Impact Wrestling-Tapings del 13/06/13

Tutti i match disputati sono match di qualificazione per le Bound for Glory Series.

Joseph Park batte Crimson.

Magnus batte Matt Morgan, Rob Terry e Kenny King.

Velvet Sky ha un confronto verbale con Mickie James ed annuncia di avere avuto il via libera dai medici per tornare a lottare.

I Bad Influence battono James Storm & Gunner usando una delle cinture mentre l'arbitro è distratto.

Hulk Hogan annuncia il ritorno della Open Fight Night per la settimana successiva e annuncia un voto per decidere chi otterrà la possibilità di sfidare per primo nelle Bound for Glory Series tra Jeff Hardy e Bobby Roode, che vengono inseriti automaticamente nelle Series. Annuncia poi una Battle Royal tra tutti i componenti degli Aces & 8s, con il vincitore che otterrà un posto nelle Series.

Austin Aries batte Eric Young.

Sting va sul ring e dice che nessuno lo ha aiutato a Slammiversary. Per questo motivo, riporterà in scena una nuova versione della Main Event Mafia per aiutarlo ad eliminare gli Aces & 8s una volta per tutte.

Mr. Anderson vince la Aces & 8s Battle Royal. Tutti i membri della gang ad eccezione di D.O.C. si lanciano fuori dal ring volontariamente per dare a Anderson la vittoria.

AJ Styles batte Kurt Angle. Dopo il match gli Aces & 8s intervengono ad attaccare Angle. AJ lascia il ring senza fare il ring, ma arriva Rampage Jackson che con l'aiuto di una catena scaccia via gli Assi.

I partecipanti alle Bound for Glory Series, in ordine di qualificazione, sono dunque Jay Bradley, Hernandez, Samoa Joe, Joseph Park, Magnus, Christopher Daniels, Kazarian, Jeff Hardy, Bobby Roode, Austin Aries, Mr. Anderson ed AJ Styles.

Lorenzo Pierleonihttps://www.tuttowrestling.com/
Dicono che sia il vicedirettore di Tuttowrestling.com ma non ci crede tanto nemmeno lui, figuriamoci gli altri. Scrive da otto anni il 5 Star Frog Splash, per un totale di oltre 200 numeri. Cosa gli abbiano fatto di male gli utenti di TW per punirli così è ancora ignoto. A marzo 2020 si ritrova senza niente da fare, inizia un podcast e lo chiama The Whole Damn Show. Così, de botto, senza senso.
15,685FansLike
2,621FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati