Tim Wiese – Dal wrestling di nuovo al calcio

TIM WIESE: DAL CALCIO AL WRESTLING … E DI NUOVO AL CALCIO

“Giocare a calcio è come andare in bicicletta. Sono già pronto per un ritorno in Bundesliga”. È con queste parole che Tim Wiese, portiere tedesco, wrestler e di nuovo calciatore ha festeggiato il suo ritorno nel mondo del calcio. Un ritorno inaspettato nelle serie minori tedesche, più precisamente nel Dillingen, squadra che milita in ottava divisione, dopo una carriera in Bundesliga e quattro anni passati da protagonista sui ring della WWE. “Ora ho le cosce muscolose – ha commentato un Wiese visibilmente emozionato dopo il nuovo esordio tra i pali – così posso saltare ancora più in alto”.

Oggi Wiese ha 35 anni e pesa 120 chili, retaggio del quadriennio passato sul quadrato. Un fisico imponente che non gli ha impedito di essere il migliore in campo nel giorno del suo rientro nel calcio, culminato con la sconfitta per 2 a 1 nel derby contro il Haunsheim. Sugli spalti erano presenti circa duemila tifosi, un numero notevole per le serie minori, la maggior parte dei quali arrivati al campo del Dillingen perché incuriositi da Wiese. Un Wiese che a fine partita è sembrato felice ai microfoni dei media locali, pur rimpiangendo di aver abbandonato il mondo del pallone. A maggior ragione ora che l'Hoffenheim, l'ultima squadra professionistica in cui ha militato, sta disputando una stagione da record. È terza in Bundesliga e per il bookmaker BetStars ha ottime possibilità di qualificarsi per la prossima edizione della Champions League. L'ex squadra di Wiese è ormai certa di piazzarsi almeno al quarto posto, che le darebbe accesso ai turni preliminari di qualificazione. Con il terzo posto – Borussia Dortmund permettendo – avrà invece accesso diretto alla maggiore competizione europea.

Le ottime prospettive dell'Hoffenheim previste dai bookmaker potrebbero aumentare ancora di più i rimpianti di Wiese, portiere che nel corso di una carriera di buon livello è riuscito a vestire per sei volte anche la maglia della nazionale tedesca, partecipando al Mondiale del 2010 e all'Europeo del 2012. In dodici anni di calcio professionistico l'ex wrestler, dopo essersi formato nelle giovanili del Bayer Leverkusen e aver esordito nel Fortuna Colonia, ha vestito le maglie del Kaiserslautern, ha ottenuto i migliori risultati con il Werder Brema per poi passare nell'Hoffenheim collezionando 300 presenze, molte delle quali da titolare.

La carriera nel wrestling inizia dopo il ritiro datato 2014, anno in cui Wiese decise di lasciare il rettangolo verde per dedicarsi al body building. Un passaggio quasi naturale quello nel mondo della lotta libera, infatti il portiere ha sempre giocato nel suo ruolo facendo acrobazie e uscite durissime sugli avversari. Un suo intervento sull'attaccante Ivica Olic durante un Amburgo – Werder Brema – un calcio volante ad altezza spalla davvero impressionante – ha fatto capire a tutti che era un wrestler ancor prima di salire sul ring.

Nel novembre dello stesso anno arriva anche la prima apparizione ufficiale sul ring, in una tappa della WWE di Francoforte. Due anni dopo inizia la collaborazione con la federazione USA di wrestling che lo invita a un camp di allenamento a Orlando prima di farlo partecipare ad un evento ufficiale nella capitale bavarese. Nome di battaglia: “The Machine”. Tra i suoi migliori risultati nel mondo della lotta libera c'è la vittoria nel tag team event in coppia con le stelle WWE Cesaro e Sheamus su Bo Dallas e i The Shining Stars.

Oggi Wiese sembra un atleta appagato e felice della sua carriera. Una gioia ben documentata sui profili social in cui compare orgoglioso di indossare ancora una volta quella maglia rosa shocking che lo ha accompagnato in tutti i momenti più importanti passati a difendere i pali. Ma Wiese non si vuole fermare, ha dichiarato infatti la voglia di tornare nel minor tempo possibile in quella Bundesliga abbandonata qualche anno fa. Forse 35 anni sono troppi anche per un portiere, ma attenzione a sottovalutare “The Machine”.

Carlo Di Bella
Direttore e Proprietario di Tuttowrestling.com, è stato anche uno dei primissimi staffer del sito, nel lontano 1999 ad appena 15 anni! E' riuscito nell'impresa di mostrare il nostro logo durante la Royal Rumble del 2001.
15,652FansLike
2,632FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati