Hulk Hogan ci ricasca: messaggio no-vax complottista sui social

Hulk Hogan è due volte Hall of Famer della WWE e una leggenda nel wrestling professionistico, forse il più famoso di tutti i tempi. Al tempo stesso, tuttavia, i suoi ultimi anni sono stati caratterizzati da una serie di clamorosi crolli di immagine, dovuti a comportamenti e parole tutt’altro che felici.

Tutto è cominciato con il famoso sex-tape reso pubblico, all’interno del quale Hogan si è lasciato andare a commenti di natura razzista che gli sono valsi ferocissime critiche ed un sostanziale isolamento da quello che era il “suo” mondo del wrestling.

Non furono casuali, dunque, i numerosi fischi che Hulk Hogan ricevette a Wrestlemania 37, quando fu il presentatore dello show insieme a Titus O’Neil.

Questa volta le polemiche sono legate al Covid ed ai vaccini. In una discussione su Facebook, il comico Josh Pray ha pubblicato un video di se stesso sulla perdita dell’attore e comico Bob Saget. Una persona ha ipotizzato nella sezione commenti che la morte di Saget sia stata causata dall’aver fatto il vaccino:

Bene, possiamo fare molte ipotesi, ma sceglierò il vaccino per 500 dollari, Alex.

La frase fa un ironico riferimento al famoso quiz americano Jeopardy ed al suo presentatore Alex Trebek; per intendersi, si tratta del quiz che ha ispirato l’italianissimo Rischiatutto di Mike Bongiorno, dove un concorrente deve scegliere una domanda legata ad un indizio ed una somma in denaro.

Il commento di Hulk Hogan

Hulk Hogan ha risposto a questo commento, arrivando a ipotizzare come la recente morte di altri due personaggi dello spettacolo americani, ovvero Betty White (99 anni) e Sidney Poitier (94 anni) sia dovuta al vaccino, e che le autorità non permetteranno mai di conoscere la verità circa i possibili effetti letali del suddetto.

Al 100% Betty e Sidney erano stati vaccinati. Stanno cadendo come mosche, ma loro non ce lo diranno mai

Il commento è stato successivamente modificato, ma non abbastanza tempestivamente da impedire che in rete si diffondessero gli screenshot, come quello che vi abbiamo appena mostrato. Un qualcosa di ampiamente prevedibile, considerati gli oltre sette milioni di follower che Hogan ha su Facebook.

Già note le sue posizioni sul vaccino

Sebbene non a questi livelli, c’è comunque da dire che le posizioni di Hulk Hogan sul vaccino fossero già note da tempo. A dimostrarlo c’è un articolo dello scorso Aprile, quindi quando la campagna vaccinale era sostanzialmente agli inizi in tutto il mondo, comparso sul Tampa Bay Times. L’articolo riprese alcuni dei suoi messaggi che, anche in questo caso, furono scritti tramite i suoi account social ufficiali. Sostanzialmente Hogan arrivò a dichiarare come il mondo non avesse bisogno di un vaccino, quanto piuttosto di recuperare dei valori:

“Forse non abbiamo bisogno di un vaccino. Forse dobbiamo prendere questo tempo di isolamento dalle distrazioni del mondo e avere un risveglio personale in cui ci concentriamo sull’UNICA cosa al mondo che conta davvero. Gesù.”

Questo ulteriore “scivolone” certamente non aiuterà l’Hulkster a recuperare consenso, ed al contrario alimenterà le già feroci critiche contro di lui.

Giovanni Pantalone
Super appassionato di wresting dagli inizi degli anni 90, al punto da vedersi, tra WWE e Impact, una trentina di Pay Per View e show televisivi dal vivo in giro per il mondo. Si occupa da sempre di tutta la parte tecnica del sito, compresa la App e la gestione del Forum, ma non disegna sporadici editoriali e comparsate nei podcast.
15,941FansLike
2,625FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati