Imminente il debutto nel main roster di Damian Priest

L’ex NXT North American Champion Damien Priest, come confermato da diverse fonti, è prossimo a fare il suo debutto nel main roster. Il suo esordio a Raw o SmackDown è descritto come imminente, tanto che avrebbe dovuto presenziare già venerdì scorso nello show blu.

A lasciare l’indiscrezione è stato WrestleVotes che, attraverso un tweet pubblicato ieri sera, ha riferito di essere venuto a conoscenza che ci sarebbe dovuto essere un debutto da NXT a SmackDown venerdì scorso. Ha specificato che questa persona avrebbe avuto un ruolo nel main event dello show con Kevin Owens, Roman Reigns e Jey Uso. Pur non facendo nomi ha voluto dare un indizio sull’identità di tale wrestler, affermando che avrebbe lottato ieri sera a NXT New Year’s Evil. Si è poi detto curioso di scoprire se i piani per questa persona siano stati solamente posticipati o cancellati.

Nelle ore successive Sean Ross Sapp di Fightful e Dave Meltzer del Wrestling Observer hanno rivelato l’identità dell’atleta, che si è scoperto essere Damian Priest. L’ex campione nordamericano ieri ha perso contro Karrion Kross e questa sconfitta, con ogni probabilità, dovrebbe essere stata la fine del suo percorso a NXT.

Quali erano i piani per lui a SmackDown?

Approfondendo la notizia nell’odierna puntata della Wrestling Observer Radio, Meltzer ha raccontato quali erano i piani della WWE per Priest.

La compagnia di Stamford aveva deciso nella giornata di giovedì 31 dicembre 2020 di far debuttare Damian Priest a SmackDown, poichè il roster dello show necessitava di maggiori babyface. L’idea era quella di farlo esordire presentandolo come il miglior amico di Kevin Owens. I due avrebbero poi dovuto affrontare in un tag team match Reigns e Jey Uso nel main event della puntata.

Owens, pur disposto a portare avanti questo segmento, ha espresso alcune perplessità al booking team. Secondo KO ciò non aveva senso perchè lui e Priest non avevano nulla in comune per spiegare, in storyline, la loro amicizia. Tale pensiero è stato condiviso anche da Roman Reigns e ciò ha poi portato la WWE a cancellare questi piani. In ogni caso Damian Priest venerdì era presente al Tropicana Field e pronto a debuttare.

Nonostante ciò, la sua chiamata nel main roster non è in discussione e rimane solo da vedere se il trentottenne si aggregherà al roster di SmackDown o a quello di Raw.

Meltzer, durante la Wrestling Observer Radio, ha anche svelato un’interessante retroscena sula decisione di far esordire Priest in uno dei due show principali.

Stando alle parole del giornalista, la scelta della WWE è stata una sorpresa per molti addetti ai lavori in quanto, secondo una regola non scritta, le superstar di NXT non dovrebbero essere chiamate nel main roster senza alcuni mesi di pianificazione. Questo accordo tra le parti non è stato però rispettato per Damien Priest poichè il suo debutto era stato deciso solo una settimana fa.

Priest, dopo aver lasciato la ROH, aveva firmato un contratto con la WWE nell’ottobre del 2018, debuttando a NXT in estate. Ha vinto l’NXT North American title lo scorso agosto a NXT TakeOver:XXX, perdendolo dopo due mesi contro Johnny Gargano.

Previsto anche un altro debutto a breve

L’ex Punishment Martinez non dovrebbe essere il solo ad approdare nei prossimi giorni nel main roster.

Il giornalista di PWInsider Mike Johnson ha informato nel pomeriggio che quella di ieri, a meno di cambi di piani, dovrebbe essere stata l’ultima apparizione a NXT anche per Rhea Ripley. L’ex campionessa femminile ha perso il Last Women Standing match contro Raquel Gonzalez ed è pronta al passaggio definitivo a Raw o SmackDown dopo la faida avuta con Charlotte Flair lo scorso anno, contro la quale perse l’NXT Women’s Championship a WrestleMania 36.

Stefano Tateo
Classe 1997, ho iniziato a scrivere per Tuttowrestling nel maggio del 2017, ricoprendo da allora il ruolo di news reporter. Divido il mio tempo libero seguendo show di wrestling e vari sport, calcio e basket in primis.
14,981FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati