WWE NXT Report 16-01-2013

Benvenuti ad una nuova puntata di WWE NXT! Lo show si apre con la vittoria del titolo NXT da parte di Big E Langston la settimana scorsa, mentre Tony Dawson ci da il benvenuto alla Fuil Sail University di Orlando, Florida.

Sakamoto è già nel ring e Adrian Neville (conosciuto nelle Indy come PAC) compie il suo ingresso per il suo debutto ad NXT. Suona il gong ed il match può partie con una Shoulder Block e un Summersault da parte di Neville, che poi connette anche una spettacolare Running Headscissor; Adrian sale sulla terza corda ma viene raggiunto dal suo avversario che lo riporta a terra e lo chiude in una Chinlock. Neville riesce a liberarsi e a colpirlo con delle gomitate, ma il suo tentativo di Irish Whip viene ribaltato e Adrian connette prima un Enziguri e poi una Corkscrew Shooting Star Press dalla terza corda per la vittoria finale.

Leo Kruger compie il suo ingresso mentre Kassius Ohno si riunisce al tavolto di commento insieme al suo “amico” William Regal. L'avversario di Kruger sarà Trent Barreta, in quello che sarà presumibilmente il suo ultimo match in WWE visto il licenziamento.

Suona il gong, ma proprio nell'esatto momento dell'inizio del match ci viene mostrato un video nel quale alcune settimane fa Kruger attaccava le costole di Barreta infortunandolo; alla fine della clip torniamo sul quadrato dove i due lottatori sono ancora in fase di studio. Barreta parte subito all'attacco con un Northern Light Suplex , prima di chiudere Kruger in una Side Headlock; Leo riesce a liberarsi e proprio come mostrato nel video, attacca continuamente le costole di Barreta. Dopo un attacco del sudafricano alle corde, che ha steso Trent, ed un solo conto di due, andiamo in pubblicità; al ritorno nell'arena Kruger è all'angolo che connette un Gutbuster su Barreta, e poi applica una Liontamer modificata; Barreta riesce a trasformarla in uno Small Package che non gli vale però la vittoria, mentre Ohno e Regal continuano a litigare al commento. Kruger prova poi uno Splash all'angolo ma Barreta riesce a colpirlo con un calcio al petto, e connette una gomitata dalla seconda corda, ed è pronto ad usare la Dudebuster DDT ma Leo si tiene alle corde, e dopo aver fatto sbagliare la mossa al suo avversario, applica nuovamente la Liontamer. Trent si aggrappa alle corde, e rialzandosi connette un Enziguri, e lancia poi Leo fuori ring; Barreta riporta allora il suo avversario sul quadrato, ma l'arbitro non si accorge che Ohno colpisce Trent con la O.B.E, e Kruger così lo schiena per la vittoria. Regal lascia il tavolo di commento e si porta via Barreta per non permettere a Ohno e Kruger di malmenarlo, mentre a bordo ring due arbitri e Byron Saxton discutono, e alla fine viene annunciato che la decisione del match è stata ribaltata in quanto Trent Barret ha vinto per squalifica, mentre Ohno è infuriato con William Regal.

Il nuovo NXT Champion Big E Langston compie il suo ingresso nell'arena, per poi salire sul ring ed annunciare a tutti una nuova era ad NXT: l'era del Five! Mentre il pubblico è in visibilio per il campione, appare Camacho sullo stage dicendo che Big E ora non è il suo obbiettivo solo per i soldi, ma anche per ciò che porta alla vita, dicendo di meritarsi una title shot all'istante. Big E non si fa aspettare e dunque avremo un improvviso match valevole per la cintura.

Suona la campana, ed il massacro ha inizio. Camacho prova inizialmente a portare Big E all'angolo, ma questo alimenta la sua rabbia, e dopo una serie di Clothesline e ginocchiate, connette la devastante Big Ending che gli vale la vittoria in pochissimi secondi. Il pubblico intona “One More Time” e Big E li accontenta sfoderando non una ma ben due Big Ending e conseguenti Five Counts.

Siamo dunque al Main Event dove Damien Sandow ed il campione degli Stati Uniti Antonio Cesaro affronteranno Tyson Kidd e Justin Gabriel. Il primo ad effettuare il suo ingresso è Sandow che come al solito, microfono alla mano, insulta il pubblico presente alla NXT Arena concludendo con “You're Welcome”. Antonio Cesaro si aggiunge a lui sul quadrato, mentre Jim Ross si introduce al tavolo di commento insieme a William Regal. Il duo di Kidd e Gabriel è l'ultimo ad entrare ed il match può partire.

Kidd e Sandow sono sul quadrato, ma Tyson da velocemente il cambio a Gabriel dopo essersi liberato del suo avversario, anch'esso in procinto di dare il cambio a Cesaro. Lo svizzero è in controllo delle operazioni, colpendo ripetutamente Gabriel con delle gomitate, ma Justin è abile a connettere una Hurracarrana che lancia Cesaro all'angolo, per poi scaraventarlo fuori dal ring con un calcio. Tyson connette un Running Kick dall'apron che ci manda in pubblicità. Torniamo sul quadrato dove Kidd tiene Sandow per permettere a Gabriel di colpirlo con un Slingshot Sunset Flip, ma Sandow reagisce e lo porta al suo angolo. Cesaro rientra, ma dopo pochi attimi Justin ribalta un tentativo di Hip Toss, atterrando sui piedi, e connette un Backslide per un conto di uno. Lo US Champion ritrova però il controllo grazie ad una distrazione di Sandow dall'apron; Entra Damien che riesce a connettere un Russian Leg Sweep e poi l'Elbow of Disdain, prima di cambiarsi ancora con Cesaro che colpisce il suo avversario con un Double Stomp. Antonio stende Kidd sull'apron e riesce a connettere un Gutwrench Suplex su Gabriel, ma Tyson rompe lo schienamento; Justin connette un Jawbreaker che permette a lui ed al suo avversario di dare il cambio ai rispettivi partner. Kidd colpisce con un calcio Sandow, prima di uno Springboard Missile Dropkick ed un Running Dropkick; Tyson prova la Dungeon Lock ma interviene Cesaro, che viene però spedito fuori dal quadrato, e Kidd riesce a connettere un Enziguri e dare il cambio a Gabriel, prima di lanciarsi su Cesaro fuori dal quadrato. Justin dopo la STO, da nuovamente il cambio a Kidd , non prima di connettere uno Springboard Moonsault e permettere al suo compagno di colpire Sanndow con uno Springboard Elbow Drop che vale il conto di tre.

15,040FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati