Muore una leggenda, muore Muhammad Ali

Muhammad Ali, è deceduto poche ore fa all'ospedale di Phoenix in Arizona dove era stato ricoverato a causa di alcuni problemi respiratori aggravati dal morbo di Parkinson di cui soffriva da oltre trent'anni.

Il portavoce dell'ex pugile aveva affermato che il ricovero era già programmato da tempo e che non c'erano eccessive preoccupazioni.
Nel 2015 Ali è stato ricoverato diverse volte per aver riportato delle infezioni.
Poche ore fa invece sono state rese pubbliche diverse notizie che vedevano Ali in fin di vita, da notare anche i tweet #PrayForMuhammadAli pubblicati fino a pochi minuti prima del decesso.
In base a quanto riferito da una fonte vicino la famiglia, è stata interpellata anche la moglie dell'ex pugile la quale ha confessato che i preparativi del funerale erano già in corso poco prima della morte.

L'ultima apparizione in pubblico dell'ex campione dei pesi massimi è avvenuta il 9 Aprile 2016 durante una raccolta fondi contro il Parkinson.

Come molti di voi lettori ricorderà, Ali fu l'arbitro speciale del Main Event di Wrestlemania 1 insieme a Pat Patterson.

Le condoglianze dell'intero staff di Tuttowrestling.com sono Interamente per la famiglia e gli amici più cari del campione della boxe, un campione immenso anche fuori dal ring, uomo determinato, una figura per lo sport ed un grande esempio oltre che esponente di motivazione e lealtà per tutti i giovani.

Rendo pubblica una sua famosa citazione attraverso la seguente news:
“Vola come una farfalla, pungi come un'ape.”

Grazie per averci insegnato molto con la tua vita, Riposa in Pace Cassius Marcellus Clay Jr.

Aldo Fiadone
Newser ed editorialista per Tuttowrestling.com dal 2015; Founder e conduttore del podcast Pro Wrestling Culture; Dal 1999 amante di Sting e le sue gesta.
15,041FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati