TW Risponde #567

Amiche ed amici di TuttoWrestling, bentornati al TWR! Anche questa settimana ci avete inviato tantissime e-mail con le domande più disparate. Anche stavolta, ho dovuto sceglierne solo alcune, ma se i vostri scritti non sono stati pubblicati, non demordete e continuate a scrivere!

Cominciamo subito con la nostra sessione di Q&A.


Ciao Michele, complimenti per la rubrica che seguo sempre con molto interesse, sono Alessandro e ti scrivo da Taranto; In passato provai già a scriverti ma senza trovare la fortuna della pubblicazione ma oggi ci riprovo quindi direi di partire con le domande:
1)Sto seguendo sempre più frequentemente le indies come la ROH, la Czw e le altre e noto che ci sono wrestler davvero molto interessanti e due su tutti Jay Briscoe e AJ Styles fresco di abbandono della Tna per quanto riguarda i singoli e Frankie Kazarian e Cristopher Daniels per i tag team perché la WWE non usa la testa e decide di contattare questi performer e offrirgli un contratto? E se non la WWE secondo te ci potrebbero essere possibilità di vedere questi wrestler nella nuova compagnia di Jeff Jarrett?
2) Capitolo Punk: prima che se ne andasse non ero uno di quelli che tifavano incondizionatamente per lui però appena ha lasciato la compagnia si è sentito che mancava qualcosa che la WWE ha voluto provare a sopperire con qualche colpo di scena (vedi Taker, vedi split dello Shield) anche se negli show si grida sempre il suo nome la compagnia non fa assolutamente nulla per richiamarlo e questo è un male, ma si sa che in WWE i dirigenti non ascoltano lo Universe. Volevo sapere la tua opinione a mesi di distanza dalla vicenda e con i nuovi rumor che si sono sentiti.
3)sempre su Punk: credi che parteciperà a ROH Best in the World o no?
4)Pensi che sia uno scenario più che concreto vedere un Brock Lesnar campione assoluto nei prossimi mesi? E quanto tempo credi che possa detenere il titolo?
5) Quando pensi e come pensi che si divideranno le cinture WWE champion e WHC?
6) Perché ad oggi la WWE non crea una stable di 6/7 persone che vogliono dominare la scena stile Nexus 2010?
Grazie per il tempo concessomi e scusami se mi sono dilungato.

1.Che in Ring of Honor e nelle indies ci siano grandi talenti, è un fatto. Che molti di questi potrebbero presto approdare alla Gfw di Jeff Jarrett è un altro fatto: lo stesso Styles ha detto di essere molto interessato a tornare a lavorare con il suo vecchio amico. Perché la WWE non offra un contratto a molti di questi nomi è un mistero. Certo, alcuni non sono sfuggiti al radar della compagnia di Stamford, come Kevin Steen o Prince Devitt, ma l'impressione è che la WWE non sia interessata a talenti che siano già diventati sufficientemente famosi nel mondo grazie alla TNA. Questo per due motivi: non dare importanza ad una compagnia rivale; dimostrare a tutti che la WWE è perfettamente in grado di formarsi le superstars direttamente in casa, nel Performance Center.
2.Semplicemente, CM Punk va considerato come un wrestler ritirato. La WWE ha provato in passato a fargli cambiare idea, ma lui non vuole saperne ed è assolutamente inutile insistere. Sono convinto che, se Punk uscirà dal ritiro, tornerà nella WWE e lo farà alle sue condizioni. Il lottatore sa benissimo che solo la WWE può assicurargli soldi, prestigio, visibilità mondiale. Per ora, però, si sente “esausto” e non ha alcuna intenzione di tornare sul quadrato.
3.Qualche mese fa si era detto che Punk avrebbe potuto diventare uno dei nuovi comproprietari della Ring of Honor, investendo nella compagnia. Escludo categoricamente, però, che possa lottare in futuro in show della ROH.
4.Sì, credo che la WWE proverà la carta di dare il titolo mondiale a Brock Lesnar, per creare qualcosa di nuovo nelle proprie storyline. Non saprei dirti quanto, ma credo entro Wrestlemania 31. Magari Brock potrebbe essere proprio nel main event e cedere il titolo contro uno dei face della compagnia, magari John Cena o un Cesaro passato finalmente dalla parte dei buoni. Di certo, Lesnar dovrebbe raggiungere un accordo integrativo con la WWE che preveda la sua presenza continuativa a Raw e nei pay-per-view per qualche mese e sono sicuro che richiederà una cifra molto alta per questo.
5.Per ora una nuova divisione dei due titoli mondiali della WWE non è all'ordine del giorno.
6.Proprio perché il Nexus si è sciolto da relativamente poco tempo e ricreare una stable su quella falsariga sarebbe solo uno scimmiottamento. Il pubblico lo capirebbe e di certo l'esperimento no si tradurrebbe in un successo. In futuro, comunque, una stable composta da alcuni membri dell'attuale roster di NXT non mi dispiacerebbe affatto.

Ciao Michele, sono Giuseppe da Cagliari, seguo il wrestling ormai da anni, amo il vostro sito e ti ringrazio per avermi pubblicato nel numero 557. Domande:
1) Parliamo di Batista. Molti considerano il suo ritorno fallimentare. Ma non credi che soprattutto Batista e l'odio nei suoi confronti abbiano reso Daniel Bryan e la sua corsa al titolo ancora più tifato? L'ipotesi di Batista vs Orton a WM, la vittoria della Rumble, le continue voci che trapelavano che dicevano che avrebbe vinto il titolo e avrebbe avuto un lungo regno. Tutto ciò ha fatto infuriare gli “smart” e Bryan ci ha solo guadagnato in consensi. Io addirittura nella road to WM considero Batista più nemesi di Bryan rispetto a HHH. La WWE ha fatto dunque un buon lavoro nell'utilizzarlo in questa maniera, considerando soprattutto che i piani per lui sono stati cambiati “in corsa”. Sei d'accordo con questo ragionamento?
2) Il WWE style. Devo ancora capire in cosa consiste. Lo insegnano al Performance Center, così dicono. Io seguo le indies, e ho visto il cambiamento di molti ragazzi una volta arrivati nel main roster. Da quel che vedo, il WWE style consiste nel privare il wrestler della sua (spesso) accattivante gimmick e ring name e dargli un nome e una gimmick (spesso) totalmente anonimi (El Generico è un buon esempio). Consiste anche nel privare il wrestler delle sue mosse più pericolose, è vero, ma anche più spettacolari (la Brainbustah o il 450 di Generico, Ricola Bomb di Cesaro, God's Last Gift di Rollins). La domanda è: in cosa consiste seriamente il WWE style?
3) A me viene da ridere quando sento “trainer” delle divas in WWE. Finora è saltato fuori che una diva, in WWE, sa lottare o perchè già ne era capace nelle indies, o perchè ha un marito o un fidanzato che è un asso del ring e ha dato alla moglie/ragazza delle lezioni private. Guardando la maggior parte delle divas, diresti che ci sono veramente dei trainer per loro se già non lo sapessi? OK sanno le basi, sanno come fare un match senza rompersi il collo ad ogni mossa, ma si potrebbe fare di più dell'abc perdio.
4) La WWE è soft, punto e basta. Soprattutto i match. E' vero, ad Extreme Rules qualcosina si è visto (giusto Rollins e i suoi voli), ma comunque in generale il prodotto è soft. Niente sangue, niente mosse veramente pericolose, piledriver ogni morte di papa. Io amo quasi solo il wrestling hardcore. Per te questa politica della WWE è per preservare la salute dei wrestler o per il marchio PG? E se fosse per la salute, non sarebbe ora di considerare l'idea di ritirarsi a un'età più giovane e considerare solo i lottatori “tosti tosti”, in modo da avere carriere più corte ma più “al massimo”? Ovviamente parlo in ottica WWE, poi se un wrestler vuole continuare da altre parti è liberissimo di farlo.
5)I vari wrestler dell'attitude era sono leggende. DX, Rock, Austin, Mankind eccetera. I loro promo erano zeppi di parolacce, riferimenti sessuali e anche le storyline erano spesso “spinte”. I loro fisici erano (quasi tutti) carichi di muscoli grazie ai farmaci. Le loro lacune sul ring (chi più chi meno) erano spesso colmate da stipulazioni speciali, bump insani e blade job che rendevano i match più spettacolari. Tutte queste cose che ho elencato oggi non sarebbero possibili in WWE. Avrebbero dunque quelle leggende che ho elencato, avuto vita così facile al giorno d'oggi? E i performers di oggi non meritano più rispetto per quello che riescono a fare con tutte queste limitazioni?
Non ho altre domande, ti ringrazio in anticipo per la risposta e continua il buon lavoro con la rubrica. CIAO.

1.Il ritorno di Batista nella WWE è stato un fallimento sotto ogni punto di vista. Se Batista avesse lavorato bene, magari il WWE Universe avrebbe mostrato meno odio nei suoi confronti e forse The Animal sarebbe riuscito a distogliere l'attenzione del pubblico da Bryan se non fosse rientrato completamente fuori forma e con un atteggiamento arrogante. La WWE poteva fare poco con Batista, visto che Batista stesso non si è mostrato all'altezza della fiducia che la compagnia ha risposto in lui.
2.Il WWE Style è lo stile che permette ad un wrestler di avere una carriera lunga e con meno infortuni possibile, utilizzando mosse semplici e poco rischiose per la salute. Semplice semplice.
3.La trainer delle lottatrici di NXT, che rappresentano il futuro della divisione femminile, è Sara Del Rey, che sul ring ci sa veramente fare. Non è detto che una Diva che non ha mai messo piede sul ring poi non possa diventare brava. Trish Stratus era una modella ed è diventata la più grande wrestler dell'era moderna; Kelly Kelly prima di ritirarsi riusciva a tirare fuori match veramente buoni; Michelle McCool nel tempo aveva fatto vedere grossi miglioramenti. Parliamo di donne che non avevano mai messo piede su un quadrato di una compagnia indipendente, eh. Quindi, nel complesso, mi pare evidente che ci siano trainer della WWE che fanno un buon lavoro con le Divas. Il migliore di tutti, probabilmente, è stato Fit Finlay. Poi ci sono le ragazze che, nonostante, anni di impegno, continuano ad essere pessime, come la recentemente licenziata Aksana o Alicia Fox, ma questo capita anche agli uomini: basti vedere quanti vengono mandati via dalla WWE prima ancora di debuttare nel main roster proprio perché non hanno alcuna qualità.
4.E' vero, lo stile dei wrestler della WWE è più “soft” della Ring of Honor o delle indies. Ciò avviene, però, perché la WWE investe sui suoi lottatori e non può accettare che si facciano male. Uno perde due, tre, quattro anni, a costruire il personaggio di un wrestler, questo poi si fa male e deve stare fermo ai box per altri due anni. A chi giova tutto questo? Non al wrestler, non al pubblico, sicuramente non alle casse della compagnia. Un ricambio veloce dei wrestler del roster sarebbe assolutamente illogico ed antieconomico. La WWE è una società che deve generare profitti e questo è il modo migliore che hanno trovato per poterlo fare ed io, francamente, non mi sento di biasimarli.
5.La risposta è assolutamente sì: DX, Rock, Austin, Mankind sono e sono stati dei talenti talmente grandi che avrebbero avuto successo in ogni epoca, così come anche oggi avrebbe successo l'Hulk Hogan dei tempi d'oro se lottasse nella WWE. A farli diventare così grandi, la loro capacità di intrattenere il pubblico. Pensiamo a Steve Austin: era grande quando era il “lupo solitario” della faida contro Bret Hart, era grande come primo propugnatore dell'Era Attitude, farcita di parolacce e gestacci, era grande da leader heel dell'Alliance, in cui interpretava un ruolo che per molti versi è da considerarsi comedy. Si tratta di personaggi capaci di adattare il proprio talento alle richieste del pubblico e per questo sono oggi nell'Olimpo della storia del wrestling.

Ciao sono Mattia e vorrei chiedere due cose a riguardo della WCW:
1) Cosa mi consigliereste di vedere di squallido della WCW del 2000? Dove potrei vedere i loro ppv del 2000 su internet?
2) Che cosa sarebbe dovuto essere il ppv “WCW Big Bang” del 2001? Ho sentito che sarebbe dovuto essere l'inizio della nuova WCW ma aldilà di questa definizione generica non so altro…
Grazie mille per le eventuali risposte

1.Molte delle cose mandate in onda dalla WCW nel 2000 possono essere considerate squallide e, francamente, credo che tu possa prendere uno show a caso per poterti fare del male. Il livello di wrestling lottato rimaneva, anche in quella fase discendente, molto buono, ma la gestione del booking era veramente terribile. Per vedere un po' di immagini della WCW in maniera legale, ti consiglio di farsi un giro su Youtube.
2.Come tutti sanno, nei primi mesi del 2001 la WWE acquistò la WCW dopo che erano state interrotte le trattative tra Aol / Time Warner, proprietaria della WCW e la Fusient, società che faceva capo ad Eric Bischoff. “WCW Big Bang” era una idea proprio di Bischoff, che pensava ad un nuovo pay-per-view per rilanciare il marchio della WCW dopo averlo acquistato. Lo show sarebbe dovuto andare in onda il 6 ma ggio 2001 dalla MGM Arena di Las Vegas in diretta, ma non se ne fece nulla dopo che TNT e TBS annunciarono che non avrebbero più trasmesso gli show della WCW, spalancando, di fatto, l'acquisizione della compagnia di Vince McMahon.

Ciao, sono Stefano da Genova, ti passo le mie domande.
1)TVPG: capisco le logiche della WWE che vuole tutelare maggiormente il suo pubblico, ma da amante del wrestling non ne capisco assolutamente il motivo. Essendo il wrestling una trasfigurazione della realtà ad ogni modo, ci potrebbero stare parole che si usano tutti i giorni, una maggiore violenza in alcuni momenti ecc ecc. Ma sembra che tutta si riconduca semplicemente alla violenza e al sangue con il TVPG. La mia domanda a questo punto è ma Zeb Colter (bravissimo nel suo ruolo) rispetta i canoni del TVPG? E' chiaramente (in gimmick) razzista e forse forse lo vedo un atteggiamento ben peggiore di una sediata o di sangue che scorre. Come sempre accade mi pare che la WWE predichi bene e razzoli male.
2) Hogan: nel momento del passaggio alla WCW lo si nota notevolmente più smilzo, alla WWF era davvero grosso e pompato apparentemente, a cosa era dovuto questo cambiamento?
3)Sbaglio o nell'ultimo periodo la WWE stia tornando (pur senza il sangue) ad esporre una maggiore violenza nei suoi show? Che sia un primo segnale di alleggerimento del TVPG?
4) Perchè far perdere Cesaro a quel modo (Payback) dopo aver fatto una Giant Swing lunghissima con un banale roll-up? Non mi sembra il modo di proteggere un lottatore che pare essere in rampa di lancio.
Ciao e grazie, continuate così.

1.Il wrestling è sì una trasposizione della realtà, ma il prodotto della WWE deve essere adattato ai canoni del TVPG statunitense per evitare che gli sponsor fuggano e che le famiglie non portino più i ragazzini agli show. Nonostante il TVPG, comunque, la violenza non è stata eliminata dal prodotto WWE né potrebbe essere altrimenti, vista la natura particolare del wrestling, basata su scontri fisici tra persone che, in teoria, si odiano e si vogliono vedere morte a vicenda. Zeb Colter è di certo all'interno del TVPG perché negli Stati Uniti la libertà di pensiero e di parola è assolutamente inviolabile, per cui quello che noi in Italia considereremmo razzismo nei confronti degli immigrati, negli Usa è considerato accettabile.
2.Semplicemente, al fatto che Hulk aveva smesso di prendere gli steroidi che gli avevano garantito un fisico mostruoso. Lo scandalo giudiziario che aveva investito la WWE e Vince McMahon lo costrinsero a smettere di “pomparsi” ed ecco che al suo debutto nella WCW Hulk mostrò, volente o nolente, un fisico molto diverso, con parecchi chili di muscoli in meno.
3.La WWE non ha alcuna intenzione di abbandonare il TVPG e lo dimostra anche il fatto che quando un wrestler sanguina il match viene immediatamente sospeso per consentire ai sanitari di prestargli le cure del caso.
4.La gestione di Cesaro è incomprensibile. Il pubblico lo voleva face, la WWE si ostina a mantenerlo heel e, tra l'altro, non lo mette neppure sulla rampa di lancio verso il main event, nonostante quanto da lui fatto a Wrestlemania XXX lo rendeva immediatamente uno dei nuovi favoriti del pubblico. Mi auguro di cuore che non faccia la fine di Dolph Ziggler, perché io un match tra Cesaro e Brock Lesnar in pay-per-view lo voglio proprio vedere.


Ed eccoci ora allo “smista la lista”. Vi avevo chiesto di indicarmi i vostri cinque momenti preferiti della storia di Smackdown. Ecco una selezione delle vostre migliori risposte pervenute sia via e-mail che sul profilo Facebook ufficiale di TuttoWrestling.

FRANCESCO CENTOLA
– tributo a Eddie Guerrero
– debutto di John Cena vs Kurt Angle
– Brock Lesnar sfonda il ring con un superplex su Big Show
– Big Show lancia Mankind dentro la buca in un buried alive match
– Big Show e Kane invadono SmackDown contro Batista

Stefano Boero
1) Crollo del ring nel match tra Big Show e Lesnar 2) Il tributo ad Eddie Guerrero 3) Iron man match tra Lesnar e Angle 4) Frog Splash di Eddie dalla cima della gabbia 5) Edge appreciation Night a Toronto nel 2011

Marco Pedron
1) Eddie che getta letame su Big Show 2) Brock Lesnar vs Chris Benoit (vincitore del torneo) 3) I Los Guerreros che rubano le medaglie a Kurt Angle 4) Ultimo Dragon vs Rey Mysterio 5) Tributo a Eddie Guerrero

Gennaro Donnarumma
Debutto Jericho contro Roaddogg
Eddie Guerrero post W.M XX
Ritorno di Cena vs Carlito
Debutto Batista con la draft
Edge si ritira

Daniele Di Bella
I 5 momenti più belli:
-Brock Lesnar esegue una superplex su Big Show rompendo il ring.
– Kurt Angle e Brock Lesnar iron man match di 60 minuti.
-Batista si presenta come nuovo campione di Smackdown dopo il draft di Cena.
-Christian perde il suo primo world title contro Orton dopo 5 giorni dalla conquista.
Jeff Hardy clamorosamente perde uno steel cage contro Cm punk per il world title e deve abbandonare la WWE.

Ora tocca a me. Ecco i miei cinque momenti preferiti:
– Brock Lesnar sfonda il ring dopo un superplex su Big Show
– Brock Lesnar e Kurt Angle combattono in un iron man match
– “Stone Cold” Steve Austin e Booker T combattono in un supermercato
– Brock Lesnar batte Hulk Hogan e si spalma il suo sangue sul petto
– Show di tributo dopo gli attentati dell'11 settembre 2001

Per la prossima edizione del TWR smistatemi questa nuova lista composta da cinque elementi: quali sono i vostri cinque match preferiti della carriera di Eddie Guerrero?


Anche per oggi è tutto. Appuntamento alla prossima settimana!

That's excellently executed…

“The Myth” Michele M. Ippolito

[RIQUADRO2]

Michele M. Ippolitohttp://www.tuttowrestling.com
Ha cominciato a scrivere su TuttoWrestling nel 1998, dove, negli anni, si è occupato di un po' di tutto. Dal 2009, ininterrottamente, è autore del TW Risponde, la rubrica più antica, più letta ed amata del wrestling web italiano. Quando fu creata la prima newsboard di wrestling in Italia, lui era lì, a tradurre e scrivere notizie per gli internauti del nostro Paese.
14,920FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati