WWE Planet #750

Cari lettori di Tuttowrestling benvenuti! Questo è il WWE Planet, io sono Gioacchino Cimino e vi accompagnerò nella consueta edizione settimanale dell'editoriale di casa TW. La settimana in WWE ci ha avvicinato, da un lato, a Clash of Champions, pay per view che vede protagonisti gli atleti di Smackdown e dell'altra parte, per quel che riguarda Raw, si sta costruendo la strada verso il 2018, verso la Royal Rumble e quello che accadrà dopo. Per me è un piacere accompagnarvi!

Clash of Champions si svolgerà il prossimo 17 dicembre e stiamo andando a grandi passi verso uno show che potrebbe essere un importante crocevia per Smackdown. Da un lato i match titolati già annunciati, dei quali parleremo in dettaglio, ma soprattutto l'apertissima questione General Manager. In questa edizione vorrei partire proprio dallo show blu e nello specifico dalla questione Daniel Bryan / Shane O'Mac.

Smackdown: Scontri tra campioni e… fra General Manager
Dicevamo di un Daniel Bryan sempre meno disposto a sottomettersi al volere ed alle idee di Shane MaMahon, forte anche della sconfitta che il roster blu ha avuto complessivamente alle Survivor Series.
Sapete bene delle notizie che circolano su Bryan che cerca in tutti i modi di ritornare sul ring: bene, sarei felice quanto voi di rivederlo lottare nel quadrato. Ciò che è stato capace di fare qualche anno fa ribaltando completamente gli scenari per Wrestlemania è stato grandioso, motivo per cui può assolutamente dire la sua. La sua storia va un po' di pari passo con quella della Rated R superstar, Edge, il quale ha lasciato anch'egli il ring, in lacrime. Ora il paragone forse non regge, però quello che penso è che sia una situazione particolarmente delicata e mi auguro che un suo rientro sul ring non gli porti dei rischi: questo è forse anche il motivo per il quale la WWE ci sta andando molto cauta; d'altro canto, si sta aprendo la strada verso un suo eventuale feud con Shane per Wrestlemania, o più in là, ma la mia idea è questa: bello, bellissimo rivedere Daniel Bryan, ma occhio ai rischi!

Sempre a Smackdown, abbiamo una serie di match titolati già annunciati per il prossimo ppv. Da dove partiamo? Titolo mondiale, da cos'altro? Piccola spaccatura tra Jinder Mahal e i Singh Brothers… L'ex campione, dopo il match ad handicap che i due hanno avuto con AJ li ha colpiti, in preda alla rabbia per quella sconfitta. Questo a mio parere può avere un senso, che è quello della chiusura della loro storia insieme o per lo meno l'inizio della fine; Jinder ha puntato molto sui due compagni per tenersi il titolo ed ora che AJ Styles è al top credo che per lui non ci siano più chances di riprendersi quella cintura. Ha bisogno di reinventarsi, non tanto come personaggio perché quello in qualche maniera è ben delineato, quanto in termini di posto nello show. Non voglio andare troppo avanti, rimane ancora il primo sfidante al titolo ed anche se vi anticipo che il mio pronostico è al 99% per il campione, il match va comunque lottato. L'assist della piccola rissa avuto con i Singh è però un segno del fatto che si vada verso un nuovo orizzonte per lui.

Annunciati anche due triple treath match: uno per il titolo degli Stati Uniti e l'altro per quello di coppia. Vi dico subito che sul primo non sono granchè entusiasta ed i motivi sono semplici: abbiamo un campione che non ha avversari, ma non perché sia di caratura estrema, ma semplicemente perché non ci sono molte idee al momento; abbiamo un match che non serve ad altro se non a testare l'attenzione dei fan su Roode; abbiamo un Dolph Ziggler di nuovo in un match per un titolo, oggettivamente senza alcuna chance di prenderselo. Andando a sviscerare la cosa, avrei visto meglio, a questo punto, the Glorious direttamente one on one con Baron Corbin, così da vedere di che pasta è fatto. Mi ha deluso la sua presenza alle Survivor Series, cosi come mi hanno deluso praticamente tutti a Smackdown, ma staremo a vedere.
L'altro match a tre è quello per i titoli di coppia. Trovo molto interessante, invece, in questo caso, l'idea di mettere gli Usos, leader incontrastati della categoria nello show blu, n una situazione di relativo imbarazzo, perché si sa, i match a tre sono imprevedibili e senza ciò nonavremmo potuto avere un match dall'esito non scontato. Così invece (plauso ai booker) vedremo un match sicuramente spettacolare, con sei wrestler in azione, una certa dinamicità anche negli eventi settimanali perché avremo modo di assistere a diverse sfide nelle sfide, come del resto già successo questa settimana e quindi un match dall'esito non scontato con una bella preparazione.

L'ultimo passaggio lo potrei fare sul solito Kevin Owens, che ha battuto Randy Orton in quel di Smackdown. Non voglio però ripetermi, così come non voglio farlo al riguardo di un Randy Orton che ha necessariamente bisogno di trovare uno spunto, perché altrimenti rischia di avere un inizio anno molto piatto. Perché no, rilanciarlo nel giro del titolo degli stati uniti non sarebbe una cattiva idea, visto che nel giro delle coppie difficilmente può sentirsi a suo agio, non essendosi mai distinto nella sua carriera come uomo capace di creare un team vincente. Kevin Owens continua a rimanere il mio uomo per la Royal Rumble e nel frattempo ha creato la spaccatura fra i GM, insieme ovviamente all'ottimo Samy Zayn.

Raw: che succede?
Puntata direi abbastanza divertente quella di Raw di questa settimana, ma posso dire che ci ho capito poco? Il tutto è un po' contorto, anzi oserei dire confuso.. Vedo una serie di intrecci cui fatico a stare dietro.. Vi dico subito quali. Abbiamo lo Shield, però i tre lottano per obiettivi diversi: Seth Rollins a precisa domanda ha affermato che i tre insieme sono un valore aggiunto, però è anche vero che questo lunedì ci è sembrato che non fossero li a spalleggiarsi. Poi c'è la questione Triple H, Kurt Angle, Jason Jordan: qui sicuramente non possiamo aspettarci una presenza costante settimanale di Hunter, per cui non credo ci possa essere comunque sviluppo lineare, però Jason, complice anche l'infortunio (vero o presunto), non sta esibendo un carisma degno dell'importanza dei campioni con cui si sta misurando. Capitolo a parte per il campione, che non abbiamo visto questa settimana, dunque non abbiamo Brock Lesnar fra i punti di cui voglio scrivere. Altro? Beh, la gestione Strowman lo proietta come mostro assoluto, ma di certo averlo contro Kane non può che essere una semplice transizione. Parliamone.

Braun Strowman sta vivendo un periodo in cui continua ad essere il mostro assoluto, l'uomo da battere, quello vincente, ma viene comunque dalla sconfitta senza attenuanti con Brock Lesnar, che in qualche modo lo ha mostrato come incompiuto. Non voglio legarmi al dito questa cosa, però la sconfitta è stata così netta, tale de ritenere quel match poco credibile. Però Braun è rimasto quello di sempre, il distruttore, il devastante, l'uomo invincibile e sembra realmente maturo per uno stint da campione. Forse i piani sono altri e questo ancora non è stato confermato, ma bisogna trovare una strada a Braun Strowman, o sarà solo dominatore della Rumble ma senza ottenere nulla di concreto? Le risposte dovrei darle io, è vero, io gli darei il titolo, lo testerei e poi si vedrà..ma ciò non accadrà.
Un altro atleta che sembrava davvero lanciato, salvo poi aver dato un clamoroso tiro al freno a mano sembra essere Finn Balor. Per lui rimane il grande affetto dei fan e la clamorosa voglia che ha di spaccare il mondo, però anche qui vedo un po' di indecisione nei piani. Non voglio essere pessimista, veniamo da un Survivor Series in cui l'ha fatta da padrone la faida Raw vs Smackdown e andiamo verso Royal Rumble, che rappresenta trampolino o comunque punto di partenza per Wrestlemania, ma ad oggi, anche perché non lo vedo possibile avversario di Roman Reigns per il titolo IC, dato lo status di face di entrambi, Finn Balor mi sembra galleggiare.

La scena femminile ha visto invece un'assoluta rivoluzione al suo interno. L'arrivo di Rosa, Deville ed il ritorno di Paige hanno scosso in maniera clamorosa la divisione femminile! Le tre stanno provando ad avere un percorso molto simile a quello dello Shield e sicuramente l'ex campionessa presto o tardi si riprenderà quella cintura. Intanto, settimana prossima torna sul ring uno contro uno con Sasha Banks. Sarà un bel modo per vederla all'opera, anche se già so che sarà un massacro, con le due compagne della neonata stable Absolution pronte ad aiutarla. Ad ogni modo, i bersagli reali sono due: da un lato Alexa Bliss, donna che ha ovviamente il mirino puntato per via della cintura che porta sulla sua spalla, ma forse ancora prima c'è Asuka, l'imbattuta lottatrice, che nell'ultima edizione di Raw sembrava sul punto di essere attaccata. Ed allora lo scenario che mi piacerebbe avere è una Paige che va prima per il titolo, parallelamente si costruisce un feud con Asuka, per poi mettere le due contro per la corona. Questo perché sono sicuramente al momento quello con il maggiore hype fra i fans, anche se, personalmente, continuo a parlare benissimo di Alexa Bliss, ritenendola al momento la numero uno, al pari di Charlotte.

Veniamo quindi alla sfida aperta lanciata da Roman Reigns e subito raccolta da qualcuno che risulta essere un degno rivale! Quel Samoa Joe che Roman non è riuscito mai a battere da quando i due sono a Raw. L'attuale campione Intercontinentale è stato vittima di un brutale attacco, che mi fa ben sperare per un feud di rara crudeltà, cosa in cui Roman, c'è da ammetterlo, è maestro. Fra l'altro ha anche ricevuto una buona dose di cori a proprio favore in questa edizione di Raw, il che sicuramente farà piacere alla WWE, ma per quel che mi riguarda continuo a vedere molto più adatto un suo turn heel a stretto giro di posta. Samoa Joe potrebbe rappresentare per lui l'ultimo baluardo verso il titolo mondiale, l'ultimo avversario da battere prima di andare faccia a faccia contro Brock Lesnar. Da un punto di vista della storyline ciò non fa una piega, perché Samoa Joe ancora non è stato schienato da Roman, mentre Brock lo ha fatto quasi agevolmente. Da un altro lato però la cattiveria che Samoa Joe mette in campo potrebbe secondo me non essere adatta a lanciare ulteriormente Roman, perché se è vero che la parola fine sul feud la mettera una Spear o un Superman Punch, m che Samoa Joe venderà cara la pelle e dominerà anche in alcune settimane, molti fan potrebbero continuare a vederlo come “invincibile senza meriti”. Io spero questo non accada, perché il fatto di avere una sfida di così alto livello per una corona secondaria rispetto al titolo mondiale è motivo di grande orgoglio e divertimento.

Signori, per oggi siamo giunti alla conclusione. Per me è stato un piacere e un onore come sempre stare con voi. L'ultima parola la vorrei spendere facendo un in bocca al lupo a The Miz, che si rilancia sul palcoscenico cinematografico, ma che ahimè starà lontano dalle scene per un po' e questo mi dispiace molto: sapete che è nella lista dei miei preferiti. Con voi cari amici ci rivediamo nelle prossime settimane, sulle pagine di Tuttowrestling.com, sempre sul WWE Planet. Buona settimana di wrestling, dal vostro Gioacchino Cimino!!

14,935FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati