlov connette con un Headbutt. Cambio tra i due samoani. Jey e Jimmy continuano a lavorare in coppia con Jey che lancia Jimmy che a sua volta colpisce l'avversario all'angolo con un Running Knee 1… 2… Kozlov esce dal pinfall. Front Facelock da parte del samoano che viene colpito da Santino non visto dall'arbitro. L'italiano si prende il tag e colpisce con un Back Drop e connette con l'Arrivederci. Jey prova ad intervenire ma Kozlov allontana il samoano. Santino sgambetta Jimmy e poi lo colpisce con il suo Cobra 1… 2… 3! Vittoria per Santino e Vladimir Kozlov che sono i nuovi primi sfidanti ai titoli di coppia! Arriva Sheamus che colpisce con un Brough Kick il russo. Poi il Celtic Warrior passa ad occuparsi si Santino ma interviene John Morrison che manda fuori ring l'irlandese. Quest'ultimo prova a rientrare ma viene respinto da un Enzeguiri Kick di Morrison. Lo Shaman Of Sexy prende il microfono e dice a Sheamus che per quanto lo riguarda l'irlandese è solo un prepotente che se la prende con i più deboli e lui non lo sopporta. Se Sheamus vuole lottare lui è a sua disposizione. Il Celtic Warrior sembra pronto alla lotta ma poi decide di ritirarsi nel backstage mentre Santino ringrazia Morrison per l'aiuto.

Spot sul DVD dedicato a John Cena chiamato “John Cena Experience”. Il bostoniano sarà ospite del “Piper's Pit” insieme a Randy Orton, più tardi.

“Runaway” degli Hail The Villain è la colonna sonora di Survivor Series. Nel frattempo, nel ring David Otunga è sul ring pronto per il suo match speciale. Suo avversario sarà, direttamente da Smackdown, Kofi Kingston. Anche per il ghanese c'è un riquadro nel quale questi dice di voler restituire il favore a The Nexus dopo la loro visita a Smackdown. Lui volerà intorno al ring come Koko B. Ware ed alla fine per Otunga sarà solo “Boom Boom Boom”! Si parte con dei calci di Kofi con Otunga che studia la situazione e si rifugia alle corde. Clothesline a vuoto di A-List ma Kofi evita e prova una Headlock. David si libera e lancia sulle corde Kingston che prova una manovra aerea ma viene abbrancato da Otunga che connette con un Bodyslam. Ancora una DDT da parte del membro di The Nexus 1… 2… Niente da fare per lui. Headlock con l'ex Intercontinetal Champion che si libera, tenta una manovra in corsa ma viene respinto da una spallata dell'avversario. Chinlock da parte di A-List con il ghanese che si libera e lavora con i suoi calci e colpi all'angolo. Ottimo Dropkick da parte del wrestler di SD! che poi va anche a connettere un European Uppercut in corsa. Nel frattempo entra in scena George “The Animal” Steele. Solita lingua verde e solita voglia di cimentarsi con il cuscinetto del turnbackle per lui. L'arbitro prova a fermarlo ma inutilmente. Otunga chiede al direttore di gara di allontanare la leggende. Kofi lo sorprende e lo colpisce all'angolo che era scoperto dopo l'intervento di Steele. Trouble In Paradise di Kingston 1… 2… 3! Vittoria per Kofi che sfrutta a suo vantaggio l'intervento di George “The Animal” Steele.

John Morrison riceve i complimenti di Arn Anderson e Gerald Brisco per essere intervenuto in favore di Santino per la terza volta consecutiva. Morrison si esalta per le parole e dice che non sopporta un bullo come Sheamus ma viene colto di sorpresa dal Brough Kick del Celtic Warrior. Lo Shaman Of Sexy è esanime al tappeto e Sheamus dice ad Anderson e Brisco di riferirgli, quando si riprenderà, che lui accetta la sua sfida e che i due si vedranno Survivor Series.

Aksana sta girando nel backstage con la Million Dollar Belt quando si incrocia con “Hacksaw” Jim Duggan ed il suo “HOOOOOOOOOOO”!. La leggenda dice anche che la lituana ha una visita speciale ovvero sua madre e che comunque gli ha rubato il suo coro dedicato agli USA. La ragazza sembra vedere poi sua madre e la chiama constatandone anche la scarsa forma fisica. In realtà si tratta di Dusty Rhodes in parrucca che dice di essere qui con un obiettivo. Kelly Kelly cala una rete sulla lituana. Arriva Goldust che toglie la cintura alla “moglie” dicendo che restituirà la restituirà al legittimo proprietario. Si avvicinano “Million Dollar Man” Ted DiBiase e I.R.S. e quest'ultimo dice che lui conosce un buon tasso di valutazione per la stessa cintura. Si avvicina anche Ted jr con il padre che gli dice che è lui il proprietario legittimo della cintura ma quest'ultimo rifiuta dicendo che ora è arrivato il momento di conquistarsi qualcosa con le sue forze. Arriva Cosy Rhodes che dice di essere “Dashing” e Goldust gli chiede qualche consiglio per migliorare il suo aspetto. Dusty dice che ha cresciuto dei ragazzi davvero strani. Parte un balletto tra Rhodes, DiBiase, I.R.S., Kelly Kelly. Arriva anche Tatanka con Jim Duggan. Aksana è ancora bloccata nella rete mentre Ron Simmons si avvicina alla scena e la commenta con il suo “DAMN!”.

Un video ci mostra quanto successo poco fa tra John Cena e Randy Orton. Il tutto mentre R-Truth ed Eve si avvicinano al ring. I due saranno protagonisti subito dopo la pubblicità.

Come detto, dopo la pausa, entra in scena R-Truth che canta la sua theme song accompagnato dalla danzerina Eve Torres. Truth saluta come al solito il pubblico con il suo “Whass'up?”. Il suo avversario sarà, come già annunciato, il leader di The Nexus: Wade Barrett. Si parte con un colpo all'addome dell'inglese ma Truth reagisce con i suoi calci. Il rapper viene poi portato all'angolo. Irish Whip ma poi l'ex U.S. Champion evita uno Splash dell'avversario portandolo fuori dal ring. Barrett subisce poi un Suicide Dive di Truth all'esterno del quadrato. Ancora quest'ultimo che prova una manovra aerea. Wade rinviene, l'atleta di colore prova una manovra in corsa ma Barrett lo sorprende con uno Spinning Side Slam. Suplex da parte dell'inglese 1… 2… Niente da fare. Ancora il leader di The Nexus a dominare la contesa. Flying Elbow Smash dalla seconda corda da parte dell'ex NXT. Ancora Barrett con un Irish Whip a cui segue un Side Walk Slam 1… 2… La contesa è ancora aperta. Truth prova un roll-up improvviso 1… 2… Wade si salva. Quest'ultimo riparte all'attacco con una Headlock. L'avversario si libera con delle gomitate. Irish Whip ancora dell'inglese ma Truth va poi a colpire con un calcio ed una serie di Clothesline. Il rapper prova a sorprendere il rivale con un Victory Roll 1… 2… L'inglese si salva. Truth Connette con un Face Slam. Barrett tenta la sua Wasteland, Truth si libera ma viene colpito ed affondato da un Big Boot. Per il leader di The Nexus è un gioco da ragazzi connettere con la sua manovra finale 1… 2… 3! Vittoria per Wade Barrett che lancia un segnale chiaro a Randy Orton (che guardava dal video come John Cena) in vista del loro match di questa domenica.

Torniamo dopo una nuova pausa per l'ultima ora di show. Michael Cole continua ad imitare Jim Ross scherzando con Jerry Lawler. Sul ring c'è Ricardo Rodriguez che annuncia come al solito l'ingresso di Alberto Del Rio. L'annunciatore viene però interrotto da Tito Santana che vuole annunciare personalmente il nuovo idolo messicano. Del Rio entra a bordo di una Jaguar ed il suo autista è nientemeno che Chavo Guerrero Sr., meglio noto come Chavo Classic. Alberto abbraccia Chavo ed entra sul quadrato. Del Rio ringrazia le leggende e si presenta al pubblico iniziando poi a parlare in spagnolo. La città del cioccolato e di migliaia di americani obesi. Il cuore della nazione, un cuore che si fermerà a causa dell'alto livello di colesterolo nel sangue dei suoi abitanti. Oggi è la giornata decimata alla Old School: tutte le leggende dovrebbero seguire l'esempio di Tito Santana e Chavo Classic e rispettarlo. Risuona la musica di Sgt. Slaughter! L'Hall Of Famer entra sul ring e dice da Del Rio di chiudere la boccaccia. Lui non ha il rispetto né da parte delle leggende né dell'America. Il rispetto uno se lo deve guadagnare. Quindi per farlo deve affrontarlo in un match. Del Rio sembra divertito dalla cosa ed accetta chiedendo l'ingresso di un arbitro. Entra Chad Patton ed il match può iniziare con un calcio e dei colpi alla schiena del messicano. Del Rio continua il suo assalto provando un Arm Drag ma Slaughter lo chiude della sua Cobra Clutch. Del Rio trova le corde e si libera dalla presa stendendo l'avversario con una Clothesline. Headlock da parte del wrestler di SD! che insiste poi con i suoi calci. Ancora tentativo di Cobra Clutch da parte della leggenda con Alberto che si libera. Irish Whip per lui e poi Enzeguiri Kick all'angolo di Del Rio che prova il pinfall 1… 2… 3! Vittoria di Alberto Del Rio che poi chiude l'Hall Of Famer nella sua Rolling Cross Armbar. Accorre di gran carriera M.V.P. che cerca il contatto con il messicano che però scappa dal ring e se la ride da lontano. Nel frattempo Porter rialza l'ex WWE Champion mentre la sua musica risuona nell'arena. Pubblicità.

Torniamo live con Michael Cole e Jerry “The King” Lawler eccitati per questa versione Old School di Monday Night Raw. I due passano poi a introdurre un video che ci mostra l'apertura delle vendite dei biglietti per Wrestlemania 27 ad Atlanta, Georgia dove si terrà la prossima edizione dello Showcase Of The Immortals il prossimo 3 aprile 2011.

“Mean” Gene Okerlund introduce la mitica Mae Young, accompagnata dalle Bella Twins. Okerlund mostra una foto della gioventù della lottatrice che commenta scherzosamente la cosa dicendo che lotterà fino a quando avrà 100 anni. L'intervistatore introduce poi un video dei momenti più divertenti che riguardano la Hall Of Famer. Il momento di divertimento viene interrotto dalle Laycool. Le ragazze si dicono confuse perché non capiscono se questo è la puntata “Old School” o Jurassic Park. Layla chiede a Mae come ci si sente a non aver mai vinto un titolo e Micelle rincara la dose dicendo che loro provano grande simpatia per una signora che sembra la nonna di Betty White. Le due continuano a prendere in giro la leggenda. “Mean” Gene chiede alla vecchietta se per caso ha qualcosa da dire. Mae Young chiede immediatamente un match senza squalifiche (contravvenendo anche ai parametri PG visto che chiama le Laycool con un epiteto non proprio elegante). Le Laycool se la ridono ed accettano la sfida. Peccato però che arrivino a supporto di Mae tutte le Divas di Raw, capeggiate da Natalya, che attaccano all'unisono le Laycool. Micelle è al tappeto mentre Layla viene bloccata e schiaffeggiata dalla vecchietta che poi esegue il pinfall su Layla poggiando il piede mentre le altre la bloccano 1… 2… 3! Vittoria per Mae Young su una delle Co-Divas Champion! Storica vittoria per la Hall Of Famer che può vantarsi di aver combattuto (e vinto) un match anche in questa decade! Figuraccia invece per le Laycool che quasi piangono sulla rampa che porta al ring.

Howard Finkel, sul ring, introduce il commentatore speciale del prossimo match: JIM ROSS! Michael Cole non sembra molto contento mentre il pubblico è in visibilio. Abbraccio a Jerry Lawler mentre Ross stringe, con molta indifferenza, la mano al suo collega. Da notare come i due siano vestiti uguali, se si eccettua il cappello di JR. Il match in programma è quello che vede opposti lo U.S. Champion Daniel Bryan e, direttamente da Smackdown, Jack Swagger. Si parte con un Clinch vinto da Swagger che porta al tappeto Bryan. Waistlock da parte di Swagger con Bryan che si libera mentre Cole sembra addormentato in postazione di commento. Ancora L'All-American American che prova ad impostare la sua Ankle Lock ma Daniel reagisce con un calcio. Jack insiste connettendo con una sorta di German Suplex 1… 2… Niente da fare. Bryan va con una Hammerlock e poi lancia sulle corde l'avversario che prova a reagire con delle manovre in corsa ma Bryan evita e connette con un Dropkick 1… 2… Ancora niente. Siamo all'angolo. Swagger prova una manovra in corsa. Daniel evita camminando sui turnbackle ma poi viene sorpreso da un Running Knee. Bryan finisce fuori dal ring ma vi rientra salvo poi subire una serie di Elbow Drop. Tentativo di pinfall 1… 2… Daniel esce dal conteggio. Bodyscissors da parte di Swagger con Bryan che a fatica riesce a liberarsi. Il wrestler di SD! non molla la presa riuscendoci poi con una serie di gomitate. Bryan prova a velocizzare la contesa con un roll-up 1… 2… Jack esce dal pinfall. Ci prova anche quest'ultimo ma senza successo. Ancora un Bodyscissors da parte dell'ex campione del mondo. Daniel prova a raggiungere le corde ma è lontano.

Dopo un break pubblicitario troviamo ancora lo U.S. Champion che tenta di liberarsi dalla presa del giovane avversario mentre Cole continua a riposare. Swagger connette con una Front Powerslam 1… 2… Daniel esce dal conteggio. Jack porta vicino alle corde l'avversario colpendolo ripetutamente al volto dall'esterno del ring. L'All-American American rientra sul ring e prova una manovra in corsa ma Bryan abbassa le corde e lo spedisce fuori dal ring colpendolo poi con una Baseball Slide. L'ex NXT sale poi sul ring apron e connette con un Flying Knee all'esterno del quadrato. Ancora il campione degli Stati Uniti che sale sulla terza corda e connette perfettamente con un Missile Dropkick. Bryan è in netto vantaggio e lavora con una serie di calci all'addome. Swagger prova a bloccarlo nella Ankle Lock ma Bryan lo fa impattare con l'angolo. The American Dragon tenta il suo Dropkick in corsa all'angolo ma Swagger evita. Vader Bomb da parte dell'ex World Champion che ripete una seconda volta la manovra. Tentativo di Gutwrench Powerbomb di Swagger ma Daniel sfugge provando la sua LeBell Lock. Jack evita con un Backbreaker ma Bryan risponde con un Roundhouse Kick violentissimo 1… 2… 3! Vittoria per lo U.S. Champion in un ottimo match. Dal nulla, però, arriva Ted DiBiase. L'ex Legacy attacca Bryan, lo chiude nella Cobra Clutch e schianta l'avversario al tappeto con la Dream Street. Il figlio del Million Dollar Man va poi a prendere la cintura e la alza al cielo con Bryan ai suoi piedi. Maryse raggiunge il suo uomo ed i due festeggiano sulla rampa. Daniel Bryan pare abbia trovato un nuovo contendente al suo titolo U.S.

Card di Survivor Series. Ai match già annunciati segnaliamo un match ad eliminazione classico del ppv: il team di Rey Mysterio (Rey, Big Show, Kofi Kingston, Chris Masters & M.V.P.) affronterà il team Del Rio (con Alberto, Tyler Reks, Drew McIntyre, “Dashing” Cody Rhodes & Jack Swagger). Confermato anche il match tra Sheamus e John Morrison ed i due incontri per i titoli mondiali.

Justin Roberts chiede un ulteriore saluto per JR che si congeda colpendo Michael Cole con il suo cappello per la gioia del pubblico. Intanto Randy Orton e John Cena si avvicinano al ring. La loro partecipazione al Piper's Pit è la prossima in programma.

Torniamo live con Justin Roberts che introduce tutte le leggende che hanno partecipato alla serata di oggi e che si schierano a ridosso del Titantron per l'ultimo saluto al pubblico: “Superfly” Jimmy Snuka, “Cowboy” Bob Orton, I.R.S. Irwin R. Schyster, Tito Santana, Sgt. Slaughter, “Hacksaw” Jim Duggan, Brooklyn Brawler, Chavo Classic, “Mean” Gene Okerlund, Howard Finkel, Mae Young, Gerald Brisco, “Million Dollar Man” Ted DiBiase, Slick, Tatanka, Tony Atlas, Arn Anderson, Ron Simmons, Dusty Rhodes, George “The Animal” Steele, Jim Ross, The Iron Sheik e Nikolai Volkoff. È stato suggestivo rivedere tutta questa storia del wrestling. Ma ne manca un altro pezzo. Entra infatti in scena “Rowdy” Roddy Piper. Il Piper's Pit è il prossimo in programma e main event della serata. Lo scozzese saluta il pubblico che ricambia con cori di approvazione. Piper dice che Old School rappresenta un'epoca in cui bisognava essere uomini per stare sulla cresta dell'onda. Captain Lou ha ricevuto un premio e lui glielo ha rotto colpendolo al volto. Jimmy Snuka era un duro ma lui lo ha colpito in testa con una noce di cocco. Nella sua epoca quando c'era un problema si cercava di risolverlo in qualsiasi modo e spera di fare lo stesso per la questione che andrà a discutere con i suoi ospiti. Il primo è John Cena. Il bostoniano stringe la mano alla leggenda con quest'ultimo che dice di essere un suo grande fan ed aggiunge che lui ha lottato per trent'anni e non è mai stato campione WWE e questo gli rode parecchio. Ma come lui anche tanti altri non sono mai riusciti a conquistare il titolo. E se Cena farà quello che lui pensa che farà, regalando il titolo WWE a quel figlio di… Wade Barrett senza che questi abbia fatto nulla per meritarlo, sarà come se Cena sputasse in faccia a tutte queste leggende che non hanno avuto questa fortuna e che il bostoniano dice di rispettare. Lui non ama che gli si sputi in faccia. Finora lui si è sempre dimostrato un uomo di valore con sani principi: al diavolo le conseguenze, ora deve solo fare la cosa giusta. Cena risponde che da settimane ascolta che se a Survivor Series non farà il suo dovere sarà fuori dalla WWE e che non sa esattamente cosa sia la cosa giusta da fare. Da quando è arrivato in WWE ha lavorato sodo affinché gente come Piper lo ritenesse un degno erede. Lui da piccolo guardava molte delle Star presenti oggi che erano i suoi eroi. Lui ha pensato alle conseguenze del suo gesto e se lui facesse il suo dovere lui sarebbe libero. In realtà lui non vuole regalare il titolo a Wade Barrett. Cena dice che arbitrerà il match secondo le regole e se l'inglese lo vincerà lo farà perché se lo è meritato. Interviene proprio Wade Barrett che condivide il discorso di Cena dicendo però che sono solo belle parole e che la realtà è ben diversa. Nel momento in cui le sue braccia non saranno sollevate al cielo per lui sarà finita: niente Wrestlemania e niente Cenation. Piper interrompe Wade e dice che se lui costringe Cena a regalargli il titolo alla fine potrà anche avere il titolo tra le mani ma non potrà mai considerarsi un campione ma una barzelletta. Barrett è molto contrariato e ricorda che questa è l'ultima volta che si vede Cena come membro di The Nexus, addirittura potrebbe essere l'ultimo giorno di John Cena a Raw. Per questo motivo, lui sta per fare qualcosa che avrebbe dovuto fare già molto tempo fa. Wade consegna a cena la maglietta di The Nexus e lo obbliga ad indossarla, pena il licenziamento. Cena esegue l'ordine ma dice che Barrett sarà il suo capo fino a domenica ma dopo lui gli darà una lezione che non dimenticherà. Wade a sua volta risponde che dopo l'incontro The Nexus accorrerà in suo aiuto per evitare che Cena faccia quello che ha detto. Randy Orton fa finalmente il suo ingresso e dice che dalla settimana scorsa sta pensando ad un modo per colpirlo con un calcio e farlo fuori definitivamente. Il bostoniano osserva che stasera ne ha avuto la possibilità e Randy dice di aver trovato una soluzione alternativa. Orton attacca Wade Barrett e lo colpisce ripetutamente stendendolo con una Powerslam. Randy si prepara per la RKO ma Cena si frappone tra lui e l'inglese. Orton lo colpisce con la RKO! Barrett prova ad intervenire ma viene spedito fuori dal ring. Randy prova il Punt Kick ma John evita e connette con la Attitude Adjustment! Barrett è felice per quanto fatto dal suo collega e poi gli chiede di alzargli il braccio in segno di vittoria. Cena lo fa ma poi abbranca l'inglese e lo stende con la Attitude Adjustment! Incredibile! A sei giorni da Survivor Series John Cena si ribella a Wade Barrett e The Nexus. Il bostoniano si toglie la maglietta e la butta addosso a Barrett con disprezzo, allontanandosi dal ring.

Con lo sguardo determinato di John Cena si chiude questa puntata di Monday Night Raw. Quale sarà il nuovo scenario dello show del lunedì sera dopo Survivor Series? Lo scopriremo la prossima settimana.

Adriano Paduano
Appassionato di wrestling dagli inizi del 2000, negli ultimi anni ho vissuto a Londra dove ho coltivato la passione per il wrestling indipendente e la scena UK. Collaboro con Tuttowrestling da oltre dieci anni dove ho ricoperto il ruolo di Raw Reporter (occasionalmente anche ppv), redattore del WWE Planet ed attualmente scrivo il bi-settimanale Bet On Him con qualche comparsata nei vari podcast del sito.
14,815FansLike
2,611FollowersFollow

Ultime Notizie

Daga ha lasciato Impact Wrestling

Dopo sua moglie Tessa Blanchard, anche Daga ha deciso di lasciare Impact Wrestling, ottenendo il rilascio dalla compagnia.

La WWE potrebbe essere sotto investigazione per problemi relativi al COVID-19

Come parte di un'indagine più ampia sugli hotspot COVID-19, tre location utilizzate negli ultimi mesi dalla WWE sono attualmente sotto la lente d'ingrandimento.

Nuovo match annunciato dalla WWE per NXT

Terzo match annunciato dalla WWE per l'odierna puntata di NXT, che vedrà in azione i Legado del Fantasma in un six-man tag team match.

Sheamus: “Big E dovrebbe essere campione del mondo”

L'atleta irlandese ha elogiato in un'intervista Big E, atleta con il quale ha avuto la sua ultima faida a SmackDown prima di passare a Raw.

Articoli Correlati