Stamford Report #33 – WWE TLC 2009

Amici di Tuttowrestling.com un saluto da parte di Erik Ganzerli e bentornati allo Stamford Report, l'ultimo per il 2009. Tables, Ladders and Chairs avrà chiuso degnamente quest'annata a corrente alternata per la WWE? Andiamo a scoprirlo.

CHRISTIAN batte SHELTON BENJAMIN in un ladder match rimanendo ECW Champion: voto 7
Forse non il gran match che mi aspettavo ma comunque uno sforzo più che buono per quello che è il mio match della serata, pur condizionato dall'interruzione forzata a causa del taglio e del sanguinamento di Christian. A questo proposito, a scanso di equivoci: non esiste una commissione atletica nel Texas, se l'è inventata Matt Striker (che peraltro è stato pessimo al commento per tutta la sera, facendo errori su errori) per motivare l'interruzione. Purtroppo l'interruzione ha, appunto, interrotto il ritmo dell'incontro e ha reso ulteriormente silente il pubblico, già di suo non particolarmente coinvolto. Solita grande prova di Benjamin che è ormai di casa in questo tipo di match, stesso discorso per Christian (leggermente meno “impressionante” rispetto a Benjamin però secondo me) che si conferma incontrastato campione di un brand sempre più messo in disparte, sfortunatamente.

DREW MCINTYRE batte JOHN MORRISON diventando WWE Intercontinental Champion: voto 6,5
Sarà servito questo match a portare McIntyre e Morrison al “livello successivo”? La risposta probabilmente l'avremo tra un po'di tempo ma per cominciare i due se la son cavata più che bene uno contro l'altro. Spero che McIntyre ottenga più risposta dal pubblico di quanta ne stia ottenendo ora perchè se lo merita, peraltro.

MICHELLE MCCOOL batte MICKIE JAMES e rimane WWE Women's Champion: voto 6
Niente di trascendentale, ma comunque una contesa sufficiente. Le due si son fatte il mazzo sul ring, stile di lotta piuttosto duro e buon lavoro dal punto di vista dell'atteggiamento reciproco, ovvero hanno espresso il loro odio reciproco sul ring in modo convincente. Credo peraltro anche che Finlay abbia avuto molto a che fare, nel suo ruolo di road agent, nella messa in piedi del match perchè ci sono stati diversi spot “tipici” del lottatore irlandese e ciò mi ha fatto molto piacere. La faida ha ancora un po'di chilometri da percorrere prima di quello che, credo, sarà il cambio di titolo per Mickie James, per ora gestione sensata (anche se le tematiche su cui su poggia il tutto sono scarsamente creative).

SHEAMUS batte JOHN CENA in un Tables match diventando WWE Champion: voto 6
Non malvagio, ma troppo lento secondo me. Troppo tempo per mettere in piedi certe mosse e il realismo ne ha un po'risentito a mio modo di vedere (e il match è durato meno del ladder match ECW, il che è tutto dire). Son curioso di vedere i due in un rematch “classico”, perchè penso che possano fare decisamente meglio di quanto visto a TLC, dovendo necessariamente anche tenere il ritmo più alto. In ogni caso grande prova di fiducia per Sheamus che adesso dovrà, per usare un termine legato al football americano, portare la palla in end zone.

THE UNDERTAKER sconfigge BATISTA in un Chairs match rimanendo World Heavyweight Champion: voto 5.
Qui iniziano le note dolenti. Il match in sè sarebbe anche sufficiente (in ogni caso non siamo di fronte a un match da pay-per-view, al massimo da SmackDown a livello qualitativo), ma purtoppo il finale è semplicemente orrendo. In un match SENZA SQUALIFICHE dove usare una sedia come arma è LEGALE mi fai ripartire la contesa per un low blow? E se il low blow gliel'avesse dato con la sedia, sarebbe stato legale? Perchè non sono stati fatti riprendere i 696684049845 match del passato conclusi per un low blow? Perchè all'improvviso Theodore Long, dopo che per ordine di Mr.McMahon e per salvare il suo lavoro aveva tolto a The Undertaker un titolo mondiale, ora difende il “Deadman”? Coerenza, WWE, coerenza! Non ci vuole un genio a capire che è per cose come queste che il prodotto è crollato qualitativamente dal punto di vista creativo…

RANDY ORTON batte KOFI KINGSTON: voto 5,5
Altra nota dolente. Match noioso, gestito piuttosto male e, per giunta, ha vinto l'uomo decisamente sbagliato. Orton, che pur è l'heel della situazione, ha dominato in modo netto il match senza troppi problemi e in modo forse troppo pulito, come troppo pulito è arrivato lo schienamento finale che termina, almeno momentaneamente, l'ascesa di Kingston nella compagnia. Un peccato, una faida che funzionava e che aveva suscitato un buon interesse nei fan ha perso tutto il suo appeal in sole 3 settimane non dando praticamente nulla agli interessati. Lo status di Orton non è cambiato, quello di Kingston nemmeno. A che pro dunque tutto ciò?

D-GENERATION X (Triple H e Shawn Michaels) battono JERI-SHOW (Chris Jericho e The Big Show) in un TLC match diventando WWE Unified Tag Team Champions: voto 6,5
Non male. Sfortunatamente per chi vi è stato coinvolto il match sfigura decisamente rispetto anche solo ad altri match di quel tipo visti in passato o anche solo quest'anno ma con franchezza dubito che, tra limitazioni dovute al rating TV-PG e limitazioni degli stessi atleti, si potesse fare molto meglio. Mi ripeto, è stato un buon TLC match con anche qualche rischio importante, però non credo che si andrà a rivederlo in DVD più di tanto. Qualche parola per i campioni uscenti che concludono il loro regno con una prestazione di livello, con Jericho che ha rischiato decisamente grosso nelle parti finali del match rimanendo impigliato in una corda prima di finire su un tavolo; anche The Big Show, contando che ha appena dovuto subire un intervento al ginocchio, il suo bel contributo l'ha dato.

PPV: voto 6
Show solido, s'è visto del buon wrestling e, da quel punto di vista, l'obiettivo è stato raggiunto. Purtroppo a fare da contraltare c'è stata una decisione di booking decisamente sconsiderata a mio modo di vedere e un finale di match che definire orrendo è fargli un complimento. Il problema forse più grave però è che, a meno che non si sia dei fan sfegatati di Sheamus, non c'è niente in questo pay-per-view che valga la pena rivedere. Non, ripeto, che sia stato un brutto show, ma purtroppo un po'troppo spesso si ha questa sensazione di non aver visto cose importanti e clamorose in quelli che dovrebbero essere i culmini delle rivalità e ciò non è per nulla un buon segno, soprattutto come quando, in questo caso, ci sono stati due cambi di titolo e il titolo WWE è cambiato di mano! Speriamo che il 2010 non si riveli come la seconda parte d'annata WWE, pesantemente involuta dal punto di vista creativo, e che magari la spinta della TNA head-to-head il 4 gennaio (anche se solo per una notte) serva a dare la scossa alla WWE di cui ha vero bisogno.

E con questo lo Stamford Report chiude i battenti per il 2009, ci si ritrova nell'anno nuovo quando il primo appuntamento sarà uno dei miei show preferiti dell'intera annata: la Royal Rumble.

Ciao!

15,655FansLike
2,633FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati