The Mack parla di Lucha Underground, Stunner e altro

La star di Lucha Underground Willie Mack, conosciuto anche con il solo nome di The Mack, è stato intervistato da Ring Rust Radio.
Di seguito parte della sua intervista.

Perchè ha firmato per Lucha Underground:
“Ho sentito parlare di Lucha Underground mentre mi stavo allenando per un provino con la WWE. Un giorno venni chiamato dalla Florida (ndr sede di NXT) e decisi di vedere com'era l'ambiente.
Purtroppo non andò bene come esperienza, ma poi Lucha mi allungò una mano e dissi “che cos'ho da perdere?” Ora sono tornato nella mia città ed è stata la decisione migliore che abbia mai fatto. E' divertente essere lì.”

Su cosa rende unico Lucha Underground:
“La cosa di Lucha Underground che tutti amano è l'essere un prodotto adatto a tutti. Alcune persone non sono fan di wrestling ma possono comunque entrare in sintonia con il nostro show grazie alle storie e a tutto il resto. Durante lo show inizieranno a guardare qualche match, e alcuni potrebbero diventare dei fan senza che questa fosse la loro intenzione iniziale.
Per quanto riguarda lo stile di wrestling io mi ero già allenato nella lucha libre quindi ero già abituato. Avevo anche lottato in televisione quindi non era niente di nuovo per me il lottare davanti alle telecamere.”

Su come si è inserito nella storyline che lo vede coinvolto con Sexy Star, Marty “The “Moth” Martinez e Mariposa:
“E' venuta fuori dal nulla. Sexy Star è stata segregata in una cantina da qualche parte e mi sono imbattuto in lei mentre fuggiva. Mi ha mostrato la sua preoccupazione come chiunque avrebbe fatto in quella situazione.
La maggior parte delle persone nel vedere una falena e un pazzo scapperebbe dall'altra parte senza aiutare Sexy Star. Ma il mio personaggio vuole cercare di aiutare tutti, è ciò che ritiene giusto.”

Se ha parlato con Steve Austin riguardo l'uso della Stunner:
“Sinceramente penso che a lui non gli importi. Molti fan mi accusano di aver rubato la mossa a Stone Cold ma quando qualcuno esegue un dropkick perchè non dicono che quella è una manovra di Mr. Perfect?
Vorrei incontrare un giorno Steve Austine e parlarne, per quanto ne so non ha alcun problema.
Sono cresciuto guardando Steve Austin e quando qualcuno vede eseguita una Stunner la riconosce subito e salta dalla sedia.
Sto provando a portarmela dietro e finora sta funzionando”

Sull'hardcore wrestling
“Sento parlare di come fosse il wrestling nel passato con tutti quegli spot folli.
C'era Dusty Rhodes insanguinato anche in match normali e Terry Funk faceva cose che tutt'oggi nessuno di sognerebbe di fare.
Penso che stiamo tornando a quel periodo, con un po' di fuoco in più e a me piace.
Sono nato in California e sono cresciuto guardato la XPW, quindi conosco certi tipi di wrestling.”

Davide Procopio
Fan di wrestling ma niente di serio (cit.) Laureato in sociologia dei processi culturali spera un giorno di poter scrivere della sociologia del wrestling. Nel tempo libero... non ne ha
15,047FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati