Stamford Report #64 – WWE Over The Limit 2012

Amici di Tuttowrestling.com, un saluto da parte di Erik Ganzerli e bentornati sulle pagine del nostro sito dedicate allo Stamford Report, la rubrica che dà le pagelle ai pay-per-view WWE. Ci siamo appena lasciati alle spalle Over The Limit e quindi è giunto il momento di andare a vedere, match per match. come ho valutato lo show. Iniziamo!

KANE batte ZACK RYDER: voto 6
Esattamente quello che ci aspettava. Non c'è molto da dire sul match del pre-show, classico match da Raw (ed è un elemento che ritroveremo durante questo pay-per-view: un bel po'di roba che abbiam visto era degna di Raw o SmackDown, sicuramente non degna di uno show per il quale gli americani pagano 45 dollari) e poco più. Una cosa però, purtroppo, è da notare: dopo mesi e mesi di booking ridicolo che lo han visto coinvolto Zack Ryder è entrato nell'arena (di certo non piena in quel momento, va detto) in un silenzio quasi totale. Ce l'han fatta: han preso un atleta che era diventato over col pubblico praticamente da solo e, visto che non potevano sopportare l'”onta” di vedere un qualcuno over senza che la WWE ci abbia lavorato sopra, lo hanno ucciso. Non è incredibile come la WWE a volte sembra proprio non voler fare soldi?

CHRISTIAN vince la 20-men over the top rope “People Power” Battle Royal: voto 6
Uguale a ogni singola battle royal vista negli ultimi anni (specialmente a SmackDown, dove ce n'era una al mese quasi). Match obiettivamente poco giudicabile tecnicamente, quindi sposterei la disamina più sul booking e sull'armata di jobber che ha partecipato alla contesa. A un certo punto ho seriamente pensato che, visto che non c'è stata a Wrestlemania, abbiano spostato la battle royal a questo pay-per-view dando spazio a chi normalmente non ne ha (con un bonus però molto più basso). E a proposito di jobber (sto scherzando, non è un jobber) niente credo gridi “non conti una ceppa” che fare il tuo grande ritorno in una battle royal riempita di gente che a malapena si vede a Superstars per una title shot a un titolo che, diciamocelo, non conta poi molto nel 2012 e, per giunta, essendo senza motivo un face dopo che te ne sei andato da heel. Povero Christian…capite ora cosa intendevo quando dicevo l'anno scorso che la compagnia non vede nulla più di un onesto midcarder in lui?

R-TRUTH e KOFI KINGSTON battono DOLPH ZIGGLER e JACK SWAGGER conservando i titoli di coppia WWE: voto 6.5
Più che onesto (e a tratti decisamente molto guardabile) match per i titoli di coppia WWE che, prevedibilmente, sono rimasti intorno alla vita degli attuali campioni. E'triste notare come l'arte del wrestling di coppia sia praticamente scomparsa alla WWE, non ci sono tag team che lottano come tali (per dire, anche gli Usos non danno l'idea di essere un vero e proprio team), son tutti wrestler singoli messi insieme quasi per caso e che poi magari sviluppano anche una discreta alchimia sul quadrato ma che molto raramente offrono la “psicologia”, per così dire, degna di un vero e proprio tag team. Non è di certo una novità, sia chiaro, ma vedere lottare intorno ai titoli gente come R-Truth e Kingston o come Ziggler e Swagger (tutti ottimi lottatori, per carità, ma sempre lottatori singoli che lottano come tali anche in questo contesto) fa un po'tristezza. E pensare che pare abbiano contattato addirittura i Briscoes…

LAYLA batte BETH PHOENIX e rimane WWE Women's Champion: voto 4
Ohi ohi ohi…pessimo match tra Layla e la “Glamazon”. Pessima serata di Layla, in particolare, sulla quale comincia a esserci qualche dubbio di un ritorno un po'affrettato dopo l'infortunio al ginocchio (personalmente non credo sia tornata presto perchè il mese scorso, pur con un match decisamente più corto, aveva fatto molto bene) e che in questa occasione ha veramente sbagliato tutto a parte la finisher. Tantissimi “botch”, decisamente troppi e quindi, nonostante l'impegno che c'è stato da parte delle due, il risultato è stato un match quasi da tortura. Una serata storta capita a tutti, speriamo che questo sia appunto un episodio isolato per Layla e che quest'ultima non diventi la nuova Candice Michelle, ovvero una lottatrice che aveva mostrato ampi miglioramenti ma che poi, dopo un infortunio e un periodo d'assenza dal ring, aveva mostrato una regressione davvero impressionante (Candice si ruppe la clavicola in un match contro Beth Phoenix, tornò dopo 4 mesi, se la ruppe una seconda volta un mese dopo e, di fatto, non fu più la stessa venendo licenziata poco più di un anno dopo).

BRODUS CLAY batte THE MIZ: voto 6
Ce n'era davvero bisogno? Match praticamente identico a quello che abbiam visto a Raw tra questi due e ennesima vittoria per il “Funkasaurus”. Non ho la minima idea su che intenzioni abbiano per Clay ma ripeto bene o male quanto detto in altre sedi: sta venendo a noia, e non per colpa sua. Fa sempre le stesse cose, ma proprio le stesse: entra, balla con le Funkadactyls, squasha il malcapitato di turno, balla coi bambini. Va bene fatto 2-3 volte, ma qua siamo alla nona almeno…e che bisogno c'era di fare questo siparietto in pay-per-view? La WWE ha preso una deriva piuttosto bizzarra ultimamente, tra la presenza di Clay e quella di Ryback che svolgono in pay-per-view segmenti degni al massimo di SmackDown. Non vedo l'ora di vedere le puntate da 3 ore di Raw (idea devastante) per vedere fin dove porteranno il concetto di “filler”.

SHEAMUS batte CHRIS JERICHO, ALBERTO DEL RIO e RANDY ORTON in un Fatal 4 Way match rimanendo World Heavyweight Champion: voto 7
Molto divertente, non un capolavoro che rimarrà negli annali del wrestling ma comunque un match decisamente buono tra questi quattro contendenti anche se, forse, ha condizionato la mia visione della contesa il fatto che non c'erano realisticamente molte possibilità che il titolo cambiasse mano (anzi, eran proprio vicine allo zero). Ciò nonostante (e nonostante il fatto che, come in ogni 4 way WWE che si rispetti, per il 90% del tempo c'erano due lottatori “morti” a terra e altri due nel ring a lottare) il match è stato divertente, ben combattuto e godibile. Un appunto: la “White Noise” (nome orrendo, peraltro) non credo sia adatta come finisher di Sheamus, il Brogue Kick è molto più efficace visivamente. Interessante la situazione che ora si crea per i partecipanti al match: abbiamo visto a Raw che Chris Jericho e Randy Orton saranno in faida (e, contando che Jericho se ne andrà presto per il tour dei Fozzy, non sarei per nulla stupito di vedere Orton che lo manda via con un punt) e, presumo, tocca ora a Del Rio andare all'assalto del titolo di Sheamus. Non mi bevo del tutto la faida (Del Rio come personaggio è fermo da tempo immemore come sviluppo e anche il regno titolato di Sheamus, sinora, è tutt'altro che perfetto) ma vedremo che ne uscirà, anche perchè altri personaggi pronti a SmackDown non è che ce ne siano poi tanti, anzi…

CHRISTIAN batte CODY RHODES e diventa il nuovo WWE Intercontinental Champion: voto 6
Ecco un match che, senza i “filler” di cui parlavo poco fa, sarebbe forse stato molto migliore di quanto in realtà sia stato. Un match da SmackDown (history repeating), niente di più e niente di meno. 7 minuti circa senza troppe emozioni e un cambio di titolo che, stranamente, danneggia tutti e 2 i lottatori. Christian, che si ritrova da campione del mondo a essere “solo” campione Intercontinentale con un turn invisibile (nel senso che non l'abbiam proprio visto, si è trovato face dal nulla con il pubblico che tra l'altro non sapeva come comportarsi durante il match tra lui e Rhodes) e quindi impantanato nel midcarding; Rhodes che completa un regno titolato, va detto, tutt'altro che irresistibile (e, torno a ripeterlo, la decisione di togliergli il titolo e darlo a Big Show è stata molto dannosa per lui) le cui faide principali son state contro Booker T (un ex lottatore) e The Big Show (che non aveva bisogno la cintura, esattamente come non ne ha bisogno ora Christian). Vorrei poter dire che questo sia il trampolino di lancio per Rhodes verso il main eventing (e, magari, verso una vittoria del Money in the Bank a luglio) ma contando come l'hanno bookato ultimamente in che “condizioni” potrà mai arrivarci? Lieto di sbagliarmi, ovviamente.

CM PUNK batte DANIEL BRYAN e rimane WWE Champion: voto 7.5
L'unico motivo per cui si può cercare, se non lo si è visto, di mettere le mani su Over The Limit. Match per cui le aspettative erano davvero molto alte e che, credo, non abbia assolutamente deluso. 25 minuti circa di azione probabilmente non per tutti i palati ma di livello davvero alto. Mi son sicuramente perso molte citazioni che i due avranno certamente fatto nella contesa ma mi sono ugualmente divertito molto. Un match decisamente molto, molto diverso da quanto si vede di solito in uno show WWE e un finale magari non originalissimo (mi ha ricordato il match tra Sabu e Taz di ECW Wrestlepalooza 1997) ma che apre le porte per un rematch tra i due contendenti o, meglio ancora, a una serie di match tra i due che durerà tutta l'estate (c'è sempre la carta AJ da giocare, il fatto che ora la stiano avvicinando a Punk in storyline lascia presagire che, non appena Punk abbasserà la guardia nei suoi confronti, Bryan gli strapperà il titolo con l'aiuto della ragazza). Non me la sento di consigliare l'acquisto del pay-per-view solo per questo match, se lo trovate su Youtube guardatelo, credo basti e avanzi.

RYBACK batte CAMACHO: voto 1
Esattamente come Extreme Rules. Prendete il giudizio di quel match ed è praticamente parola per parola quello che posso dire di questo match, solo che questo è arrivato 3 settimane dopo. C'era davvero bisogno di Ryback vs CAMACHO (manco Hunico, Camacho), anche solo di 2 minuti, in questo show? Non era meglio dare minuti in più a Rhdoes vs Christian? Evidentemente no, per la WWE un buon pay-per-view si fa anche con roba così…vabbè…

JOHN LAURINAITIS batte JOHN CENA: voto 5
Irritante, infuriante quasi. No, non sto parlando di Laurinaitis, mi riferisco a questo match. 15 minuti di comedy (e non poteva essere altrimenti) purtroppo di bassissima lega con uno scontatissimo turn alla fine. C'è qualcosa di dannatamente sbagliato nel vedere Brock Lesnar perdere contro John Cena e vedere invece Johnny Ace, sia pur con l'aiuto di The Big Show, uscire vincitore dallo scontro con l'ex “Doctor of Thuganomics”. L'unico momento in cui ho sorriso in questo match è stato quando Cena e Laurinaitis erano con le cuffie al tavolo di commento e Laurinaitis, che imitava Booker T, riusciva solo a dire “Five time, five time…”. Capitolo turn di The Big Show: era la soluzione più logica e onestamente avrei agito nel modo in cui ha agito la WWE. Il problema è che l'esecuzione dell'angle è totalmente illogica da qualunque parte la si guardi: se il piano era, dall'inizio, The Big Show che interveniva per riavere il suo lavoro aiutando Laurinaitis, perchè ha atteso tre quarti d'ora per intervenire facendo prendere al suo capo un fracco di botte? E mettiamo invece il caso che la storyline avesse voluto The Big Show convinto direttamente sul ring, dobbiamo veramente credere che The Big Show, licenziato dalla WWE, si stesse trovando casualmente intorno all'arena? Che ci faceva lì? Booker T (terribile come al solito) ha detto “ha comprato il biglietto”, ma purtroppo per lui non è arrivato dal pubblico, ma da fuori perchè ha riportato Laurinaitis nell'arena passando dall'uscita che aveva preso Laurinaitis. Come abbiamo visto a Raw la cosa è diventata poi totalmente comica con la WWE che non ricorda manco le storyline di una settimana fa, dicendo prima che Laurinaitis aveva rimesso sotto contratto The Big Show sabato (cosa che avrebbe causato il licenziamento del gigante, stando alla stipulazione del match tra Laurinaitis e Cena) dovendo poi ritrattare in corsa dicendo che quello di sabato era un accordo verbale (peccato che, così facendo, mandano a puttane la storyline della causa di Lesnar, perchè lì l'oggetto del contendere è proprio un accordo verbale tra Lesnar e Laurinaitis giudicato non valido da HHH. Quello non è valido e questo si?), cosa che rende The Big Show un babbeo, perchè Laurinaitis poteva tranquillamente mandarlo a stendere dopo aver battuto Cena, in assenza di un impegno scritto. Un casino, insomma, e un match davvero irritante per molti motivi. Non un bel modo di chiudere Over The Limit.

PPV: voto 6
Sufficienza davvero risicatissima per questo Over The Limit che rappresenta un deciso (anche se previsto) passo indietro rispetto alle ultime due uscite in pay-per-view della WWE. Decisamente da rivedere per i prossimi show il discorso dei riempitivi e della cadenza dello show: quando ci sono grandissimi match è sopportabile, sia pur a malapena, vedere gente come Brodus Clay e Ryback in pay-per-view, ma quando invece c'è ben poco da ricordare e tantissima roba che va dal dimenticabile al disastroso allora ciò diventa un problema, specialmente quando i minuti usati per quei due match potevano essere impiegati in modo molto, ma molto migliore. Credo che maggio 2012 sia il primo mese da molto tempo a questa parte dove la TNA può vantare una “vittoria” sulla WWE dal punto di vista qualitativo per i suoi show a pagamento, con un Sacrifice che è stato decisamente all'altezza. Speriamo per No Way Out ma l'idea di vedere Cena vs The Big Show non mi entusiasma minimamente…

E anche per questo mese abbiamo dato. La WWE torna in pay-per-view tra poco meno di 4 settimane con No Way Out, e noi invece ci troviamo tra un mese esatto per parlare di quello che sarà accaduto in quella notte.

Alla prossima!

14,815FansLike
2,611FollowersFollow

Ultime Notizie

Annunciati due segmenti e tre match per Raw

Questa notte avrà il via a Raw la costruzione di WWE Survivor Series, con tre match di qualificazione per un posto nel team Raw annunciati per lo show.

Dato degli ascolti della puntata di SmackDown su FS1

La puntata di SmackDown pre Hell in a Cell, trasmessa venerdì su FS1, è stata vista da meno di 900,000 telespettatori.

Vari debutti nel prossimo episodio di AEW Dark

Quindici match annunciati per la card del 58° episodio di AEW Dark, dove faranno il loro debutto vari atleti.

E’ uscito il nuovo album di Elias

Come preannunciato più volte, è uscito oggi il nuovo album di Elias. Ecco tutti i dettagli e le canzoni presenti in esso

Articoli Correlati