TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
blank
blank
blank
 
blank blank
blank
 bulletblank28.2 The Other Side
blank
 bulletblank27.2 SUPER SHOWDOWN 2020 REPORT
blank
 bulletblank27.2 Bet on him - BET ON... ANGEL GARZA?
blank
 bulletblank27.2 Bet on him - BET ON... ANGEL GARZA?
blank
 bulletblank27.2 Pro Wrestling Culture
blank
 bulletblank27.2 AEW Dynamite Report
blank
 bulletblank27.2 Impact Wrestling Report
blank
blank
 
blank
blank blank blank
 






 
 
 

Critiche sulle luci rosse nei match di The Fiend


12/12/2019 12:07:16 by Daniele La Spina
 
[Indietro]

Bray Wyatt
Fin dal suo debutto con il nuovo personaggio di “The Fiend” Bray Wyatt è sempre stato accompagnato da particolari giochi di luci nelle sue apparizioni. Di recente, da Hell In A Cell in poi, anche i suoi incontri sono stati caratterizzati dalle luci, stavolta rosse e costanti.

In molti tra i fan si sono lamentati di come i match fossero difficili da vedere, sia da casa che dal vivo, per colpa delle luci rosse. Da più parti è arrivata la lamentela che la totale oscurità con le sole luci rosso scure sul ring rendano difficile seguire l’azione sul ring dal vivo e rovinino l’atmosfera (molti hanno citato l’incontro tra The Fiend e Finn Bálor che invece si è svolto con un’illuminazione normale). Anche da schermo la resa non è certo eccelsa, con diverse zone d’ombra e la visibilità che cambia a seconda degli stacchi di camera.

Tuttavia sembra che l’insofferenza verso questa scelta non sia limitata agli spettatori. Durante la puntata di Backstage della scorsa settimana in cui è stato ospite, Seth Rollins ha ammesso che nemmeno lui apprezza le luci rosse: «Prima di tutto sei immerso nel rosso scuro. La gabbia era anch’essa rossa e tu eri costretto a provare a navigare a vista fino alla cella. È stato un disastro. Era davvero difficile farci i conti, specialmente quando non sai cosa sta per succedere. Parlo per me nel dire che non ne sono un fan. Personalmente sento anche che inficia la mia performance».

Oltre a Rollins, le critiche sono arrivate da Bray Wyatt stesso. Stando a Dave Meltzer anche lui non apprezza particolarmente l’impiego delle luci rosse dal momento che, come detto dal collega, è una cosa che limita la visibilità, specialmente appena oltre il ring, e di conseguenza ha un effetto negativo sulla performance e sulla chiarezza delle comunicazioni tra gli attori. Nell’ultima puntata del suo podcast “After the Bell”, anche Corey Graves si è scagliato più o meno apertamente contro, definendole: «quelle dannate luci rosse»; sorprendente ma eloquente, dal momento che arriva da una voce che raramente va contro le scelte della compagnia.

Ad oggi, tuttavia, non ci sono indicazioni che la WWE abbandonerà questa scelta durante gli incontri di The Fiend e non è chiaro nemmeno se a TLC, nel match contro The Miz, le luci saranno impiegate o se saranno un’esclusiva del Bray Wyatt in versione demoniaca.