La AEW terrà i suoi show a Miami nel mese di febbraio

Dopo quasi un anno trascorso al Daily’s Place di Jacksonville, la AEW è in procinto di trasferirsi per un mese a Miami. Il tutto per dare una rinfrescata allo scenario, ma anche per permettere ai lottatori di esibirsi in un contesto climatico meno freddo di quello percepito nell’arena impianto aperto attualmente in uso.

Beach Break

Come riportano i colleghi di Bodyslam.net, la AEW terrà a Miami diverse puntate di Dynamite e di AEW Dark, oltre che il prossimo PPV Revolution. Una volta disputato quest’ultimo, secondo la testata americana, la compagnia tornerà a Jacksonville.

Come anticipato, le motivazioni di questo cambio sono molteplici. La prima è certamente quella climatica: il Daily’s Place, infatti, è una struttura aperta e molti atleti hanno cominciato a risentire del freddo percepito durante gli spettacoli. In secondo luogo, un cambio di location è ritenuto come una spinta per risollevare il morale dello spogliatoio e della crew, al termine di un anno difficile concluso in maniera ancora peggiore.

Tale spostamento era nella mente di Tony Khan da tempo e proprio nel mese di gennaio era in calendario un evento speciale chiamato “Beach Break” per segnare questo spostamento. Piani poi rimandati a febbraio perché lo scheduling della programmazione di Dynamite è slittato di una settimana a seguito della tragica scomparsa di Brodie Lee.

La tabella di marcia della AEW ora prevede la diretta della prima serata di New Year’s Smash questo mercoledì, mentre giovedì verrà registrata la seconda serata che andrà in onda la prossima settimana. Il 20 gennaio Dynamite andrà in diretta e verrà registrata il giorno successivo quella che andrà in palinsesto il 27 gennaio. Ciò permetterà alla compagnia di spostarsi a Miami in tempo per essere pronti a trasmettere nella nuova location a febbraio.

Come riporta anche Ringside News, la AEW tornerà al Daily’s Place verosimilmente a marzo dopo la disputa di Revolution (in programma il 27 febbraio), sottolineando l’affidabilità e il ruolo di punto d’appoggio che l’impianto di Jacksonville continua ad avere per la federazione di Tony Khan.

Marco Ghironi
Rimasi estasiato quando, da bambino, girai per caso canale e mi imbattei in questo tizio con la maschera strana che sconfiggeva un energumeno esageratamente più grosso di lui. Almeno 15 anni più tardi, cerco settimanalmente di seguire anche lo show secondario di una qualsiasi federazione di wrestling polacca. Nel mentre, condivido pensieri, opinioni e notizie qui su Tuttowrestling, fondendo le mie anime di giornalista e fan sfegatato.
14,971FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati