Ken Shamrock commenta la morte di Warrior

L'ex Superstar WWE Ken Shamrock ha commentato la scomparsa di Ultimate Warrior ai microfoni del Roman Show:

“Ogni volta che vieni a sapere di qualcuno che muore è sempre una cosa triste.” ha detto, “Bisogna capire che sono cose che succedono nella vita. Si augura conforto alla famiglia e agli amici. E' in un posto migliore, e le preghiere servono più per chi rimane.”

Shamrock ha anche ricordato la sua personale esperienza con Warrior in un house show:

“Il mio primo ricordo di lui è anche divertente. Ero nell'organizzazione di Gene Anderson e la WWF venne in città, portandomi con loro per tre house show. Lottai due match con Barry Horowitz e uno con Mega Man. I due con Barry furono buoni, quello con Mega Man fu un match orribile. Andai nello spogliatoio e mi dissero di non preoccuparmi, perchè quel ragazzo era all'inizio come me. Venne anche Warrior a lottare il suo incontro. Corse verso il ring, scosse le corde, vinse il match e tornando dietro le quinte si sedette immediatamente. Mentre stavo parlando, lui svenne. Io chiesi cosa fosse successo, e uno dei fratelli Anderson mi disse di non preoccuparmi e che probabilmente era svenuto perchè era stanco. Io pensai che fosse morto. Fu la prima volta che lo incontrai. Dopo quella volta, non parlò molto. Era buono con me, un uomo di poche parole, ma lo rispettavo molto.

Dario Rondanini
Grandissimo appassionato di wrestling che segue dal 2003, grazie a Tuttowrestling ha avuto la possibilità di vedere dal vivo diversi show WWE e non. Si occupa dei report di Impact Wrestling, ma dà una mano un po' ovunque, anche con editoriali, podcast e news.
15,941FansLike
2,610FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati