Mick Foley parla di titolo e salute

Il WWE Hall of Famer Mick Foley ha pubblicato un post su Facebook in cui ha ricordato la sua vittoria del titolo WWE ai danni di The Rock esattamente il 4 gennaio del 1997. Foley ha ricordato anche come questo avvenimento abbia portato alla fine della Monday Night War tra la WWE e la WCW, con 600.000 spettatori che cambiarono canale per assistare al suo insperato successo.

Nello stesso post, Foley ha anche detto quanto segue riguardo i suoi one man ahow e la sua salute:

“Passando a cose un po' più tristi, farò solo 10/12 dei mei spettacoli nel 2016, con l'ultima data dell'anno che sarà a marzo. Non so se ci saranno show nel 2017. Mi sono molto divertito a girare gli USA e anche alcune zone del mondo e a raccontare aneddoti sulla mia carriera nel wrestling nel corso degli ultimi anni, ma viaggiare è faticoso. Molti di voi hanno notato che ho avuto diversi problemi ad andare in giro negli ultimi anni, ed ho finalmente deciso di dare ascolto agli esperti che mi hanno consigliato di rallentare, e smettere di percorrere tante miglia in auto e aereo.”

Dario Rondanini
Grandissimo appassionato di wrestling che segue dal 2003, grazie a Tuttowrestling ha avuto la possibilità di vedere dal vivo diversi show WWE e non. Si occupa dei report di Impact Wrestling, ma dà una mano un po' ovunque, anche con editoriali, podcast e news.
14,801FansLike
2,614FollowersFollow

Ultime Notizie

Confermato il grave infortunio a Tegan Nox

La WWE ha confermato il grave infortunio subito da Tegan Nox al ginocchio. Un infortunio che porterà come minimo ad un lunghissimo stop

Per Edge il recupero è più lento del previsto

Edge ha parlato dei tempi di recupero del suo infortunio, sostenendo che gli stessi si stiano allungando più del previsto

La WWE sta pensando alla Royal Rumble in Arabia Saudita?

Secondo alcune voci, la WWE starebbe considerando di disputare la Royal Rumble 2021 in Arabia Saudita

La Retribution litiga via twitter con Eric Bischoff

Altro scambio di tweet al veleno per la Retribution, questa volta con Eric Bischoff

Articoli Correlati