Nuovi progetti di demolizione del Madison Square Garden

Il Buffalo Chronicle ha riferito questa settimana che la governatrice dello stato di New York Kathy Hochul stia definendo i preparativi per il progetto di “trasferire” il Madison Square Garden. Non c’è bisogno di ricordare come il Garden sia l’arena più famosa del mondo: per il pugilato, per gli eventi mondani, ma anche per il mondo del wrestling e la WWE.

L’articolo del Chronicle afferma che l’MSG si sposterebbe dalla sua posizione storica, ovvero il numero 4 di Pennsylvania Avenue, tra la 33a strada e la 7a Avenue, al Dewitt Clinton Park, ovvero sulla 11a Avenue tra la 52a e la 54a strada. Di fatto il Garden resterebbe nell’area di Manhattan, ma spostandosi a circa 2,75 Km di distanza rispetto alla location attuale.

“La nuova arena dovrebbe essere un luogo super moderno e super confortevole in un angolo di Manhattan che è situato in una posizione molto centrale, ma non sembra così ipercongestionato come la posizione della 33a strada”. Queste le parole di un funzionario rimasto anonimo raccolte dal Chronicle. “Si prevede che il costo di costruzione della nuova arena costerà ai contribuenti dello Stato di New York 800 milioni di dollari, che è anche il costo stimato per acquisire la proprietà del suolo”.

Il piano prevede la demolizione dell’attuale Madison Square Garden e la sua trasformazione in un parco pubblico sopra la Penn Station, uno degli snodi ferroviari più trafficati di Manhattan. Il Clinton Park ricopre un’area molto simile a quella dell’attuale Garden, ed anche questo avrebbe influenzato la scelta. Secondo l’articolo, la famiglia Dolan, che possiede e gestisce il Garden, sarebbe d’accordo con la proposta.

Un progetto discusso da tempo

L’idea di uno spostamento del Madison Square Garden non è certamente nuova; se ne parla già dal lontano 2013, tuttavia il discorso sembrava definitivamente arenatosi nel 2021. Precisamente da quando il presidente ad interim dell’MTA (l’Autorità Metropolitana dei Trasporti di New York) Janno Lieber ha dichiarato che il Madison Square Garden non sarebbe stato trasferito; questo poiché i negoziati per spostare la struttura leggendaria, trovarle una nuova casa e la logistica coinvolta comporterebbero ritardi che impedirebbero di rinnovare anche l’adiacente Penn Station, che è uno snodo importantissimo del traffico ferroviario della città.

All’epoca, Lieber dichiarò che ci sono semplicemente troppe “variabili” coinvolte, chiedendosi “Dove si sposterebbe il Madison Square Garden? Come sarebbe finanziato?” A quanto pare, la governatrici Hochul sarebbe convinta di aver trovato le risposte a queste domande.

C’è tuttavia comunque da aggiungere come la complessità del “trasloco”, gli enormi costi e perchè no anche il valore storico dell’attuale MSG potrebbero portare il progetto a non vedere la luce, come del resto è avvenuto in tutti questi anni.

Nel 2013, la città di New York ha rinnovato il permesso all’MSG di operare sopra la Penn Station solo per altri 15 anni. A quel tempo, c’erano forze all’interno della scena politica di New York che volevano vedere l’Arena trasferita da qualche altra parte a Manhattan in modo che la Penn Station potesse essere modernizzata e ricostruita senza lo stress di avere a che fare con l’arena più famosa del mondo semplicemente “sopra la testa”

A quel tempo, il Madison Square Garden stava cercando un permesso permanente per operare sopra la stazione, poiché aveva appena pagato milioni di dollari per un completo rinnovamento della leggendaria struttura, che ha richiesto diversi anni. I lavori di ristrutturazione del MSG non sono stati finanziati dalla città.

Il Madison Square Garden nella sua location attuale è letteralmente nel centro di Manhattan, a pochi passi da tutte le principali linee della metropolitana di New York; come detto, si trova subito sopra una delle più importanti stazioni ferroviarie della metropoli. Questa è la terza sede dell’Arena, essendo stata aperta nel febbraio 1968. La nuova sede proposta non è così comodamente raggiungibile con la metropolitana, con la fermata più vicina che è la 50a strada, a 15 minuti a piedi. Il piano prevede la costruzione di una potenziale metropolitana leggera per trasportare i fan nella nuova sede proposta.

Un’arena storica, unica al mondo

Il Garden ha ospitato più cambi di titolo storici ed eventi importanti della WWE di qualsiasi altro luogo. Dalle leggendarie serate con Bruno Sammartico a ben tre edizioni di Wrestlemania, la prima, la decima e la ventesima. Non mancano però eventi anche della Ring of Honor, la New Japan Pro Wrestling, la WCW, la AAA e molte altre ancor. Il prossimo evento della WWE al Garden sarà il 3 maggio, una tappa del Road to Wrestlemania Tour.

Andrea De Angelis
Appassionato di Wrestling da diversi anni, tra i suoi preferiti Undertaker, The Rock e Kurt Angle. Cura la sezione notizie del sito
15,941FansLike
2,625FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati