WWE HALL OF FAME 2020/2021 REPORT

Ora è invece il momento della classe del 2021, solito video con le leggende, e siamo già sullo stage con Kayla Braxton e Corey Graves che manda in onda il video di presentazione del primo introdotto: ROB VAN DAM

Rob dice che è stato un viaggio incredibile. Ben 30 anni fa stava per andare in nella USWA a Memphis. Ha guidato da Battle Creek fino a Tampa perché era una fucina perfetta per il wrestling professionistico. Ha in una Ford Mustang che è stata usata anche come appendiabiti, nessuna assicurazione e una targhetta di assicurazione rubata messa sulla targa. Ha detto che il motivo per cui è qui è solo grazie ai fan e alla risposta che i fan hanno avuto per lui. È a causa dei fan che voleva entrare nel wrestling perché era lui stesso un fan.

Rob ha poi parlato della notte in cui è morto il padre. Venti ore dopo aver ricevuto la notizia, aveva un match in programma a Chicago e aveva pensato di non disputarlo. Ha però scelto di non dire a nessuno quello che era successo e ha sfruttato l’energia positiva dei fan. Sentiva così tanto amore e eccitazione da parte di tutti che è riuscito ad andare avanti. Lo ha aiutato a uscire dal buco in cui si trovava. Lo scambio di energia con i fan è una strada a doppio senso. Era felicissimo di poter migliorare la vita delle persone solo grazie alla sua abilità nel wrestling. Tutti abbiamo delle cose che ci piacciono e che stimolano le nostre vibrazioni spirituali.

È un grande onore per lui essere nella Hall of Fame ed essere in contatto con le leggende che lo hanno influenzato nel corso della vita. Spera che quando la gente pensa alla sua storia e al suo viaggio, pensi all’individualità. Ogni passo del nostro cammino è fatto di scelte. C’erano persone che volevano cambiarlo, ma lui ha mantenuto la sua integrità.

Ha così tante persone da ringraziare. Ringrazia i suoi genitori per avergli permesso di seguire i suoi sogni anche se all’epoca sembrava folle finire il liceo, rifiutare una borsa di studio alla Michigan State University e combattere contro le probabilità. Ringrazia Kit Likens per essere stato il primo a metterlo sul ring e dirgli che aveva qualcosa di speciale. Poi ringrazia The Sheik per averlo addestrato nel business e per avergli fatto capire quando ascoltare qualcuno e adattarsi e quando invece ignorarlo. Una volta Sheik gli disse: “Non ascoltare nessun altro, non sanno di cosa stanno parlando.”

Infine ringrazia tutti i promoters che si sono fidati di lui e averlo messo su un ring quando era giovane e al verde con veterinari come Greg Valentine e Manny Fernandez. Ha ringraziato Sabu per averlo aiutato ad allenarsi e ad essere un individuo. Rob conclude dicendo che essere qui ed essere inserito nella Hall of Fame è una vittoria per “tutti noi” e che se avesse avuto il tempo di nominare ogni fan, l’avrebbe fatto, ma non può, quindi ha voluto ringraziare l’intero Universo WWE.

Nel backstage viene intervistata Sasha Banks che dice che non vede l’ora di vedere l’introduzione di Molly Holly. Ricorda di aver visto Holly ad uno show indy ed era molto timida nel parlare con lei. Holly le ha chiesto se era una modella e Banks è rimasta scioccata e ha detto che voleva entrare nel business. Molly le ha parlato per 20 minuti dicendole che sarebbe diventata una grande star. Si è fidata ed è così grata per quell’incontro con Holly.

Anche Big E viene intervistato e loda l’intera carriera di Molly Holly e in particolare il suo periodo in WCW.

Sempre nel backstage Carmella tesse le lodi di Holly definendola una pioniera del business e che non si può parlare dell’evoluzione delle donne nel wrestling senza citare Molly.

Pasquale Pirozzi
Appassionato di wrestling sin da bambino che coincide con il periodo in cui SmackDown raggiunge la notorietà andando in chiaro su Italia1. Faccio parte del sito, che ho da sempre seguito come lettore, da poco più di un anno e mi occupo della newsboard.
15,654FansLike
2,633FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati