R-Truth cercò di far ridere Brock Lesnar per scommessa

R-Truth, recentemente intervistato da Alex McCarthy di TalkSPORT, ha rivelato un curioso retroscena su un segmento andato in onda all’inizio di quest’anno.

Ricorderete, durante la build up della Royal Rumble, il siparietto molto divertente intercorso tra R-Truth e Brock Lesnar (con Paul Heyman) durante una puntata di Raw. Ebbene, Truth ha detto che tale segmento non era stato concepito così divertente. A renderlo tale fu la reazione spontanea e genuina di Lesnar alle battute del compagno di scena. R-Truth ha allora rivelato che fu sfidato a farlo da qualcuno nel backstage. Nella fattispecie, quel qualcuno fu proprio Paul Heyman.

La sfida di Paul Heyman

«Ricordo che Paul Heyman mi chiamò nella Gorilla [Position], e mancavano ancora venti minuti prima che toccasse a noi – ricorda Truth – Non avevo un promo da fare, quantomeno non mi dissero nulla riguardo e io mi chiedevo cosa avrei dovuto dire una volta fuori. Paul allora mi disse: “Bene, abbiamo fatto una scommessa [con gli altri nel backstage]. Non vogliamo che Brock sappia cosa dirai. Vogliamo solo che tu lo faccia ridere”. Io risposi: “Eh?”».

Prosegue R-Truth: «Heyman mi disse: “Truth, tu sei un ragazzo molto divertente. Credo che tu ce la possa fare, ma gli altri pensano di no. Quindi, provagli il contrario”. Una volta che Brock ci raggiunse nella Gorilla, io pensai: “Maledizione, credo proprio che dovrei avvisarlo su quello che dirò lì fuori”. Mi capite? Quello è Brock Lesnar! Dovremmo dirgli cosa stiamo per fare con lui. Non voglio che sia sorpreso, da niente proprio. Paul mi rassicurò: “Questo segmento sarà grandioso”».

«Ricordo quando eravamo tutti sul ring – continua il fu Ron Killings – continuavo a ripetere le cose, ancora e ancora, nella mia testa. E poi cominciai a tirarle fuori. Vidi quando Brock mi fissò – come avesse l’aria da: “Ma di che cosa diavolo sta parlando, questo?”. Perché in quel momento stavo anche balbettando! Sapevo che in quel momento lo avevo in pugno. Cercai di fare tutto ciò che era in mio potere per non mettermi a ridere io stesso quando vidi Brock che stava scoppiando a sua volta, guardando anche l’espressione facciale di Paul Heyman di fianco a lui. La magia era entrata in circolo, amico».

I complimenti di Lesnar

Una volta rientrati nel backstage, proprio Lesnar si complimentò con R-Truth. «Dopo che il segmento terminò – racconta ancora Truth – ci ritroviamo nel backstage e Brock stava ridendo. E poi mi disse: “Fratello, dobbiamo fare qualcosa insieme. C’è qualcosa di bello che potremmo fare. Non so cosa sia, ancora, ma c’è sicuramente qualcosa di buono che potremmo fare”. Tutto questo segmento non ebbe seguito, ma potremmo sempre ritirarlo fuori. Quello fu sicuramente uno dei momenti più alti della mia carriera… Brock Lesnar che ti dice: “Dovremmo fare qualcosa insieme” fu sicuramente molto apprezzato. Fu importante per me, per il mio ego e per il tempo che ho dedicato al nostro business. Brock ha reso speciale tutto questo».

Di seguito, vi proponiamo il segmento in questione.

Marco Ghironi
Rimasi estasiato quando, da bambino, girai per caso canale e mi imbattei in questo tizio con la maschera strana che sconfiggeva un energumeno esageratamente più grosso di lui. Almeno 15 anni più tardi, cerco settimanalmente di seguire anche lo show secondario di una qualsiasi federazione di wrestling polacca. Nel mentre, condivido pensieri, opinioni e notizie qui su Tuttowrestling, fondendo le mie anime di giornalista e fan sfegatato.
15,042FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati