Voci smorzano una possibile vendita della WWE

La WWE ha effettuato tre diversi tagli al roster negli ultimi mesi, oltre a licenziare dozzine di impiegati nell’ambito di un’importante ristrutturazione aziendale.

I tagli al budget hanno alimentato le voci su una possibile vendita della società. Poche ore fa, tuttavia, sono emerse anche indiscrezioni in senso opposto, che tenderebbero a smorzare questa eventualità

In particolare, Brandon Thurston di Wrestlenomics afferma di aver parlato con diversi investitori in merito alle voci di vendita della WWE e nessuno di loro crede che una transazione del genere sia in programma. Ecco il suo tweet:

Ho parlato con 5 persone nella comunità degli investitori della WWE, nelle ultime 24 ore, dell’idea che le recenti operazioni dell’azienda indichino che si stanno preparando per una vendita. Nessuno di loro la pensava così. Anche il prezzo delle azioni non indicherebbe questo

Le sue considerazioni sulle scarse probabilità di una vendita

Lo stesso Brandon Thurston ha pubblicato nel corso della scorsa settimana una serie di Tweet, contenenti le sue motivazioni per ritenere poco fondato lo scenario di una WWE in vendita:

Il presagio che la WWE si stia preparando a vendere è roba da cinico fatalismo dei fan di wrestling. La nuova leadership è arrivata ad agosto ed è ancora al primo anno. Sarei scioccato se la WWE vendesse durante la vita di Vince.

1) Nick Khan ha indicato a Cowherd che Vince non ha intenzione di vendere.

2) Non riesco a immaginare che Vince faccia altro. Licenziamenti e ristrutturazioni probabilmente hanno più a che fare con Nick Khan e Kristina Salen che criticano e rimodellano ciò che George Barrios e Michelle Wilson hanno lasciato alle spalle. Peraltro sono tagli che la WWE ha fatto ciclicamente ogni x anni.

3) La WWE aveva oltre 300 wrestler sotto contratto nel 2020; molto più del necessario, praticamente per nessun motivo se non quello di sottrarli alla concorrenza. Ciò probabilmente ha contribuito a dare una leva agli atleti nelle trattative salariali. La nuova leadership potrebbe non vedere questo approccio come conveniente.

4) Se hai seguito la carriera di Vince, è un maniaco del controllo in tutto e per tutto. Questa tendenza è aumentata con il tempo. Tendo a credere che il controllo non abbia prezzo per lui. Quando se ne sarà andato, sicuramente la WWE potrebbe vendere e NBCUniversal è il corteggiatore più ovvio e davvero l’unico che abbia senso.

5) I Wrestler potrebbero anche capire quale sia la razione per la quale loro o i loro amici sono stati licenziati. Solo 78 su 300 di loro hanno lottato nei programmi TV / WWE Network nell’ultima settimana, compresi quelli che erano solo a bordo ring o sono apparsi senza lottare
Anche tenendo conto di quanti siano solo in fase di sviluppo o infortunati, questo rapporto non ha senso. La strategia costruita per difendersi dall’AEW è costosa, inefficace e in qualche modo viene in questo modo annullata.

Redazione Tuttowrestling
La redazione di Tuttowrestling ha ospitato in oltre venti anni di storia tutte le principali firme italiane del settore
15,944FansLike
2,611FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati