TW Risponde #723

Amiche ed amici di TuttoWrestling, bentornati ad una nuova edizione del TWR! Siamo ancora in emergenza Covid-19 e mi auguro che stiate tutti bene… e che passare qualche minuto in compagnia di questa rubrica vi faccia dimenticare almeno per un po’ i difficili momenti che stiamo scrivendo. Mando un saluto particolare a chi ci legge da Lombardia e Piemonte (resistete!) e do subito inizio alla nostra consueta sessione di domande e risposte.

Ciao Michele! Sono Simone da Milano. Innanzitutto, grazie per la tua rubrica, a mio parere è la migliore del sito, nonostante anche le altre siano più che valide e competenti.
Volevo porti le mie domande:
1) come se fosse un gioco, considerando ovviamente che nessun uomo è uguale all'altro è c'è caso e caso, ma indicativamente secondo te, in percentuale quanto per un wrestler professionista affermato, nella motivazione a lottare in una determinata federazione contano: a) soldi, b) passione, c) “risultati sportivi” (vittorie di titoli, mani event, feud importanti), d) prestigio?
2) In questo periodo molto complicato nella presentazione degli show causa pandemia, secondo te la WWE non dovrebbe modificare sensibilmente il suo modo di proporre gli show trasformandosi momentaneamente e modo di esperimento più un una fiction che in veri e propri show di wrestling? Nel senso che io trovo alcune situazioni completamente fuori dal contesto senza un pubblico incitante intorno (promo in mezzo al ring, match improvvisati la cui spettacolarità viene persa nel silenzio e tramutano quasi in semplici allenamenti, commentatori che fanno la telecronaca appunto a simil allenamenti o promo davanti a zero persone, ecc..).
Secondo me, dovrebbero dare più spazio alla recitazione fuori dal ring (non 2 battute messe in croce) e concludere il tutto con un match che chiude l'evento recitato.
3) Il mio idolo da bambino è sempre stato Big Boss Man. Che giudizio avevi al tempo come wrestler?
Grazie anche solo per aver letto l'email e scusa per la lunghezza delle prime due domande.
Buona giornata!

1.I soldi sono sempre la prima cosa, ma non fai il wrestler se non hai passione. I risultati sportivi sono secondari: The Rock e Triple H hanno perso un mare di incontri nella loro carriera e guarda cosa sono diventati. Il prestigio è pure importante, ma tra soldi e prestigio sono sicuro che tutti sceglierebbero i soldi.
2.Io credo che il Boneyard ed il Firefly Fun House possano fare da apripista, per il futuro, a quello che hai scritto tu. Tuttavia, un ostacolo difficilmente sormontabile sono i costi di produzione: girare una fiction in varie location costa di più che riprendere due persone su un ring. In ogni caso credo che la WWE debba trovare una soluzione, perché così gli show sono orribili. Ritengo che la possibilità di mostrare una cornice di fan che commentano o mandano messaggi da casa non sia da scartare a priori.
3.Big Boss Man piaceva anche a me anche se era un wrestler appena sufficiente. Aveva presenza scenica ed una ottima gimmick. In WCW fallì proprio perché la gimmick che lì gli avevano assegnato non era un granchè e lui non era sufficientemente carismatico per sfondare comunque. Mi piacque molto anche la gimmick da bodyguard che ebbe in WWE alla fine degli anni Novanta. In ogni caso resta uno dei preferiti della mia infanzia: il suo match contro The Mountie a SummerSlam 1991 avrà sempre un posticino nel mio cuore.

Ciao Myth Sono Piter da Montale provincia di Pistoia e seguo il mondo WWE da anni.
Per quanto riguarda le domande:
1)Cosa puo fare la WWE per rendere i propri show interessanti a livello televisivo dopo Wrestlemania senza molte delle stelle e senza pubblico? A me annoia lo show da quando il pubblico non è presente manca di quella cosa in più che rende questi show favole.
2) Dai rumors sembra che dopo Wrestlemania Bryan e Reigns si prenderanno una pausa per via delle loro condizioni di salute, chi prenderà secondo te le redini delle show blu? Un ritorno di Cm Punk contro Wyatt sarebbe possibile?
3)Sempre una domanda per lo show blu pensi che la Banks possa rivitalizzare la divisione femminile con un feud contro la Bayley?
4)Quando Torna Ronda Rousey a togliere un po di monotonia nello show rosso?
Ti ringrazio e Buona settimana
Piter

1.Il problema della mancanza di pubblico c’è. Rende meno interessante il prodotto e si è visto che i ratings non reggono. La WWE, come dicevo sopra, deve trovare il prima possibile una soluzione.
2.CM Punk non tornerà un WWE ed il motivo lo avrebbe spiegato di recente Vince McMahon nel corso di un meeting: la Straight Edge Superstar è considerata (ed io ritengo a ragione) inaffidabile. La WWE per ora si affida all’usato sicuro, dunque vedremo Drew McIntyre contro Seth Rollins (perdente a Wrestlemania) e Braun Strowman contro Bray Wyatt. E’ evidente che i quattro mancano di star power e ritengo che la WWE avrebbe dovuto puntare subito su Kevin Owens il ruolo di maggior prestigio in questa fase. Altro problema è che è arrivato il momento di vedere qualche faccia nuova. A quando il debutto della Undisputed Era a Raw? Quando il lancio di Velveteen Dream? Mistero.
3.Senza dubbio sì. Ormai il feud tra Sasha Banks e Bayley è “two years in the making” e sarebbe il momento che le due venissero allo scontro. Bayley sta facendo benissimo da heel e credo che sia la Banks a dover passare face.
4.La Rousey pare non abbia intenzione di tornare ed anzi sta spargendo un po’ di veleno sulla WWE. Il return match contro Becky Lynch sarebbe pure il momento di vederlo, per poi avere un feud tra la Rousey e la Baszler. A me interesserebbero più questi due feud che molte delle schifezze che si stanno propinando in queste settimane.

Ciao sono Emanuele dalla Sardegna, ti rinnovo i miei complimenti per la rubrica.
1) Esiste un motivo valido per il quale CM Punk non abbia mai usato una delle sue vecchie finisher la “pepsi plunge” in WWE?
2) Parere personale, tralasciando il fatto che ormai sembra di indossare un portachiavi per il valore che gli viene dato, la nuova cintura intercontinentale esteticamente non è pessima? Personalmente preferivo la versione precedente e quella del 2004.
3) Keith Lee sarà un futuro world Champion?
4) Parlando un secondo di Lucha Underground, ma un Matanza Cueto in WWE? Lo vedresti male?
5) Secondo te quali sono i 5 wrestler in giro per le compagnie, ROH, TNA, AEW, NJPW ecc. Che non sono mai stati in WWE e meriterebbero un contratto? Io miei sono Omega, Okada, Cage, Pentagon Jr. e Jay Lethal.
Grazie per l'attenzione, alla prossima.

1. Credo che la Pepsi Plunge rappresentasse il CM Punk delle indies e che lui stesso abbia voluto darsi una immagine “nuova” utilizzando una nuova finisher, la GTS. Tutto qui. Uguale motivo per cui Daniel Bryan in WWE non ha mai usato la cattle mutilation.
2.Condivido: l’attuale cintura di campione intercontinentale è veramente bruttissima. Io resterò sempre legato alla versione di Ultimate Warrior del 1990.
3.Keith Lee deve essere costruito bene per diventare un main eventer. Al momento è nel limbo dopo l’ottima prova di Survivor Series 2019. Il perché, come sempre, non è dato saperlo.
4.Firmerei per vedere Jeff Cobb in WWE, ma credo che non sia più il caso. Matanza Cueto era un personaggio straordinario e mi piacerebbe moltissimo vederlo scontrarsi, ad esempio, con The Fiend, ma credo che questo resterà solo fantawrestling. Cobb fatica anche a trovare una sua dimensione in AEW, figurarsi in WWE.
4.Condivido pienamente i tuoi cinque nomi, anche se ci starebbero bene anche Will Ospreay e Zack Sabre, jr. In quesl caso, dalla tua lista tirerei fuori a malincuore, Jay Lethal e Kazuchika Okada (che in WWE farebbe la fine di un Hideo Itami qualsiasi). In realtà, io solo un wrestler vorrei senza dubbio vedere in WWE. Il grandissimo ORANGE CASSIDY, il mio nuovo beniamino.


Veniamo adesso al WrestleQuiz. Vi avevo chiesto quale lottatore avesse passato un periodo della sua vita in un campo profughi in provincia di Napoli alla fine della Seconda Guerra Mondiale e sono arrivate alcune risposte corrette. Eccole:

Ciao Michele, ci riprovo: The Great Antonio
incrocio le dita… Oscar
Ciao Myth, sono Fabio Giannese “Hellraiser Fabjusz” da Taranto, e butto una riposta al tuo quesito, dove chiedi quale wrestler del passato sia stato, per un periodo della sua vita, in un campo rifugiati vicino Napoli durante la II guerra mondiale.
Provo menzionando “The Great Antonio”, vero nome Antonio Barichievich. E aggiungo: il campo profughi vicino Napoli era precisamente a Bagnoli
…spero di aver indovinato…

Ciao Myth! Sono Mattia da Chiavenna Landi di Cortemaggiore (PC), provo a rispondere.
Potrebbe essere Antonio Barichievich, noto come “The Great Antonio” ad essere stato in un campo rifugiati vicino Napoli.

Era proprio lui, The Great Antonio, leggenda del wrestling canadese, passato alla storia anche per un tentato shoot in Giappone, andato malissimo, contro Antonio Inoki. Bravi quelli che hanno indovinato. Ovviamente Google ha dato una mano e questo è il motivo per cui è sempre più complicato trovare domande difficili da presentare in questa rubrica. Ci proviamo anche questa settimana, anche se questa è abbastanza facile: quali due wrestler della WCW hanno fatto parte, nella stessa squadra e nello stesso anno, di un team professionistico di football?


Ed anche per oggi è tutto. Appuntamento alla prossima edizione!

Michele M. Ippolito

I am the Myth… deal with it!

[RIQUADRO2]

14,520FansLike
2,606FollowersFollow

Ultime Notizie

Anche Dominik Dijakovic è vicino al passaggio nel main roster?

Il vociferato imminente passaggio a Smackdown di Matt Riddle potrebbe non essere l'unico approdo da NXT ad uno dei due bran del...

Anche Nigel McGuinness è in aspettativa forzata

Nigel McGuinness risulta tra i dipendenti della WWE messi in aspettativa forzata a causa dell'emergenza Covid. A confermarlo...

La WWE sta pensando a Samoa Joe come commentatore a tempo pieno?

Come sappiamo, da diverso tempo Samoa Joe sta lavorando al tavolo di commento, in attesa di poter ricevere il via libera per...

Undertaker rivela il suo rapporto non idilliaco con Hulk Hogan

In una recente conversazione con ESPN; Undertaker ha ricordato un momento particolarmente importante della sua carriera, quello della conquista del suo primo...

Articoli Correlati