La NJPW vuole spendere di più per ingaggiare nomi WWE

Il nuovo presidente della New Japan Pro Wrestling, Takaaki Kidani, è stato intervistato recentemente da Tokyo Sports, lasciando presagire che il 2018 sarà un anno molto interessante per la compagnia.

Qualche giorno fa la NJPW ha dichiarato che il numero di persone paganti al Tokyo Dome era di 34.995, con un pubblico totale di oltre 43.000 fan. Se i numeri fossero confermati si parlerebbe del pubblico maggiore in Giappone da oltre 15 anni. Kidani ha affermato che secondo le loro proiezioni questo numero avrebbe dovuto essere raggiunto nel 2020, cosa che li porterebbe a essere in anticipo sui programmi di due anni.

Kidani ha affermato che è importante per loro creare un seguito negli Stati Uniti e che non hanno una relazione burrascosa con la WWE, tuttavia sono disponibili a spendere più denaro per portare dei talenti WWE ai loro show. Questo sarà possibile finché alla WWE andrà bene che i propri talenti lavorino con la WWE. Sembra che Kisani voglia perseguire anche uno scambio di talenti con la WWE, simile a come già accade con la ROH. Il nome più immediato che viene in mente è quello di Daniel Bryan, il cui contratto con la compagnia di Stamford scade a settembre. Bryan ha già espresso dell'interesse nel lottare per compagnie come la CMLL e la NJPW.

Kidani ha inoltre affermato che la NJPW ha bisogno di più stelle giovani, in particolare di una stella di categoria Heavyweight che non abbia ancora compiuto 30 anni. Ha poi proseguito facendo notare come il New Japan fan club contasse appena 1.890 membri nel 2012 mentre ora ne possiede 12.000. Secondo quanto riportato da Dave Meltzer del Wrestling Observer, al 5 gennaio il servizio streaming NJPW World si avvale di 95.000 iscrizioni, di cui 25.000 guadagnate in due giorni per Wrestle Kingdom. Meltzer ha evidenziato come il numero sia considerato “un vero grande successo”. Il numero è ancora più impressionante se si pensa che normalmente in Giappone la gente non è abituata a pagare per dei servizi di streaming come invece accade per Netflix o il WWE Network negli altri paesi.

Lorenzo Pierleonihttps://www.tuttowrestling.com/
Dicono che sia il vicedirettore di Tuttowrestling.com ma non ci crede tanto nemmeno lui, figuriamoci gli altri. Scrive da otto anni il 5 Star Frog Splash, per un totale di oltre 200 numeri. Cosa gli abbiano fatto di male gli utenti di TW per punirli così è ancora ignoto. A marzo 2020 si ritrova senza niente da fare, inizia un podcast e lo chiama The Whole Damn Show. Così, de botto, senza senso.
15,040FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati