Lanny Poffo commenta la HOF WWE per Randy Savage

Durante un segmento di WWE Network Breaking News che sta andando attualmente in onda a rotazione il fratello di Randy Savage, la ex stella della WWF Lanny Poffo, è stato intervistato da Scott Stanford per un suo pensiero sull'introduzione di Savage nella Hall of Fame della WWE.

“Non ho pensieri”, ha detto Poffo. “Sono così entusiasta. Non c'è stato nulla intellettualmente. È stata tutta una questione emotiva. Sono contento per i fan. Hanno aspettato Bruno Sammartino così tanti anni e ora anche la loro attesa per Macho Man è stata premiata”.

Lanny ha anche affermato che vorrebbe che tutti sappiano quanto lui amasse il fratello e che lui stesso non sarebbe mai arrivato in WWE se non fosse stato per lui. Ha aggiunto che Savage non era mai soddisfatto di alcun aspetto delle proprie performance, che amava i fan e che voleva restituire alla gente il doppio di quanto questa avesse pagato. Poffo ha continuato dicendo che suo fratello voleva che i fan delle piccole città avessero lo stesso trattamento di quelli delle grandi città.

Poffo ha parlato molto di quanto significasse la famiglia per Randy e ha sottolineato che lui, sua madre e sua figlia sono tutti entusiasti e contenti. Poffo ha detto che è un gran giorno per i “Macho fan” e che i fan che non erano ancora nati quando Savage lottava ora possono vederlo grazie a WWE.com e al WWE Network e per questo “Randy non morirà mai”.

Poffo non ha menzionato la dichiarazione pubblica resa tempo fa in cui dichiarò che suo fratello Randy avrebbe voluto essere introdotto nella WWE Hall of Fame come membro della sua intera famiglia che, oltre a Lanny, comprende anche loro padre, Angelo Poffo, che lottò e promosse la compagnia ICW che permise a Randy di iniziare la sua carriera nel business.

Lorenzo Pierleonihttps://www.tuttowrestling.com/
Dicono che sia il vicedirettore di Tuttowrestling.com ma non ci crede tanto nemmeno lui, figuriamoci gli altri. Scrive da otto anni il 5 Star Frog Splash, per un totale di oltre 200 numeri. Cosa gli abbiano fatto di male gli utenti di TW per punirli così è ancora ignoto. A marzo 2020 si ritrova senza niente da fare, inizia un podcast e lo chiama The Whole Damn Show. Così, de botto, senza senso.
15,040FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati