TW Risponde #469

E' passato Natale, è passato Capodanno, sono passati gli Slammy e pure i Crappy Awards di TuttoWrestling, si avvicina la Royal Rumble. Il 2012 sarà pieno di soddisfazioni per i fan di wrestling, tanto quanto ne è stato avaro il 2011 da poco terminato? Speriamo… Intanto “The Myth” Michele M. Ippolito, che sarei io, è sempre pronto a rispondere alle vostre domande, nonostante il pc sia crashato tre volte nell'ultima settimana. Comunque ci sono delle domande alle quali non risponderò. Di seguito, appunto, la lista delle domande indesiderate.

[RIQUADRO5]

Ed ora possiamo partire, tra un rococò ed mostacciolo (e se non capite di cosa sto parlando, venite a Napoli…)


Ciao Michele,
sono Edmir, ho 24 anni e ti scrivo da Rovereto (TN), seguo il wrestling da quando avevo 13 anni, quindi ho evitato di approcciarlo come una pagliacciata tra clown per far ridere gli ottenni. E' la prima volta che ti scrivo, e spero risponderai. Queste le mie domande:
1. secondo te, la nuova politica della WWE, che parte dal Wellness Program, passando per il divieto di colpi diretti alla testa con le sedie, al blocco dei bladejobs, fino a limitare i vari bumps, non è un po' stupida e controproducente (e totalmente estranea al PG, tra l'altro)? Mi spiego meglio, escludendo il sacrosanto WP (che semmai è arrivato tardi), il resto sono precauzioni inutili, poiché un buon performer riesce comunque a limitare i possibili danni, e comunque gli infortuni, anche gravi, accadono lo stesso, anche in modi banali (vedasi Sin Cara da ultimo), quindi si penalizza inutilmente lo spettacolo per delle cautele eccessive e inefficaci. Che ne pensi?
2. com'è possibile che VKM si sia lasciato sfuggire atleti di un certo calibro, per tentare di sostituirli con gente chiaramente non all'altezza, o comunque palesemente poco supportati dal management? Qualche esempio? Angle (bastava ridurne le presenze negli house shows per non farlo andar via), il Team 3D, Kennedy, MVP, Morrison…non è che Vince è troppo permaloso e si lascia influenzare parecchio dalla sua personale considerazione di certi atleti?
3. l'idiozia di certe scelte di booking è davvero lampante, come quella di far cambiare titolo 4 volte in 4 mesi tra Orton e Christian, senza prospettiva e senza logica (che non fosse quello di aumentare il numero di regni di Orton), allora ti chiedo, è mai possibile che nessuno in WWE si renda conto della ridicolaggine di certe scelte, che fanno perdere la pazienza ai fan e anche agli stessi atleti, suppongo? E com'è possibile che si continuino a commettere gli stessi errori ogni anno?
4. non ti tedierò con quesiti idioti come 'quando turnerà Cena?', perchè so già che a meno di cataclismi sul piano dei ratings, non turnerà mai, e allora ti chiedo, è possibile per un wrestler restate face a vita? Io non ho memoria di wrestlers che non siano mai turnati nella loro carriera (anche l'Immortal divenne heel!), Cena potrebbe essere il primo caso? (ti prego di non rispondermi citando il periodo del 2003, perchè non è rilevante ai fini della carriera di Cena.)
5. secondo te, con la crisi economica e finanziaria che rischia di appesantirsi, alla WWE non converrebbe abbandonare i propositi cinematografici per tornare a fornire un buon core-product in attesa che passi la tempesta, cercando di limitare i danni al massimo? l'idea del WWE Network è affascinante e futuristica, ma la mia paura è che si risolva in un fallimento totale, stile XFL, che porti perdite enormi alle casse e causi un peggioramento qualitativo e una sfiducia generale. E' vero che in periodi così bisogna investire in idee innovative, ma in momenti in cui le famiglie sono in ristrettezze economiche, un canale a pagamento non mi pare una grande idea.
Ti ringrazio anticipatamente se mi vorrai pubblicare e rispondere, e ti faccio i complimenti per la rubrica. Ciao 🙂

1.Limitare le mosse più pericolose eseguite dagli atleti significa preservare la vita e la carriera degli atleti stessi, che per la WWE rappresentano un patrimonio. Se Foley si fosse gettato dalla cima di una gabbia ogni show della WWE non potrebbe lottare ancora oggi, seppure sporadicamente, ma sarebbe su una sedia a rotelle. Se Chris Benoit, invece, avesse eseguito qualche diving headbutt in meno, forse sarebbe ancora qui con noi e non sarebbe impazzito compiendo un duplice omicidio-suicidio. Forse. Quello che mi pare evidente è che i wrestler sono persone in carne ed ossa e non pupazzi di gommapiuma a cui si può far fare tutto. Non dimentichiamocelo ogni volta che li vediamo esibirsi per noi: certo, un infortunio può capitare, ma favorirlo, come succedeva ai tempi non lontani quando era normale colpirsi con delle sediate alla testa, è semplicemente assurdo e sbagliato.
2.Vince fa le sue valutazioni, ma spesso sono gli atleti a decidere di andare via perché non si sentono abbastanza apprezzati dalla compagnia, dai dirigenti, dai booker. La colpa di questo è non solo di Vince McMahon, ma anche di John Laurinaitis, che ha l'incarico di tenere le relazioni con i talenti e non è capace di convincerli a restare. Queste cose ai tempi di Jim Ross, che aveva prima l'incarico di Laurinaitis, non succedevano.
3.In TNA fanno molto di peggio, ma continuano imperterriti. Nella WCW hanno capito che la federazione stava andando a picco ad un passo dalla chiusura. Anche nella WWE accade all'incirca la stessa cosa: Vince McMahon ed i suoi collaboratori non si accorgono che il prodotto non è all'altezza delle aspettative dei fan o sono incapaci di migliorarlo. La WWE ha bisogno di una iniezione di coerenza nelle storyline. Tutto il resto è solo contorno.
4.Ti citerò tre esempi di wrestler che nella loro carriera sono stati sempre face e sempre con un grande apprezzamento da parte del pubblico: Ricky Steamboat, Tito Santana, Rey Mysterio. Tra l'altro John Cena, quando era in coppia con Bull Buchannan è già stato un heel nella WWE.
5.Secondo me la WWE con il Network rischia di fare un buco nell'acqua e nemmeno il mezzo flop di 24/7 è riuscito a fare desistere Vince McMahon nel suo intento. Con la crisi economica di questi anni e con la gente che ormai non compra neppure più i costosi pay-per-view della compagnia, come si può pensare di fare il boom di abbonamenti? Il tempo ci dirà se Vince ha avuto ragione o, come accaduto nei casi della XFL, della WBF e di altre imprese sulla carta intelligenti ma alla prova dei fatti fallimentari, ha avuto torto.

Ciao Myth, mi chiamo Davide, ho 12 anni e vi seguo da Napoli. Inizio nel premettere che questa è la prima volta che ti scrivo per questa rubrica e che sono davvero appassionato di wrestling da quando ero un bambino di 3/4 anni grazie all'immancabile figura di mio zio. Nel frattempo, ti porgo le mie domande per la tua prossima uscita del TW RISPONDE.
1) Secondo te, perchè creano stable alquanto inutili solo per riempire la categoria Tag Team? E' vero che l'importanza non è data a questa categoria e che creano team a casaccio con dei wrestler che sono stati allenati per combattere in singolo. Che ne pensi se si potrebbe far nascere delle coppie da quando sono davvero giovani in modo da non farli staccare mai? (Vedi gli Usos).
2) Allo “Showcase of the Immortals” Wrestlemania, vincerà colui che si fa le ossa dalla mattina alla sera per la compagnia di Stamford (John Cena) o dall'ex campione di 39 anni che ha ancora un pò da dare alla federazione (The Rock)? Questa ovviamente è una domanda puramente oggettiva, in base alle tue preferenze e riflessioni.
3) Gli show si incentrano solamente su wrestler di maggiore importanza, cioè i Main Eventer. Che ne pensi se in futuro potrebbero creare delle vere e proprie storyline per portare al Main Eventing dei wrestler in particolari come Ted DiBiase o Goldust (Goldust l'ho sparato a casaccio, ma mi piacerebbe vederlo in un feud contro Rhodes per un WHC Vacante)? Oppure potrebbero solamente mandarli a combattere a Superstars per farli diventare dei beniamini dello show?
4) Ho notato che Alex Riley dopo Capitol Punishment è stato letteralmente mandato nel “gabinetto” se non vogliamo dire una parolaccia. Ha dato davvero tanto per questa federazione ed ha fatto pure impressionare i fans con il Feud contro The Miz. Che ne pensi di farlo diventare almeno un Intercontinental Championship? Vedrei un grande futuro per quel ragazzo.
5) Pensi che in futuro, dopo passato il periodo della tossicodipendenza e finalmente puliti, gli Hardy Boyz possano ritornare nella WWE? Anche solo Jeff Hardy, per riassaporare quel tocco di estremo che ci vuole alla federazione.

1.Gli Usos sono fratelli, figli di Rikishi, e quindi è normale che si conoscano bene. Ci sono state anche tante altre coppie che si sono unite in età avanzata ma che hanno fatto la storia del wrestling professionistico: gli ultimi sono i Beer Money, che hanno visto lavorare insieme James Storm e Bobby Roode per anni senza che prima i due avessero un particolare legame. Non esiste, quindi, una ricetta unica: i tag team, però, hanno bisogno di affiatarsi ed una politica che vede coppie create e scoppiate nel giro di quattro mesi chiaramente non porta da nessuna parte né i lottatori né le storyline della compagnia.
2.Deve vincere per forza John Cena. The Rock non ha più niente da chiedere al mondo del wrestling. Se vincesse lui, magari per lanciare un suo futuro film, sarebbe francamente uno scandalo.
3.Storicamente i midcarder hanno sempre avuto il loro spazio, in modo da farli diventare beniamini del pubblico: mi viene subito in mente l'esempio di Ultimate Warrior che prima di arrivare a sfidare Hulk Hogan a Wrestlemania 6 si è fatto tutta la trafila partendo dal basso. Da qualche tempo a questa parte, però, dato il crollo dei ratings, la WWE trova più sicuro puntare quasi esclusivamente sui main eventer (addirittura su quelli del passato che ormai non hanno più nulla da dare ai fan di wrestling, come Kevin Nash) invece che aspettare la crescita di nuovi talenti offrendo loro spazio adeguato. Due emblemi di questa mancanza di lungimiranza sono la mancanza di debuttanti di rilievo nel roster nel 2011 e l'ascesa di Zack Ryder quasi esclusivamente per meriti suoi e contro il parere di larga parte di booker e dirigenti. La WWE dovrebbe proporci un giusto mix tra vecchio e nuovo.
4.Quello che la WWE ha fatto con uno dei migliori talker che ha sotto contratto è di una gravità unica. Per me Riley è degno di diventare un main eventer nel giro di un anno, il fatto che la WWE lo abbia messo nel dimenticatoio non ha alcuna giustificazione.
5.Io credo che prima o poi gli Hardy Boyz, che sono relativamente giovani, torneranno nella WWE. Ciò avverrà, però, quando entrambi saranno completamente ripuliti: la WWE non può rischiare la propria immagine per due cretini. Jeff, in particolare, di cognome potrebbe fare “Soldi”: basta vedere i dati del dipartimento merchandising della TNA, che sono praticamente mantenuti da Hardy. Ecco perché la WWE ha bisogno di lui. Un po' meno di Matt, che comunque ha un suo perché. Se devo scommettere un euro sul fatto che prima o poi entrambi rientreranno alla casa madre, io scommetto sul sì.

Ciao Michele, mi chiamo Davide e ti scrivo dalla provincia di Milano.
Vorrei porti le seguenti domande:
1 Penso che uno degli scopi principali di una stable sia quella di lanciare la carriera dei suoi membri, non ritieni pertanto che il Nexus nel suo risultato complessivo sia stato un fallimento?
2 Non ritieni inadeguato The Miz nel ruolo di Heel di punta a Raw?? A mio avviso come mic skill è perfetto ma fisicamente e tecnicamente è un po' sopravvalutato
3 Vorrei un tuo parere sul ritorno sul ring di Booker T, massimo rispetto per l'atleta, ma cosa ha fatto per meritarsi addirittura una title shot??
4 non pensi sia stato un errore la cancellazione del cruserweight title?
5 Una mia piccola curiosità: puoi dirmi qualcosa sui Radicalz?

Ciao e grazie

1.Quella del Nexus è un'altra delle storyline dal grande avvenire che la WWE ha gettato nel gabinetto senza troppi complimenti. Partiamo dal fatto che il vero Nexus è quello della prima versione con i sette talenti di NXT a comporlo. Quando poi il capo Wade Barrett è stato sostituito da CM Punk, che veniva da tutt'altra storia, quella della Straight Edge Society, tutto è cambiato. Nel complesso, hai ragione tu: il Nexus non ha lanciato wrestler l'Olimpo, come invece fece l'Evolution con Batista e Randy Orton. In qualche caso è colpa di infortuni (Skip Sheffield o Michael Tarver), in qualche caso è colpa di membri limitati che oltre il midcarding non sarebbero potuti mai andare perché limitati o sul ring o al microfono o in entrambe le cose (David Otunga, Darren Young e Heath Slater), in qualche altro caso i booker hanno fatto un lavoro pessimo (Justin Gabriel ma soprattutto Wade Barrett, prima lanciato verso il main eventing e poi ricacciato negli inferi dopo aver fatto vedere grandi cose). Se aggiungiamo che il Nexus ha fatto male anche ad Husky Harris e Michael McGillicutty, che hanno un buon potenziale, possiamo dire che la stable che doveva rivoluzionare il mondo del wrestling nel 2010 ha rappresentato un boomerang per i lottatori che ne hanno fatto parte.
2.Per molti anche The Rock era sopravvalutato: nonostante il grande fisico, sul ring, soprattutto nei primi anni era ripetitivo e banale. Però è passato alla storia: nel wrestling la bravura sul ring non è tutto, anche se chi è meno dotato fisicamente deve lavorare il triplo per arrivare in alto. Ecco perché a The Miz bisogna riconoscere grandi qualità personali per come ha saputo crescere ed evolversi.
3.Non ha fatto niente per meritarsi la title shot, ma questo è wrestling, cioè spettacolo, non è come il calcio dove per arrivare ai mondiali bisogna passare per la trafila delle qualificazioni. Poi per lui parla la sua storia, avendo vinto più volte il titolo di campione del mondo, nella WCW e nella WWE. Uno così può anche arrivare dal ritiro e competere finanche per il titolo mondiale senza che sia uno scandalo.
4.Secondo me se la WWE creasse un gruppo di atleti dallo stile tecnico, al di là del peso, sul modello della X Division della TNA e li facesse lottare a Smackdown, farebbe un grosso favore a sé stessa oltre che ai fan. Una nuova cintura di quel genere non mi dispiacerebbe: meglio vedere due lottatori scontrarsi per conquistarla che continuare a vedere settimana dopo settimana Derrick Bateman affrontare Titus O'Neil a NXT.
5.I Radicalz era una stable composta da Chris Benoit, Eddie Guerrero, Dean Malenko e Perry Saturn. Tre di loro, Benoit, Malenko e Saturn componevano nella WCW, insieme a Shane Douglas, la stable “Revolution” fino al gennaio 2000, quando lasciarono la compagnia in disaccordo con la scelta della dirigenza di affidare il booking team a Kevin Sullivan. La WWE non se li fece scappare ma la stable nella compagnia di Stamford ebbe solo un medio successo, anche a causa di alcuni infortuni che afflissero i diversi componenti. Il successo maggiore Benoit e Guerrero lo ebbero da singoli, fino alle rispettive, tragiche morti.

Un saluto alla redazione di Tuttowrestling, mi chiamo Gianni e vi scrivo da Atri, in provincia di Teramo.
Vorrei farvi un paio di domande:
1) La prima, più che altro, é una curiosità: che fine hanno fatto Batista e Paul Heyman?
2) Sempre riguardo al video “It Begins”, se invece che riferirsi ad un ritorno, si fosse parlato di un avvenimento, cosa ti sarebbe piaciuto che fosse? Io vado per il fantawrestling, e dico il turn heel di John Cena!

1.Batista sta provando a sfondare come attore, finora con scarsi risultati, visto che ha raggranellato solo qualche ruolo secondario, mentre la sua prevista carriera nello shootfighting praticamente non è mai iniziata. Paul Heyman continua ad occuparsi di wrestling come autore di articoli per siti e riviste. Ha recentemente pubblicato una biografia del suo grande amico Brock Lesnar (e questo NON è un indizio del prossimo ritorno di Brock Lesnar).
2.A me sarebbe piaciuto vedere Shane McMahon, di cui sono da sempre il mark, a capo di una nuova stable.


Passiamo ora allo “Smista la lista”. Vi avevo chiesto quali sono le cinque più brutte entry song dei wrestler della WWE. Vediamo una selezione delle vostre risposte:

Alessandro “Avantard” Ciamberlano
Ecco le theme orrorifiche odierne nella WWE( di cui non ricordo i titoli) :
1)Wade Barrett theme (non la cestinerei del tutto, però non fà per Wade)
2)Cody Rhodes theme(rock fine a se stesso, anonima)
3)Dolph Ziggler theme(la prima versione di “I am perfection” non era male,dopo solo 1000 cambi di theme insulse)
4)Ted DiBiase theme(troppo cool con la theme del padre, quella di adesso è deprimente)
5)Yoshi Tatsu theme(ma serve anche commentare? )

Samuele Minato
Yoshi Tatsu, Johnny Curtis (Flatfoot 65), Heath Slater, JTG, Hunico

Ciro D'Ambra
Jack Swagger, Santino Marella, Usos, Hunico, Trent Barreta

Antonino Calvagna
Jinder Mahal,Yoshi Tatsu,Trent Barreta,Great Khali e JTG!!!

Diego Sbriglia
Daniel Bryan,Jinder Mahal,Wade Barrett, Justin Gabriel,Yoshi Tatsu.

Zrcadlo Russo
Quelle degli sfigati, è ovvio… è consequenziale, una parte della sfiga dei lottatori è legato alla theme music brutta! In sequenza: Gli Usos, Slater, JTG, Mahal, Justin Gabriel

Christian Boccone
1.”Say it to my face”di Alex Riley
2.”Get on your knees”di Jack Swagger
3.”SOS”di Kofi Kingston
4.”Jpop drop”di Yoshi Tatsu
5.”I come from money”di Ted DiBiase

Mauro Commisso
1) “One man band” Heath Slater
2) “Main Yash Hun V2” Jinder Mahal
3) “Domination” Ezekiel Jackson
4) “Pa-Pa-Pa-Pa-Party” Alicia Fox
5) “Respeto” Hunico
Mi veniva voglia di mettere “My Time is Now” di Cena perchè non la sopporto ma obbiettivamente c'è di peggio.

Provo ad indicare le mie, in ordine sparso. Sono quelle di:
– Daniel Bryan (che di suo è bella ma per nulla adatta ad un wrestler, figurarsi ad un campione del mondo)
– Jinder Mahal
– Yoshi Tatsu
– Jack Swagger
– Santino Marella

Per la prossima edizione smistatemi questa lista di cinque: Quali saranno i cinque wrestler che a fine 2012 si sfideranno come “wrestler of the year” della WWE? Potrete rispondere sia inviandomi una e-mail sia sul profilo Facebook ufficiale di TuttoWrestling.


Anche per questa settimana è tutto. Appuntamento sempre su queste colonne, per la prossima edizione del TuttoWrestling Risponde!

That's excellently executed…

“The Myth” Michele M. Ippolito

[RIQUADRO2]

Michele M. Ippolitohttp://www.tuttowrestling.com
Ha cominciato a scrivere su TuttoWrestling nel 1998, dove, negli anni, si è occupato di un po' di tutto. Dal 2009, ininterrottamente, è autore del TW Risponde, la rubrica più antica, più letta ed amata del wrestling web italiano. Quando fu creata la prima newsboard di wrestling in Italia, lui era lì, a tradurre e scrivere notizie per gli internauti del nostro Paese.
15,941FansLike
2,599FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati