Larry King Live Report (John Cena, Bret Hart, Chris Jericho)

Quello che segue è un riassunto di quanto accaduto nella più recente puntata del Larry King Live, talk show made in USA tra i più popolari, andato in onda nella serata di lunedì sulla CNN. Il riassunto è stato realizzato da Stefano Baghino, che ci ha cortesemente inviato il report di quanto è stato detto dagli atleti e dagli ospiti della trasmissione.

***
Ospiti della serata al Larry King Live sulla CNN sono stati il Campione WWE
John Cena e gli ex-lottatori di Stamford Chris Jericho, Bret Hart (in collegamento video da Calgary), Ted DiBiase e Steve Blackman. La kayfabe è stata infranta in più occasioni, lasciando spazio a sporadici sorrisi nel momento in cui è stato commentato il fatto che Jericho è stato “licenziato” a causa dell'ospite d'onore della serata, John Cena. Il campione WWE, dal canto suo, ha raramente preso la parola, riservando commenti distaccati su un argomento tanto scottante. Jericho, amico personale del Rabid Wolverine, ha ripetutamente affermato che un simile evento era l'ultima cosa che si aspettasse, ricevendo conferme da tutti gli ospiti riguardo l'elevata reputazione di cui Benoit godeva nel backstage per la sua professionalità e cortesia, affermando inoltre che aveva sicuramente un fortissimo legame con la famiglia, approfittando di ogni occasione utile per passare del tempo con loro, anche se per poche ore prima di dover ripartire per lo spettacolo successivo.
Molti commenti sono stati fatti riguardo l'utilizzo di steroidi nel mondo del wrestling e al legame di anabolizzanti e droghe con la tragedia della famiglia Benoit. Opinione comune degli ospiti, assieme ai lottatori che hanno rilasciato un commento registrato per la trasmissione (Hulk Hogan, Lex Luger, Konnan), è che i problemi legati agli steroidi sono comuni a tutti gli sport in quanto gli atleti spesso cercano scorciatoie per incrementare le loro prestazioni e che la tematica degli steroidi è sopravvalutata rispetto ad un'altro argomento scottante, ovvero quello dell'assunzione di medicinali e droghe ricreative. Gli ospiti della trasmissione hanno altresì invitato a non affrettare giudizi basati su semplici congetture, sostenuti anche dal procuratore distrettuale della contea di Fayette (dove si trova l'abitazione della famiglia Benoit, presso cui si è consumata la tragedia) e all'avvocato del Dr. Phil Astin (medico personale del Canadian Crippler, attualmente indagato per prescrizione illegale di medicinali), anch'essi in collegamento video col Larry King Live. E' stato più volte ribadito che non è stato provato alcun legame tra l'eventuale assunzione di steroidi da parte di Benoit ed un suo scatto d'ira che possa aver provocato l'assassinio della moglie e del figlio, ricordando che devono ancora essere forniti dati concreti riguardo i test tossicologici attualmente in fase di preparazione.
Un altro tema affrontato è stato l'ipotetica istituzione di un sistema di controllo psichiatrico nella WWE. L'intervento di maggior spicco a riguardo è stato fatto da Ted DiBiase, che ha dichiarato che essendo un atleta di seconda generazione ha sempre vissuto nel mondo del wrestling, imparando che quando una persona ne entra a far parte sa esattamente con cosa ha a che fare e quali sono i problemi a cui va incontro.
Si sono spesi inoltre alcuni istanti per parlare di un'altra tematica scottante del mondo del wrestling, ovverosia l'istituzione di un sindacato che miri alla protezione dei diritti e del benessere degli atleti. Blackman ha brevemente dichiarato che lo stipendio è basato sulle tue prestazioni, offrendo compensi decenti per lottatori di livello medio e grandi ricompense per chi rappresenta un pilastro della compagnia. Jericho ha approfondito la questione, rispondendo al dubbio di King in merito alla predeterminazione del wrestling, facendo presente che nonostante si tratti di intrattenimento esistono motivazioni serie se ti viene assegnato un titolo, ovverosia l'ipotetico presupposto che il tuo personaggio rappresenti un'attrattiva per il pubblico, offrendo il massimo potenziale d'intrattenimento per l'audience e di conseguenza il massimo ritorno economico per la compagnia. Cena si è
dichiarato scettico riguardo l'introduzione di un sindacato, adducendo il fatto che questo è un lavoro che ama e che spera che questo valga per tutti coloro coinvolti nel business. Hart sostiene invece una simile misura, proponendo l'esempio di un lottatore forzato al ritiro che, non avendo mai ricevuto alcun beneficio pensionistico, cade vittima di problemi che vanno ben oltre quelli economici; uno scenario che purtroppo con sfumature differenti si è più volte proposto nel corso degli anni, spesso con finali tragici.
***

Il programma è stato molto interessante e la WWE ha comunque preferito non far menzione di quanto accaduto. Particolare attenzione ha destato l'intervento di Chris Jericho, apparso in grandissima forma e anche molto disponibile a spiegare segreti e verità di un mondo spesso molto difficile da capire. L'intervento di John Cena, probabilmente su regia della WWE, è stato molto più distaccato e meno partecipativo di quello di Y2J, che pur condannando il tragico episodio finale ha tenuto a precisare che Chris Benoit rimane per lui e per altri lottatori un esempio dal punto di vista professionistico.

*Per contattare Stefano Baghino invia una mail a [email protected]*

Carlo Di Bella
Direttore e Proprietario di Tuttowrestling.com, è stato anche uno dei primissimi staffer del sito, nel lontano 1999 ad appena 15 anni! E' riuscito nell'impresa di mostrare il nostro logo durante la Royal Rumble del 2001.
15,042FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati