Randy Orton: “al mio corpo iniziano a pesare le tante RKO”

Il 2022 segnerà il 20° anniversario del primo match di Randy Orton in WWE. Da quel debutto due decenni fa, Orton ha collezionato oltre una dozzina di titoli del mondo, due vittorie della Royal Rumble e ha partecipato al main event un paio di edizioni di WrestleMania.

Orton è anche uno degli atleti più “integri” della Federazione, visto che raramente ha perso molto tempo a causa di un infortunio. Nonostante questo, lo stesso Orton ha dichiarato come sia ormai inevitabile che il suo corpo cominci a sentire il peso delle numerose RKO effettuate in carriera.

“Vorrei una mossa meno dolorosa per la schiena”

Salto più in alto che posso, afferro il collo del mio avversario e scendo a schiantarsi sul tappeto. Lo faccio da molto tempo e vorrei poter tornare indietro nel tempo e creare una mossa finale che non mi obblighi di saltare più in alto che posso e di atterrare sulla schiena “, ha detto Orton a FOX2. “Dopo averlo fatto un paio di migliaia di volte negli ultimi decenni, sto iniziando a sentirlo”.

L’Apex Predator ha rivelato che il mantenimento della sua salute e l’attenzione ai precedenti infortuni sia un elemento che lo condizioni anche nel suo modo di allenarsi.

Non sto sollevando molti pesi pesanti o altro. Si tratta di ricordarmi cosa ho passato. Si tratta di tenere traccia di tutti gli altri infortuni passati, sui quali sto sempre lavorando. Le Superstar della WWE sono tutte sbattute, contuse e affrontano di continuo i loro infortuni“, ha detto Orton. “Penso che sia uno dei motivi per cui siamo così orgogliosi di ciò che facciamo. È decisamente molto difficile e penso che a volte i nostri artisti lo facciano sembrare molto facile“.

Come uno dei rari artisti di terza generazione della WWE, Randy Orton ha aggiunto di aver sentito l’eredità di wrestling della sua famiglia nel corso della sua carriera. Il Viper ha scherzato sul fatto che un giorno potrebbe esserci un Orton di quarta generazione in un ring

“Io sono BENEDETTO. Ho 41 anni. Lo faccio da 20 anni. Cresciuto a St. Louis, che è storicamente una città di wrestling, essendo parte della famiglia Orton, c’è un’eredità da portare avanti”, ha detto Orton. “E ora ho il controllo di quell’eredità. Guardo ai miei cinque figli e al loro futuro e sai, chi lo sa? Potrebbero esserci alcuni piccoli Orton sul ring, sai, superstar di quarta generazione in futuro. Chissà!

Andrea De Angelis
Appassionato di Wrestling da diversi anni, tra i suoi preferiti Undertaker, The Rock e Kurt Angle. Cura la sezione notizie del sito
15,941FansLike
2,635FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati