THE OTHER SIDE #102 – THE GRAND RETURN

THE GRAND RETURN

Che dire … WRESTLE KINGDOM è tornato signori. Dopo anni difficili per la compagnia dove un calo con conseguente aggiustamento alla situazione posso dire con tutta tranquillità che qualche giorno fa che ho rivisto quella scintilla della vecchia NJPW pre-pandemia tornare ad accendersi. Wrestle Kingdom ha già subito impostato un livello molto alto per la competizione, andiamo a vedere perché tra tante luci e qualche ombra.

CATCH 2/2 (Francesco Akira & TJP) VS LIYOH (Lio Rush & YOH) 6,5

Wrestle Kingdom ha avuto sempre l’abitudine di iniziare con un opener veloce e dinamico. Gli Young Bucks hanno fatto scuola in quel campo, in questo caso il match è sicuramente piacevole e conferma l’ottimo lavoro della coppia dello United Empire e del nostro Francesco nazionale primo italiano ad essersi esibito al Dome.

KAIRI VS TAM NAKANO 5,5

Lasciatemi spiegare. Il voto è una media tra diversi fattori. Primo fra tutti la tempistica: 5 minuti e 56 di match, è una presa in giro? E’ così che Bushiroad vuole rappresentare il wrestling femminile in Giappone. In così poco tempo Kairi e Tam hanno fatto il possibile, ma possono e hanno le capacità di fare molto di più non sfigurando anche in 15 o 20 minuti di match.

La non-sorpresa del debutto di Mercedes Moné a.k.a Sasha Banks sicuramente ha un valore storico importante ed è un grosso banco di prova per la Banks che esce dalla sua zona di comfort. L’interesse per il suo impiego, che credo sia limitato comunque a show sul suolo americano, e al match con Kairi già ufficializzato è altissimo. Speriamo che il minutaggio stavolta sia degno per il match e il valore delle atlete in gioco.

Possiamo star qui ore a discutere su simpatie più o meno marcate per Mercedes Varnado e per certi suoi atteggiamenti poco professionali, in pochi avrebbero avuto il suo coraggio di dare una svolta così netta alla sua carriera andando volutamente a mettersi così tanto in difficoltà con un pubblico di gran lunga diverso da quello americano e con uno stile di lotta che ha potuto praticare solo e al massimo in sessione di allenamento.

Esigere alti pagamenti, perché lei in prima persona sta scommettendo su sé stessa è legittimo (Bank on Moné), dimostrarlo è il secondo passo. Ciò che non dovrebbe ormai dimostrare è un’evidente passione per il wrestling, visto non solo come un lavoro.

FTR (Dax & Cash Weeler) VS BISHAMON (Hirooki Goto & Yoshi Hashi) 7

E’ un 7 che per comuni mortali sarebbe 6. Dico comuni mortali perché nel 2022 gli FTR hanno lottato ad un livello talmente alto che, per loro, fare un match da 7 diventa quasi una banalità. Soddisfazione per i due per aver aggiunto una performance al Tokyo Dome, tanta attesa sul loro futuro. Come saprete questo era l’ultimo set di cinture che i due hanno perso e i rumors sul “what they are going to do next” si sprecano.

Una parola va spesa per il Bishamon. Molto spesso Goto e Yoshi Hashi sono stati messi in ombra, specie Goto “colpevole” di aver perso da anni il treno che conta per occupare zone più alte della card. I due sembrano aver trovato una nuova giovinezza con questo team e diverse soddisfazioni.

ZACK SABRE VS REN NARITA 7,5

I due hanno inaugurato alla grande il concept del World Television Title. Poco spazio per tergiversare e subito all’offensiva perché il time limit è imposto ai 15 minuti. Zack fa sempre un ottimo lavoro nell’adattarsi allo stile dell’avversario prima e poi demolirlo pezzo per pezzo per poi piazzare la sottomissione decisiva. Giustissima vittoria per ZSJ che conquista il suo primo titolo singolo da quando è in Giappone mentre Narita ha davanti a sé un grande futuro.

KEIJI MUTOH, HIROSHI TANAHASHI & SHOTA UMINO VS LOS INGOBERNABLES DE JAPON (Naito, Sanada & Bushi) 6

E’ un 6 simbolico. Non ci dovrebbe essere neanche un voto perché giudicare un “ultimo match” come nel caso di Mutoh è sempre ingeneroso per il calibro della leggenda coinvolta. Mutoh ha la sua passerella come è giusto che sia, stupendo come sia Umino, il giovane, a prendersi il pin decisivo dopo il “lasciapassare” dei due veterani. Class act da parte di Mutoh e dell’Ace e grande endorsement per un altro giovane dalle grandi prospettive.

TAMA TONGA VS KARL ANDERSON 6,5

Gran parte del voto se lo prende la storia personale del match. Entrambi sono stati colonne portanti del Bullet Club, Tama ha iniziato ad usare la finisher di Karl da quando ha lasciato la compagnia ufficialmente, Karl è rimasto alle sue radici mentre Tama si è reinventato come face. Si vedeva che il Machine Gun era limitato probabilmente dal suo status di superstar WWE che non gli permetteva di esagerare nel match così ha optato per combattere nel modo più viscido possibile in pieno stile BC.

Tama si trova dall’altra parte della barricata e, da puro face, risale la china fino alla Gun Stun finale che gli consente di riprendersi il NEVER Openweight Title e di riportarlo stabilmente nella compagnia.

HIROMU TAKAHASHI VS TAIJI ISHIMORI VS MASTER WATO VS EL DESPERADO 8

Questi 4 hanno davvero portato sulle loro spalle la divisione negli ultimi mesi sapendo offrire una rivalità che è saputa andare anche fuori da canoni classici. Il match ha raccontato perfettamente “il caos” di trovarsi in 4 sul ring, tra alleanze, finte alleanze, cambi di fronte, falsi finali e momenti in cui ognuno ha potuto mostrare il meglio di sé. La spunta Takahashi, usato sicuro che non guasta mai.

Ormai la Ticking Time Bomb pare pronta al salto di categoria, i junior iniziano a stargli stretti, è vero che quando Ospreay era nella stessa situazione lui era pronto a raccoglierne l’eredità, al momento forse quello che manca è quel qualcuno con le spalle larghe abbastanza per detronizzare il membro degli LIJ.

KENNY OMEGA VS WILL OSPREAY 9,5

Il 10 non sfigurerebbe per nulla, me lo tengo per un rematch perché ci deve essere un rematch. Cosa dire, è un incontro che ha tutto, un Kenny tirato a lucido come mai prima d’ora ed in versione terminator con una violenza inusuale per uno come lui. (evocativa l’entrata di Kenny vestito e sulla musica di Sephiroth iconico personaggio di Final Fantasy su cui Kenny ha nominato la propria finisher).

Ospreay non è da meno, rispolvera la sua versione “assassin” e entra su “Elevated”, proprio a voler sottolineare l’importanza che il pubblico e la mancanza di pubblico ha avuto per la sua crescita. (rising up to the sound of your name in the crowd … make your way in the crowd and make them proud). Le citazioni si sprecano già prima dell’inizio match e nel match dove i due ricreano alcune sequenze dei loro grandi classici avuti in Giappone. Assurda la Croyt’s Wrath di Kenny dalla terza corda.

Ad un certo punto il match diventa un vero massacro dove Ospreay a malapena sembra realizzare dove si trovi e piuttosto che farsi sconfiggere onorevolmente, preferisce l’ultimo atto da ribelle sputando a Kenny prima di subire la One Winged Angel. Ora la NJPW, per i suoi main eventer, ha un modo di bookare molto simile agli anime giapponesi. Un nemico imbattibile porta l’eroe a dover superare i propri limiti. La strada sembra chiaramente tracciata e non vedo l’ora del futuro rematch.

OKADA VS JAY WHITE 8,5

Quello che ammazza il match per quanto riguarda l’interesse è la prevedibilità. Nulla da dire né su Okada, né su Jay, due signori atleti che hanno messo su il solito bel match ma ci sono tanti grossi ma. Era difficile cavalcare l’onda del match precedente, lo show in generale era in tributo ad Inoki, quindi oltre alla ormai classica reticenza nel far vincere gajin nell’evento più importante dell’anno, Jay non aveva nessuna speranza di mantenere la cintura.

Peccato, perché lo ripeto, il match visto nella sua interezza è un gran bel match, il contesto in cui è stato messo in atto, ironicamente, lo penalizza enormemente.

In chiusura Wrestle Kingdom è un ottimo evento che vi consiglio di recuperare, con un già un candidato a match dell’anno e un corollario di match più che buoni a far da contorno. Una gran partenza per la compagnia che già ci stuzzica con l’inizio di una gran rivalità, quella tra Ospreay e Omega e l’arrivo di Mercedes Mone’ che sicuramente porterà diversi fan americani curiosi a seguirla. Le aspettative sono alte, speriamo che vengano rispettate.

Questo numero dell’Other Side termina qui. A voi Wrestle Kingdom è piaciuto? Da Captain Phenomenal 1 è tutto, appuntamento al prossimo numero. Ciao!

15,941FansLike
2,678FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati