TW Risponde #338

Amici di Tuttowrestling benvenuti ad una nuova edizione del TWR. A condurla nientemeno che Antonio “The Anconetan Oracle” Bomba. Come al solito pochi fronzoli in questo cappello introduttivo e subito spazio alla lista delle domande indesiderate.

[RIQUADRO1]

Ed ora via con le risposte alle vostre domande.


Ciao a tutti! Scusatemi, avete tutte le ragioni del mondo… Sono Simone di 18 anni e vengo da Savona. Non ho messo il nome per intero perché pensavo ad un tono molto amichevole scordandomi del fatto che poi non si sarebbe capito un'acca… Detto questo vi ringrazio tantissimo per avermi pubblicato e rinnovo scuse e complimenti al vostro staff e il vostro sito che è sempre più completo e dettagliatissimo… Ci risentiremo sicuramente perché le domande che vi farei sono infinite circa il mio sport-entertainment preferito e anche perché per come rispondete pazientemente e con precisione fate venir voglia di chiedere persino le domande più frivole, cosa che non accadrà dato l'evolversi degli eventi che si avranno in WWE, i quali svilupperanno nuovi quesiti.
Allora concludo con i doverosi saluti.
Ciao da Simo(Mea Culpa)NE! Eh he…

Più che altro è che speravo fossi na gran gnocca di nome Simona… Vabbè, tranquillo ed alla prossima. E grazie per i complimenti.

Ciao A-Bomb,
mi chiamo Luca DM e vengo da Manfredonia (FG) e sono un grande fan di Kurt Angle ma sopratutto di wrestling e del vostro magnifico sito. Vi seguo ogni giorno e mi tengo aggiornato sul mondo del wrestling grazie a voi!
Ho alcuni quesiti da sottoporvi:
1) La ECW riuscirà mai ad alzare i suoi rating continuando in questo modo? Secondo voi il draft riuscirà a risollevare il brand? Magari con uno spostamento di Umaga che da campione farebbe una bella figura?
2) Un talento naturale come RVD tornerà mai a Stamford? Penso che un suo ritorno a sorpresa come quello di Cena alla Rumble sarebbe spettacolare!
3) Chi secondo voi meriterebbe di entrare nella hall of fame?
Per me sbagliano a far entrare gente che sul ring non ha fatto niente di straordinario;non sarebbe meglio fare entrare gente come:Terry Funk, Mick Foley, I Legion of Doom, I Demolition, Ultimate Warrior, Yokozuna, Nasty Boys & Jake Roberts?
4) Per me i rating sono calati non solo a causa delle brutte storyline ma sopratutto a causa del ritiro di Undertaker perchè già c'erano pochi main eventer e con la perdita di quest'ultimo sono rimasti solo Edge e Batista. Che ne pensi?
5) Quali potrebbero essere i futuri campioni WWE e WH?
6) Per alzare i rating la WWE non farebbe meglio a riproporre match e feud che in passato hanno avuto successo come il six men hell in a cell di Armageddon 2000 o il feud tra Undertaker e Mankind?
7) Perchè la WWE non aumenta il tasso di violenza nei propri show? Credo che i fan vogliono vedere più sangue al posto di siparietti per me inutili come il “Santino's Casa” e il “Dirt Sheet”.
Spero che mi rispondiate anche perchè è la mia prima e-mail.
Nel frattempo vi saluto e vi rinnovo i miei complimenti.
Alla prossima
Luca DM

Un saluto a te Luca DM e benvenuto nel TWR: Ma per cosa sta DM? Aò, so curioso…
1. Eh, manco a farlo apposta la tua email è pubblicata pochi giorni dopo aver appreso che per la prima volta (in condizioni normali) Impact!, pur restando basso rispetto ai suoi ratings di 3-4 mesi fa, è comunque riuscito a superare la ECW. Non un bel segnale per Vince e soci, mentre al contrario la TNA può alzare le braccia al cielo e gridare una volta tanto vittoria. E sapete qual è per assurdo la cosa più assurda (scusate il gioco di parole assolutamente voluto)? Che proprio questa settimana nel forum di TW in molti si sono complimentati con la WWE per la ECW, diventato lo show migliore della federazione, al momento… Mah… Comunque: premesso che non penso proprio che lasceranno andare Umaga in ECW in pianta stabile, ma che lo trasferiranno a SmackDown, non ritengo che Umaga da solo potrebbe risollevare la ECW. Semplicemente perché non ha questo starpower tale da far si che centinaia di migliaia di persone si sintonizzino sulla ECW per guardarlo.
2. Sarebbe bello rivederlo, ma allo stesso tempo penso che Rob Van Dam stia bene come stia. Dopo anni ed anni di mazzo a tarallo in giro per gli States, Van Dam adesso passa molto tempo con la famiglia per lottare sporadicamente nelle indy. Adesso ad esempio è in Spagna con la nostra NWE. Il punto penso quindi che sia lo stesso di Chris Jericho e Big Show: Se e quando mai RVD riavrà la voglia di dedicare trequarti della sua vita al wrestling, e se e quandomai dovesse avere un ingente bisogno di tanti soldi, allora in pochi giorni riusciremo a rivedere Rob Van Dam in WWE.
3. Il concetto di “mai fatto nulla di straordinario” è abbastanza relativo e sicuramente riduttivo. Non mi pare che nella Hall Of Fame ci siano delle autentiche pippe o gente che non meriti di stare nell'arca della gloria. E poi, tanto per ribadire il mio concetto: cosa avrebbero fatto di concreto i nasty Boys e Jake Roberts in più, di quanto non abbiano fatto molti di quelli già inseriti. Inoltre penso che tutti i wrestler da te citati un giorno entreranno di sicuro nella HOF. Il punto è che, proprio come in ogni show della WWE assistiamo a match di low carder, mid carder e main eventer, allo stesso modo nella Hall Of Fame assistiamo all'ingresso, di anno in anno, di leggende, ottimi wrestler e wrestler che pur non essendo fantastici meritano di stare nell'arca per quanto dato nel corso di tutta la propria carriera. E' così e sarà sempre così. E secondo me è la formula minore. Anche perché se in un anno fai entrare Taker, Foley, Road Warriors, Funk, Owen e tutti gli altri, l'anno dopo non ci sarebbe più nessuno…
4. Che non centra nulla Luca. Perché a calare son stati i ratings di Raw, ECW e TNA. Decimo più decimo meno SmackDown si trova sempre da quelle parti. Quindi Undertaker a casa per curarsi non ha inciso.
5. Se dici i prossimi come successione, allora direi John Cena e Batista per il WWE Title, e per il World Title direi…. Boh? Una chance ad Umaga tra qualche mese gliela darei. Come top face penso Undertaker quando tornerà. Nel frattempo Edge può vedersela con Rey Mysterio.
6. Il match di Armageddon 2000? E con chi nel 2008? Idem per Undertaker e Foley. Han dato il massimo 10-12 anni fa. Il Foley di oggi non interessa a nessuno anche perché non penso proprio che Mick abbia voglia di tornare a lottare in pianta stabile. E tantomeno penso abbia voglia di tornare a buttarsi dalle gabbie. Il tempo passa per tutti e, giustamente, la gente cambia obiettivi.
7. Non penso che una lunga scia di violenza e sangue sia ciò che la gente vuole vedere. Ma magari mi sbaglio. Comunque la direzione che la WWE sta prendendo è esattamente opposta, quindi per almeno qualche mese od anno, il sangue che vedremo sarà abbastanza limitato.

Ciao, A-Bomb, più che una domanda ho una considerazione, su cui vorrei un tuo parere.
I ratings calanti della WWE sono dovuti, secondo me, ad un motivo semplicissimo: la pochezza qualitativa dell'attuale “parco wrestlers”. Mi spiego: cinque anni fa (neanche poi tanto tempo) nei roster WWE si trovavano Goldberg, Kevin Nash, Booker T, Dudley Boys, The Rock, Hulk Hogan, Brock Lesnar, Angle, Ric Flair…tutta gente che si è ritirata o accasata alla concorrenza e che aveva un seguito notevole, pensiamo soprattutto a The Rock, Flair e Hogan. Nessuno di questi è stato sostituito da qualcuno che abbia raggiunto lo stesso livello di popolarità, se no sono andati e basta, la WWE continua a reggersi su gente che allora c'era già: Undertaker, Michaels, Triple H; Batista e Cena erano già in rampa di lancio, l'unica vera novità ad alti livelli è Edge. A me semplicemente pare che la WWE non sia riuscita a rinnovare in modo valido la sua rosa, usando un paragone calcistico. Che ne pensi?
Davide C.

Ciao Davide C. e benvenuto nel TWR.
C'è molto di vero in quello che dici. ma in questa lista hai compreso gente che a conti fatti non ha mai spostato un punto di ratings che sia uno, in qualsiasi federazione siano approdati. Mi riferisco ai Dudleyz, a Booker T, a Brock Lesnar ed aimè anche a Kurt Angle. Una cosa che non mi sarei mai aspettato. Ma a conti fatti quando Angle è saltato alla TNA i ratings della federazione di Orlando non si sono spostati di un solo decimo di punto.
Quindi, oltre all'assoluto calo portato dalla mancanza di un certo star power, ritengo che le cause principali del calo dei ratings siano: storyline drammaticamente piatte, brutte, oppure anche interessanti per un fan di wrestling ma incapaci di attirare l'attenzione dei fan occasionali. E' quest'ultimo il caso della TNA a mio modo di vedere. E soprattutto, un grande problema è la presenza del troppo wrestling in TV. 4 show settimanali (Raw, SmackDown, ECW e Impact!) sono al momento troppi anche per un fan di wrestling, che per forza di cose si stufa e cambia canale spesso e volentieri.

Ciao son Andrea da Busto Arsizio (VA)
avrei piccole cose da chiedere
1. Perchè non fate una rubrica anche della ROH oltre che quelle della WWE e TNA? Inserendo anche i report e le news nella newsboard?
2. Secondo te perchè talenti (a mio parere) della ROH come Danielson McGuinness e i Briscoes non passano in federazioni come la TNA? (dico TNA perchè la WWE non saprebbe valorizzarli a mio parere sempre )
grazie anticipatamente RAISE HELL
TW is #1

Un saluto a te Andrea e benvenuto nel TWR.
1. Mi trovi concorde con te. Secondo me la ROH meriterebbe più spazio all'interno di Tuttowrestling. Anzi, è sicuramente l'unica federazione americana ancora non trattata che meriterebbe spazio sul nostro sito. Ma non sono io che decido queste cose, bensì il direttore e proprietario, come è giusto che sia. Pertanto se volete una ROH in vetrina, non avete altro che chiederlo in maniera civile (sempre meglio specificarlo) a lui. Magari lo prendete in un giorno in cui è buono buono e vi darà retta…
2. Chissà. Magari perché per firmare un contratto occorre essere in due. A quanto pare ad esempio, Bryan Danielson sta bene dove sta (ROH e qualche tour con la NOAH in Giappone) e guadagna abbastanza bene da potersi permettere di continuare a fare quello che gli piace fare senza preoccuparsi più di tanto dell'eccessiva visibilità. Magari per la WWE sarebbe diverso a sentire gli ultimi rumors e le ultime vicissitudini di questo fenomeno. Staremo a vedere.

Inanzitutto piacere mi chiamo “kuky” da roma..e sono un wrestler italiano in training, appassionato di wrestling da anni e anni, spero che mi pubblicherai e se non lo farai aspetto almeno una risposta in privato.
Ho solo una domanda da farti, perchè sul vostro sito, che credo sia il piu' popolare in Italia, non promuovete federazioni di wrestling italiane e poli di allenamento almeno con una piccola rubrica?

Ciao Kuki ed in bocca fin da ora per il proseguio della tua carriera. Anche in questo caso, io non posso farci più di tanto. Per qualsiasi richiesta su rubriche ed altro da trattare su questo sito, contattare CDB.

Ciao A-Bomb, sono Luca da Teramo. Amo il wrestling e vorrei porti alcune domande:
1) La situazione di Raw: HHH campione face a me non dice proprio niente, lo trovo alquanto noioso e ripetitivo (niente togliendo al grande performer che è), e di certo un altro regno di John Cena non sarebbe il massimo. Ma neanche Jeff Hardy, di cui sono anche un grande fan, secondo me non è ancora maturo. Secondo me le cose da fare sono 2, o turnare heel HHH (secondo me la cosa migliore) oppure fare campione a breve HBK, magari con una super faida con HHH. Che ne dici?
2) SD: Che ne pensi de La Familia in possesso di tutte le cinture di SD? Edge World Campion, Chavito US Champion, e Hawkins e Ryder campioni di coppia, (cosa che permetterebbe anche il lancio definitivo e necessario secondo me di Morrison, bloccato da quei titoli di coppia), una stable potentissima heel, che con l'ausilio di Vickie potrebbe dominare completamente la scena di SD, a mo del Cabinet. Secondo me gioverebbe moltissimo all'interesse verso lo show e potrebbe anche creare i presupposti per una super stable face, magari capitanata dal'Undertaker al suo ritorno.
3) Non è ora per il lancio definitivo di John Morrison?
4) CM Punk Mr. Money in the bank……….abbastanza ridicolo. Non c'è un minimo di storyline dietro, perde tutti i match e non è certo al livello dei main eventer e fargli vincere la cintura del mondo sarebbe il più grande errore nella storia della WWE (forse ora sto esagerando) ma non credo sia proponibile. Non sarebbe stato molto meglio farlo vincere a un Kennedy, o meglio ancora a Y2J?
5) Shelton Benjamin: che fine ha fatto l'High Flyer,the greatest pure athlete in the WWE, il campione intercontinentale per un anno? Ora si ritrova a combattere feud di secondo piano nell'ECW. Ma aldilà di quello, ha proprio cambiato stile: ora si limita principalmente a mosse a terra, headlock e cose varie. Cosa è successo secondo te?
6) TNA: ora presupponendo che Joe mi è davvero molto antipatico, il suo regno come campione è molto incolore, nemmeno paragonabile a quello di Angle. Nessuna vera rivalità, un KOTM davvero deludente, e ora un match contro Royal T che porta poco interesse. L'unica cosa che lo salva è secondo me la presenza di Big Sexy: Non sarebbe opportuno mandarlo proprio contro Joe per il titolo (allora sarebbe una bella rivalità) o farglielo perdere contro Booker (che vedrei benissimo come campione heel)?
Un saluto e un grazie a tutta la redazione e lo staff, il sito è fantastico, fate davvero un gran bel lavoro.E mi raccomando rispondete!!!!!!!!!!!!!Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

Un saluto a te Luca, e benvenuto nel TWR.
1. Io proseguirei con Triple H campione ed a lui contrapposto qualche avversario più interessante agli occhi dei fan di Randy Orton che a quanto pare al top non convince il grande pubblico. E penso che la scelta di mandargli contro John Cena sia senza dubbio la migliore al momento.
2. La stable è già dominante così. Un simile passo andava forse fatto qualche mese fa. Ormai questo passo, dare a tutta la stable il titolo, non farebbe altro che riaffermare il concetto che la stable è imbattibile. Un punto già affermato privando continuamente Taker del titolo e con le intereferenze che non hanno permesso al becchino di vincere l'ultimo match contro Edge. Insomma, è tempo di andare avanti, non di soffermarsi su questo punto, cioè La Familia dominante.
3. Non penso sia questo il momento del lancio. Ma è anche vero che ogni parola detta prima del draft e del PPV può essere cancellata in poco tempo, dunque…
4. Premesso che anche tu ti sei accorto che non può essere il più grande errore della WWE dare il titolo a Punk, e considerato che non c'è un link tra un titolo meritato da Punk ed uno meritato da Kennedy dato che lo meritano entrambi, penso che tu non abbia ragione. Punk ha carisma, sa stare sul ring e piace alla gran parte dei dirigenti. Perché quindi non meriterebbe il titolo? E per quanto riguarda le sue continue sconfitte nonostante la valigetta, il tutto potrebbe semplicemente essere parte del grande piano. Far passare Punk per il super underdog. Quello a cui nessuno da una chance, ma che la prima volta che lotterà per il titolo lo vincerà. Chiaro, può pure essere che Punk sia il primo a non vincere il titolo pur sfruttando la title shot vinta col Money In The Bank. Tutto quello che dobbiamo fare è aspettare e vedere cosa potrà succedere da qui a 9 mesi.
5. Dopo essersi ammazzato sul ring per oltre 6 anni senza aver raccolto nulla di davvero importante a causa dell'assenza completa dic arisma e di mic skill, si sarà rotto di rischiare il collo ogni due minuti. Per restare nel low card bastano le headlock e le clothesline. Quindi fa più che bene…
6. I gusti son gusti ma mi pare che tu sia un po' cattivo con molti atleti. Che ti ha fatto di male Samoa Joe per starti antipatico? Comunque a me il regno di Joe non appare noioso. Caso mai è vero che servirebbe un avversario con cui lottare qualche mese. Adesso c'è Booker T. Magari è la scelta giusta. E per quanto riguarda Kevin Nash, giuro che non l'ho mai trovato dispensabile ad una federazione. Tantomeno alla TNA. Questo nonostante sia probabile che prima o poi Nash e Samoa Joe vadano contro nell'esagono TNA.

Ciao sono Stefano da Melara (RO) volevo ringraziarti per aver risposto la scorsa settimana alle mie domande e ora vorrei farne altre collegate anche a quello che mi hai risposto.
1) Quando ho parlato dei mostri della TNA mi ha parlato di Goldust riporto le tue parole:” A margine aggiungo che non ho ancora capito il motivo per cui la WWE non abbia ancora ripreso Goldust Dustin Rhodes. Ma vabbè” volevo sapere se era detto in modo sarcastico o no.
2) Ho letto su un sito che Sid Vicious vuole tornare ha lottare sai qualcosa in merito?
3) Sento spesso parlare di NWE volevo sapere se è possibile seguire lo show settimanale in qualsiasi modo perchè mi piacerebbe rivedere Ultimate Warrior.
4) Ho appena letto che al prossimo PPV NOC ci sarà Finlay e suo “figlio” contro i campioni di coppia di SmackDown, cosa ne pensi di questo match? Vedresti bene l'irlandese campione di coppia anche se in coppia con il figlio?
5) Infine volevo chiederti una cosa sarà mai possibile vedere un vero wrestler italiano in WWE? Se no per quale motivo, forse siamo inferiori a lottatori americani?
Un saluto a te e alla redazione siete i migliori

Un saluto a te Stefano e benvenuto nel TWR.
1. Assolutamente nessun sarcasmo. Goldust è da sempre uno dei miei personaggi preferiti e Dustin Rhodes, nonostante l'età e la pancia in crescendo, rimane un worker decente. Quindi, considerando che la WWE ha sotto contratto il fratello Cody nonché il loro papà Dusty, secondo me Goldust potrebbe essere inserito in diverse storyline.
2. Penso che sia già tornato a lottare, molto sporadicamente, in qualche indy. Ed almeno fisicamente tutti sostengono sia in ottima forma. Il suo sogno è quello di avere un'ultima chance nella WWE. Io dubito fortemente che gli venga data, ma è anche vero che non bisogna mai dire mai.
3. Al momento non è dato a sapere se gli show spagnoli verranno mai trasmessi in Italia. Quindi al momento è difficile poter vedere il ritorno in azione di Warrior, a meno che tu non voglia comprare il match direttamente dal sito di Warrior per 29,99$…
4. Il punto fondamentale è che comedy match dopo comedy match, Hornswoggle si mette in corsa per diventare un Grand Slam Winner…
5. Penso sia difficilissimo, ma chissà. Di certo occorrerebbe che il wrestler italiano si trasferisca negli USA per lottare nelle indy e, successivamente farsi il mazzo a tarallo per arrivare in WWE. Ma non è una cosa facile, le chance di riuscire sono ovviamente poche ed il wrestler in questione dovrebbe compiere un'autentica scelta di vita.

Ciao A-Bomb, sono Nicola da Avellino…complimenti per il sito, è la prima volta che vi scrivo e pare corretto appunto complimentarmi con voi di TW…questo non vuol dire che salterò i complimenti le prossime volte che vi scriverò, perchè fate sempre un gran lavoro e meritate lodi a non finire. La mia domanda è sull'imminente draft…non tanto sui cambiamenti di roster, ma più sulle modalità di cambio.
Io sono un fan che si è avvicinato con costanza al wrestling proprio in occasione di una draft, quella del 2005…mi sono accorto, pian piano, che la successiva ondata di attenzioni da parte di tutto il mondo (vedi Cena ospite a Sanremo, le varie pubblicità e prodotti a riguardo, fino ad arrivare agli ovetti di cioccolata con i pupazzetti dipinti a mano all'interno) erano nate proprio grazie al graduale avvicinamento dei nuovi fan, o al riavvicinamento dei vecchi fan, alla WWE…prima dell'arrivo di Cena a Raw, nella mia famiglia solo io e mio cugino campavamo di pane e wrestling…alla fine della draft, tutta la famiglia ha guardato Hogan vs Michaels a Summerslam 2005… ci siamo tutti innamorati di punto in bianco del prodotto 'McMahoniano'… e la nostra attenzione cresceva man mano che si verificavano i cambi di roster, show dopo show… ora, se la WWE vuole cercare di alzare gli ascolti, perchè non effettuare la Draft in più settimane, con un cambiamento di wrestler ad ogni show, come nel 2005?… poi, magari, pian piano iniziare a costruire qualcosa di duraturo sopra, come ad esempio quella che mi auguro essere un'interessante stable di giovani heel figli d'arte, come annunciato settimane fa su TW… il successo dopo la draft 2005 mi pare sia stato alquanto grandioso… magari la mia visione è più concentrata sulla mia famiglia, ma è solo un 'campione' preso in esame e facilmente comparabile con gli altri fan.
Poi, per fare qualche pronostico, prevedo i passaggi di Umaga e CM Punk a Smackdown!, gli Hardy che si ritroveranno nello stesso show e la mina vagante Kofi Kingston che potrebbe impensierire i campioni del roster rosso…terrei poi d'occhio anche i cambi delle divas e i cambi di roster che la WWE effettua a telecamere spente (fattore importante, credo, dato che l'ultima volta ne è uscito John Morrison, poi ECW champion)…detto questo, spero tu possa pubblicare la mia domanda, rispondermi, e dare anche tu un giudizio ai miei pochi pronostici di draft…e soprattutto scusami se il mio discorso è contorto…un cordialissimo saluto, buona fortuna ed in bocca al lupo…
Nicola

Un saluto a te Nicola e benvenuto nel TWR. Un in bocca al lupo per un rapido ritorno dei lupi in serie B.
Mah che dire… il draft secondo i capi della WWE rende di più quando è fatto in una sola sera piuttosto che in più puntate. Una tattica simile alla tua era stata attuata anche nell'estate del 2002 e non riuscì ad alzare gli indici di ascolto (che comunque erano migliori di quelli attuali, ma questo adesso non centra). Penso che la soluzione del draft in una sola sera sia migliore perché permette di digerire bene bene sia gli spostamenti importanti che quelli secondari. Per non parlare di quelli di terza fascia. Perché quando uno aspetta tutta una puntata per vedere chi cambierà roster e poi all'improvviso vede che il wrestler selezionato è Nidia, capisci che le cose non vanno… E comunque il draft effettuato alla tua maniera, servirebbe alla fine ad alzare gli indici di ascolto (sempre poi che ci riesca) solamente per un tot di puntate. Poi si tornerebbe a punto e a capo.

Ciao caro A-Bomb sono Matteo di Brescia “Teo il sanguigno” dopo qualche settimana sono qui a scriverti di nuovo. Vengo immediatamente alle domande:
1) Non credi che la WWE ultimamente stia curando sempre di meno l'allestimento delle entrate dei lottatori? Mi spiego meglio: Randy Orton che entra senza fuocherelli “non so come chiamarli dato che non erano proprio fuochi d'artificio”, MVP che entra senza occhiali da sole e soprattutto limitando al minimo le movenze dell'entrata…L'hai notato anche tu?
2) Chuck Palumbo non credi che convincesse di più da face? Da heel mi sembra un pò, ne carne une pesce. Per me come dicevo un lottatore che entra con una bella moto non può che essere face, almeno per come la vedo io. Come gimmick intendo, non come wrestler, che tecnicamente ritengo molto valido.
3) Maryse credo sia una delle più belle lottatrici che abbia mai avuto la WWE. Collegandomi a questo quale secondo te è od è stata la più bella lottatrice della WWF/WWE di tutti i tempi?
4) Io adoro MVP, come lo vedi face? Credi lo diventerà un giorno?
5) Quesito che a cui tengo molto. Non credi che stiano facendo un pò troppo incontri face vs face? Credo si stia perdendo un pò quel “sano” face vs heel che tanto caratterizzava gli amati anni '80/'90. Io preferisco di gran lunga face vs heel! Cosa ne pensi?
Ti ringrazio e auguro a te e a tutti una buona settimana!!!
Teo il sanguigno.

Un saluto a Teo il sanguigno. Ormai una presenza costante da queste parti. Quindi un bentornato a te nel TWR.
1. Onestamente no, non me ne ero accorto. Magari la WWE vuole fare economia ed ha iniziato giustamente dalle cose meno utili…
2. Più che poco convincente, il punto è che da face faceva qualcosa, da heel non fa un cacchio o quasi. Questo penso sia il problema maggiore. E comunque i bikers sono invisi a molti, quindi per questi molti Palumbo è un heel… Poi personalmente non ho mai capito come possa un'entrata in moto o no generare un reale interesse verso i fan. Ma forse il problema è mio. Chissà.
3. Come bellezza assoluta metterei avanti a tutte Stacy e Candice. In seconda fila metterei Trish e in terza Sable.
4. Diventerà sicuramente face così come un giorno diventerà sicuramente campione del mondo. Il punto è: quando? Ecco, questo non lo so ma penso sia ancora un attimino distante. Ti dico anche che forse è più distante il turn face che la vittoria del titolo mondiale.
5. Non penso si stia perdendo nulla. Stan facendo delle prove. La natura del wrestling è buono contro cattivo. Il resto sono eccezioni.

Ciao mitico A-Bomb, qui è Francesco da Asti che parla, volevo complimentarmi per il bel sito e porti alcune domande.
1) Innanzitutto una curiosità: che fine hanno fatto Big Daddy V e Boogeyman?
2) Guardando l'ultima puntata della ECW sono rimasto sorpreso dall'alto tasso di spettacolarità espresso dai lottatori, sei d'accordo? come giudichi la puntata?
3) Secondo te possono sfondare Kingston ed Evan Bourne? Il secondo mi ricorda un pò AJ Styles, anche se è presto per parlare…
4) Pensi che il prossimo sfidante di Edge possa essere una superstar “draftata” a SmackDown?
5) Novità su Cor Von? Sarei contento di ritrovarlo in casa WWE!
6) Secondo te, giusto o sbagliato togliere il titolo cruiser? I lottatori non mancano…
7) Pensi durerà di più il contratto di Dreamer (ormai jobbato da chiunque) o la Million dollar mania?
Con questo ho finito, nella speranza di essere pubblicato!

Un saluto a te Francesco e benvenuto nel TWR.
1. Oh allora… Big Daddy V manca dalle scene da poco prima di Wrestlemania, quando si fermò per problemi di salute a quanto pare abbastanza seri e che ancora non gli hanno permesso di tornare sul ring. Boogeyman invece è fermo da più di sei mesi e non si è ben capito se sia fuori per infortunio, per scelta creativa, oppure per infortunio e scelta creativa. Le voci a questo riguardo sono molto discordanti.
2. Ancora… Senza farci apposta. La ECW attuale piace molto agli italiani al contrario che negli States, dove l'ultima è stata battuta dalla TNA. Mi sembra chiaro che i gusti siano spesso divergenti e che in Italia determinati lottatori spettacolari abbiano più seguito e consensi che non negli States.
3. Kofi Kingston sembra molto amato anche negli USA. Io non lo apprezzo molto ma a quanto pare le qualità ci sono. Non so fin dove potrà arrivare tra qualche anno però. Evan Bourne invece è molto bravo e lo sta facendo vedere. Però per giudicare come verrà trattato è ancora molto, molto presto.
4. Perché no. Però chi? Boh… L'ipotesi più probabile a questo punto potrebbe davvero essere il ritorno di Undertaker. ma staremo a vedere. Di certo c'è che tra Night Of Champions, draft e futuri sfidanti la scena, quantomeno per gli appassionati, si preannuncia calda ed interessante come non accadeva da qualche mese.
5. Assolutamente nessuna. Penso che Monty Brown, Marcus Cor Von, stia facendo altro, oltre che prendersi cura dei suoi nipoti e che con il wrestling abbia chiuso per un bel pezzo.
6. Ma dipende da come lo usi. Non può esistere una legge precisa. Se vuoi darlo a Jacqueline e Hornsowoggle meglio che non ci sia. Se gli trovi un bello spazio tutto suo e ci crei attorno un po' di storyline, allora puoi star tranquillo che un po' di gente che si ferma a guardare le sue vicissitudini la trovi.
7. Il contratto di Tommy Dreamer senza ombra di dubbio. Perché Tommy Dreamer ha sempre jobbato a chiunque (quantomeno i wrestle importanti) anche quando stava nella ECW. E comunque svolge anche altri ruoli all'interno della WWE. Dunque non penso proprio che gli importi molto di perdere match su match. I soldi a casa li porta lo stesso e lui e la sua famiglia mangiano comunque una discreta quantità di pane.

Ciao A-Bomb, sono Marco e scrivo da Quartu S.Elena, in provincia di
Cagliari.
Ti scrivo questa lettera per un unico motivo…tra pochi giorni, il 25
giugno, ricorrerà l'anniversario della tragica scomparsa di Chris
Benoit, che tanto sconvolse, e sconvolge tuttora, tutti coloro che
amano il wrestling. Nell'occasione, ti invio questa e-mail che scrissi di getto, pochi giorni dopo la tragedia, e che indirizzai a Stefano Benzi di
Sportitalia. Te la mando senza pretendere alcuna risposta o commento,
ma al solo fine di rendere partecipe te e chiunque altro vorrà
leggerla, di quanto pensavo in quel momento.
Aggiungo solamente che tutto ciò che scrissi allora a caldo, lo
confermo anche oggi, a distanza di quasi un anno, con l'ulteriore
auspicio che, prima o poi, fra uno, dieci o magari cento anni, si renda
finalmente ed universalmente onore a ciò che il Rabid Wolverine ci ha
lasciato di buono in vita.
Grazie, ciao.
“Ciao Stefano, mi chiamo Marco. Noi non ci conosciamo, ed è la prima volta che ti scrivo; tuttavia, in questo momento così triste per me, mi viene naturale scriverti, così come mi viene naturale darti del tu, perché in tutti questi anni, grazie alla tua trasmissione ho imparato a conoscerti ed apprezzare la tua grande sensibilità. Sono un ragazzo di 25 anni, amo il wrestling fin da quando ero bambino, quando seguivo le trasmissioni di “Coach” Dan ed il mio eroe era Tatanka; ho attraversato il doloroso passaggio da “mark” a “smart” e mi sono riappassionato al wrestling. Vorrei dirti la mia su ciò che è successo a Chris Benoit. Inizio subito col dirti che Chris era il mio wrestler preferito. Ma non era solo questo. Ci sono stati, e ci sono, tanti wrestler che mi piacciono. In passato, oltre a Tatanka, Bret Hart, Owen Hart, Mr. Perfect, British Bulldog. Oggi, Undertaker, Rob Van Dam, Kurt Angle, Christian Cage. Ad ognuno di essi riconosco grandi qualità: carisma, forza, spettacolarità, capacità innata di trascinare le folle ed emozionare. Ma Chris aveva per me qualcosa in più di tutti loro. Non mi vergogno di dirti, neppure in questo momento così tragico, in cui tanti, troppi, si permettono di giudicare, che Chris non era solo il
mio wrestler preferito. Chris era il mio eroe personale, il mio
modello di comportamento, il mio idolo. E questo non solo per le sue grandi
capacità di wrestler, che nessuno può permettersi di discutere. Chris
era uno splendido wrestler, per la sua perfezione tecnica, per la sua
intensità, per la sua carica agonistica, per la sua capacità di far
apparire semplici le mosse più complesse, i suoi suplex, le sue
“testate matte” come le chiami tu, soprattutto per la sua capacità di
rendere credibili, “reali”, i suoi colpi e le sue mosse, in
particolare la mitica Crossface, e di rendere credibili anche le mosse degli avversari, con la sua grande bravura nel saperle “vendere” e farle apparire anch'esse “reali”. Ma non era questo che mi piaceva di più di Chris. Ciò che mi piaceva di più di lui era il suo atteggiamento, il suo modo di essere e di comportarsi sul ring. Chris era un lottatore di grande sostanza, uno che badava ai fatti e quelli faceva valere. Non era uno che perdesse tempo in grandi proclami, a dichiararsi “campione” o “il più forte”, anche se avrebbe potuto farlo; lui si presentava sullo stage, e non sorrideva neanche, al massimo alzava le braccia in risposta al boato della folla che dovunque si alzava naturale al suo apparire. Perché Chris era quello che ti trascinava col suo solo agire, che ti intimoriva e al tempo stesso esaltava con la sua grinta e la sua cattiveria agonistica senza pari, con la sua capacità di garantirti spettacolo ed impegno sempre e comunque. Lui lasciava che i fatti parlassero per sé, ed in questo modo, ogni volta che saliva sul ring, non importava se avesse vinto o perso (e purtroppo, quante sconfitte ingiuste ha accettato di subire negli ultimi anni…), lui lasciava il ring sempre a testa alta, fra gli applausi. E questo, permettimi di dirlo, non è da tutti; questa è prerogativa dei più grandi di sempre, dei veri vincenti. Chris non verrà mai ricordato per essere stato “ten time World Champion” o “Five Time WCW Champion”; pur avendo vinto dovunque sia andato, la sua gemma, unica e splendente rimane quel favoloso, unico titolo di Wrestlemania XX, la notte del commovente abbraccio con il fratello Eddie. In questo, assomiglia molto alla mia squadra del cuore, il Cagliari, anch'essa vincitrice di un solo, splendido, irripetibile scudetto. Eppure, ciò non toglie nulla alla sua grandezza di lottatore, ed al rispetto che aveva saputo guadagnarsi da tutti. Perché Chris non aveva bisogno di vincere tanto per costruire la sua leggenda, ben diverso, in questo, da altri che hanno spesso imposto le proprie vittorie, magari a volte proprio a discapito di Chris, per preservare
la loro. Sentivo molto vicina la figura di Chris, pur non avendolo mai conosciuto, se non per quello che vedevo sul ring, e per quello che ne dicevano coloro che lo conoscevano. Lo sentivo vicino, e lo sento vicino, perché mi sento molto simile a lui. Anch'io sono una persona molto introversa, timida, insicura; sono un tipo taciturno, che preferisce agire e lavorare sodo piuttosto che parlare a vanvera. Questo non mi ha impedito di avere delle brave persone attorno: una famiglia che mi sta accanto, una ragazza che mi vuol bene e mi dà sostegno, degli amici. Ma anch'io, come Chris, spesso sento dentro un senso di tristezza, di amarezza, che mi invade, soprattutto quando mi trovo di fronte a certe brutture, oscenità che il mondo di oggi ti costringe ad affrontare. Ebbene, la grinta ed il coraggio che Chris mostrava ogni volta nel salire sul ring, nel confrontarsi a testa alta e spesso vincere contro avversari alti e grossi il doppio di lui, facevano di lui il portatore di un messaggio positivo per chiunque, ma soprattutto per me: con la grinta, la forza di volontà ed il
coraggio, ogni ostacolo può essere superato, e nessun obiettivo è precluso, nonostante le difficoltà. Ebbene, oggi Chris non c'è più. Non c'è più perché probabilmente anche lui, alla fine, non ce l'ha fatta, anche lui ha ceduto ai suoi demoni personali, lui che era riuscito a salvare Eddie dai suoi.
Chris ha compiuto un gesto efferato, terribile, ingiustificabile qualsiasi motivazione stia dietro ad esso. Ed ora, a causa di ciò, molti vogliono cancellarlo, dimenticarlo, persino la sua WWE sta eliminando ogni
riferimento a lui, come se non fosse mai esistito. Le decisioni che sono state prese sono comprensibili. E' comprensibile che si voglia tutelare la propria immagine, che si voglia evitare di tributare omaggi ad un uomo che, con tutta probabilità, verrà ricordato come un “mostro”. Tuttavia, io non le condivido.
Perché non ritengo giusto negare ad un uomo ciò che con tanta fatica e con
tanti sacrifici si era guadagnato. Non ritengo giusto negare a Chris Benoit il rispetto che gli è dovuto, anche nella morte, anche in questa morte. La vicenda di Chris mi ha fatto riflettere profondamente. Mi ha fatto pensare che anch'io, quando le cose non girano per il verso giusto, tendo a prendermela con le persone che mi vogliono bene. Perché è la cosa più facile sfogarsi e comportarsi male con loro, quando sai che su di loro puoi comunque contare e che non ti abbandoneranno, per quanto male li possa trattare. Ho pensato a quanto anche in questo mi senta così simile a Chris, a come anch'io mi porti una gran rabbia e tristezza dentro, che mi pervade ogni volta che mi scontro con le difficoltà della vita e le schifezze del mondo d'oggi. Ho pensato che una persona buona, generosa, altruista come Chris, è stato capace di un'azione tanto orribile…ho pensato che anch'io, che pur mi considero, complessivamente, una persona buona, generosa, disponibile, potrei fare
la stessa fine di Chris Benoit. Ed è questo il punto: anche in questa situazione così tragica, Chris Benoit è stato per me maestro di vita; e come in vita era stato un esempio positivo, così nella morte è esempio negativo; così come in vita mi ha insegnato a tener duro, a non mollare mai, così nella morte mi ha insegnato ad avere maggior cura delle persone che mi vogliono bene, a non dare mai niente per scontato, ad avere la forza, ogni giorno, di tenere a bada il “mostro” che, come tu hai detto, vive in ognuno di noi. Anche in questo, così simile al fratello Eddie… In conclusione, mi sento di dire che Chris Benoit, e lo dico senza vergognarmi, ha significato molto per me come wrestler e come uomo, e continuerà a farlo. Non potrò mai giustificare, né accettare ciò che
ha fatto, ma al tempo stesso non potrò mai dimenticarlo. Non importa se
lo cancelleranno, se faranno finta di non averlo mai conosciuto, se gli negheranno l'accesso alla Hall of Fame… per me Chris sarà sempre un esempio, nel bene e nel male, e non smetterò mai di riconoscergli onore
e rispetto. Spero che tu trovi il tempo di leggere questa lettera, seppur un po' lunga, e magari di rispondermi. Sarebbe un sogno se tu la leggessi durante la tua trasmissione. La mando a te, perché hai dimostrato, nella puntata dedicata a Chris, per l'ennesima volta, una grande sensibilità ed intelligenza, rendendo il giusto onore a Chris, senza lasciarti andare né a facili moralismi né ad altrettanto facili ed ingiuste celebrazioni. Chris non va massacrato, né celebrato. Va rispettato. Sono d'accordo con quanto ha detto Eric Bischoff: “Dio benedica Nancy e Daniel Benoit. Dio perdoni Chris Benoit.” Io, da parte mia, l'ho perdonato.
I love you Chris. For real.”
Marco Schirru


E con questo ricordo di Chris Benoit ad un anno dalla disgrazia che ha deciso di compiere per motivi che mai sapremo, e che alla fin fine ha lasciato una cicatrice un po' su tutti noi, è giunto il tempo di passare alle risposte del dottò. La scorsa settimana vi avevo chiesto: “Kofi Kingston, Elijah Burke, Shelton Benjamin, John Morrison, The Miz. Quale di superstar, una ed una sola, draftereste a Raw o SmackDown con l'obiettivo di farla diventare un main eventer coi fiocchi e perché? Rispondete, rispondete e rispondete”. Ecco gli svolgimenti giunti nella casella di posta del TWR nel corso della settimana.

Salve A-Bomb, sono Emanuele Colonnese da Roma – sempre complimenti per l'ottimo lavoro svolto tuo e del sito in generale… passiamo subito alla mia risposta: Direi John Morrison a Raw, subito lanciato in zona titolo intercontinentale… semplicemente perchè è un'ottimo lottatore, gran fisico e discreto heat… direi uno su cui poter lavorare e magari puntare in futuro nei giri che contano davvero. e poi, lo Shaman Of Sexy è anche nella mia top su Myspace, perciò… 🙂
MANU

Ciao Bomba,
dal mazzo estraggo John Morrison draftato a SmackDown. E' l'unico di quelli citati a cui la WWE sta dando un po' di credito, ha un fisico buonissimo, tecnicamente è molto dotato, la gimmick è valida e lui ha dimostrato di poter far bene nella più importante federazione al mondo. In più è abbastanza navigato a livello di vittorie, titoli di coppia e titolo ECW, visto che a SmackDown si nota l'assenza di heel da contrapporre ai soliti nomi, direi che Morrison sarebbe l'ideale per il roster blu.
Grazie ciao! Siamo ancora vivi, abbiamo accorciato sul 2-3, non molliamo, può succedere di tutto!
Marco da Piacenza

Ciao sono Giovanni da Grosseto,in Toscana.
Io cambiere roster a Shelton Benjamin,portandolo a Raw.Per farlo diventare un big lo metterei in una faida con HBK che ovviamente
si concluderebbe con la vittoria di Benjamin dopo un match durissimo(tipo TLC)disputato in un PPV importante come Wrestlemania.Io lo farei diventare un big perche secondo me ha le qualita per diventarlo:forza,agilità,astuzia,ecc……

Ciao Dottò,
sono Alberto dalla provincia di Padova.
Il mio voto va senza dubbio ad Elijah Burke, uno che ha scritto “Main Eventer” in faccia. Molto più dei comunque bravi Benjamin, Kingston e Miz. Morrison è in una posizione intermedia: buone potenzialità, ma mic skill e carisma ancora non “da Main Event”. Burke invece ha tutto: tecnica, mic skill, carisma, capacità di stare sul ring, fisico. Sono ancora da dimostrare work rate e in-ring psychology, ma solo perchè non è stato ancora impiegato ad alti livelli, credo che materiale su cui lavorare ce ne sia in abbondanza. Tra tutti i debutti “made in ECW”, è l'unico che tiene testa a CM Punk, solo che la federazione sembra non saperlo…
Grazie per avermi permesso di dire la mia.
Ciao!

Ciao A-Bomb sono Fancesco da Palermo per questa settimana niente domande ma svolgo comunque i compiti del dottò: allora inizierò da Kofi Kingston , sinceramente non mi piace affatto la sua gimmick e il suo modo di lottare ma comunque ha molta presa sul pubblico e in futuro quasi sicuramente potrà essere spostato in uno dei due main roster, ma per il momento penso che sarebbe meglio se restasse alla ECW ancora per un pò. Mi soffermo brevemente su Shelton Benjamin, è molto bravo atleticamente ma in quanto a carisma e assai carente (scusa per la rima non voluta), non vedo a cosa possa servigli un cambio di roster, avrebbe lo stesso poco spazio anzi forse addirittura meno. Passiamo a The Miz, ha sicuramente guadagnato del passaggio alla ECW dove è migliorato sia al microfono sia sul ring, però non lo vedo ancora pronto per i due roster principali. Elijah Burke potrebbe giovare del passaggio a SmackDown!, il problema e che quasi sicuramente finirebbe come alla ECW, ovvero verrebbe messo da parte. Quindi la mia scelta ricade su John Morrison, quello che mancava all'ex Nitro era una buona gimmick e un pò di carisma, cose che è riuscito ad ottenere durante il suo periodo nella ECW, penso che sia ora di mandarlo a SD! dove potrebbe iniziare un feud per il titolo degli Stati Uniti e successivamente magari potrebbe fare qualche apparizione nel main eventing
ti saluto e faccio i complimenti a te e a tutoo lo staff di tuttowrestling
P.S.: ho riletto l'e-mail spero di non doverti far fare troppe correzioni 🙂
PS By A-Bomb: Me ne hai fatte fare parecchie…

Ciao, sono Luca da Castel Maggiore (BO), al mio primo compitino…
drafterei a Raw tutta la vita Elijah Burke… carisma, mic skill, tecnica, agilità e una discreta potenza… non vedo che altro si potrebbe chiedere ad un pro-
wrestler!! senza contare che Raw è praticamente senza top-heel (JBL a parte) in questo momento… vedo benissimo un suo push, e a seguire due o tre feud ben costruiti con qualche mid-carder face, per poi lanciarlo nei pressi del main
event, di qui a un annetto… senza trascurare il fatto che gli altri che hai
citato sono una frana al microfono.
ciao di nuovo

Antonio Ametrano: Devo dire che la domanda è meno ovvia del previsto, due di loro, su tutti, meriterebbero di essere draftati in un altro roster e pushati, quello che secondo me avrebbe più possibilità, per capacità sul ring, ma soprattutto per carisma fuori dal ring credo sia John Morrison, a SmackDown (forse non punterebbero molto facilmente su di lui per Raw). Però anche Burke non è male…

La risposta del dottò: Personalmente andrei con John Morrison che sotto molti aspetti appare un predestinato (lo manderei a SmackDown) e con Elijah Burke che mi sembra molto più dotato di quanto abbiamo visto fino ad ora. Sicuramente manderei Burke a Raw a rompere le balle un po' a tutti. Poco da fare invece per Benjamin e The Miz. Kofi Kingoston mi piace poco e non so fino a quando riuscirà a non stufare chi lo deve guardare di settimana in settimana.

Ed è giunto ora il tempo dei compiti per la settimana del post Night Of Champions: Quale superstar degli anni '80 ritirata ormai da anni meriterebbe di avere successo nel 2008?

E con questo è tutto. L'appuntamento è alla prossima edizione che immagino ricca di commenti post draft e PPV.

[RIQUADRO2]

14,934FansLike
2,617FollowersFollow

Ultime Notizie

Articoli Correlati